Archivio Tipress
GAMBAROGNO
02.06.2016 - 10:030

Il Gambarogno monta in sella: al via il progetto del marciapiede ciclopedonale

Il Consiglio di Stato ha assegnato il mandato di progettazione. La tratta avrà una lunghezza complessiva di quasi 2 chilometri e collegherà Magadino a Quartino lungo la cantonale

MAGADINO - Ottima notizia per tutti gli amanti delle due ruote che vorranno pedalare in sicurezza nel Gambarogno. Il Consiglio di Stato ha infatti assegnato il mandato di progettazione per le prestazioni d’ingegneria civile inerente alla realizzazione di un marciapiede ciclopedonale tra Magadino e Quartino, lungo la strada cantonale del Gambarogno, per l’importo di 191.647 franchi.

Lo scorso anno era stata anticipata l’esecuzione di un primo tratto di ca. 150m della pista ciclopedonale nella zona ricreativa del campo sportivo.

Si procede ora con la progettazione definitiva di due ulteriori tratti del marciapiede ciclopedonale, largo 2.50 m, in direzione dell’abitato di Magadino, rispettivamente della bretella di Quartino, per una lunghezza complessiva di quasi due chilometri, per migliorare ulteriormente i collegamenti per il traffico lento nella zona, rendendo così più attrattivi gli spostamenti ciclopedonali tra il Gambarogno e il Piano di Magadino.

Il progetto rientra nell’ambito di una misura del PALoc (Programma d’agglomerato del Locarnese) e risponde all’esigenza di messa in sicurezza di pedoni e ciclisti, che in questo modo potranno beneficiare di adeguati spazi loro riservati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 4 anni fa su tio
Altri soldi pubblici buttati al vento. Ma chi si sposta da Magadino a Quartino a piedi, in una zona impraticabile in inverno per il freddo e d'estate per la presenza delle zanzare. Progetti milionari che non hanno gli spazi fisici per essere realizzati
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:36:33 | 91.208.130.87