LUGANO
31.03.2016 - 18:330

Se c’è una bomba non resta che attendere: «La conferma di un problema già evidenziato»

Il Ticino non dispone più di un reparto artificieri, in tutta la Svizzera ne sono rimasti tre. Un grattacapo per una regione discosta e chissà che non si guardi all’Italia

LUGANO - La mattinata vissuta dai luganesi è stata alquanto movimentata, a causa dei due allarmi bomba che hanno paralizzato alcune vie della città. Il primo, nella chiesa di San Rocco, è scattato poco dopo le 9.30. Circa un’ora e mezza più tardi è arrivato il secondo: una valigia sospetta era abbandonata sul marciapiede di via delle Aie. In entrambi i casi il pericolo non si è fortunatamente manifestato, ma numerosi cittadini e lavoratori sono rimasti bloccati per diverse ore e la polizia è dovuta intervenire in forze. Ma la lentezza dell’intervento non è dovuta agli agenti ticinesi, bensì all’attesa degli artificieri provenienti da Zurigo.

Convenzione a livello nazionale - Perché in Ticino non c’è un reparto artificieri? In realtà, non c’è più da pochissimi mesi. Da gennaio infatti è entrata in vigore una convenzione intercantonale sottoscritta dalla Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (CDDGP). Ecco quindi che in Svizzera i reparti specializzati si sono concentrati a Zurigo, Berna e Ginevra. Tutti gli altri cantoni, in caso di emergenza, sono costretti ad alzare il telefono. Non un problema al Nord delle Alpi dove le distanze sono ridotte, ma il Ticino appare un po’ distante. Soprattutto in una giornata come oggi, quando il maltempo sul Gottardo ha impedito agli artificieri di volare su Lugano in elicottero.

«Lo abbiamo evidenziato» - Il direttore del Dipartimento delle Istituzioni Norman Gobbi conosce bene la questione: «È un problema che abbiamo sempre evidenziato, dipendendo da Zurigo, e dato che non siamo Argovia o Lucerna, per arrivare in Ticino gli artificieri possono metterci anche tre ore», ci risponde. «La convenzione è in vigore da tre mesi e queste esperienze non fanno che confermare quello che già avevamo fatto notare a suo tempo», aggiunge.

«Un attacco reale purtroppo è questione di minuti» - Chiaramente, la fortuna ha voluto che sacchetto e valigia fossero del tutto inoffensivi. Ma cosa accadrebbe se fosse una bomba vera? «In un attacco reale, purtroppo, tutto accade in 4 o 5 minuti. Gli artificieri servono piuttosto in casi come quelli verificatisi a Lugano. Per sventare attacchi veri sono però più importanti le attività di prevenzione e di intelligence», spiega Gobbi. «Spesso queste situazioni sono dovute a disattenzioni o, peggio, a degli scherzi di cattivo gusto. È importante che si capisca che interventi di questo tipo costano molto alla collettività in termini finanziari e i responsabili potrebbero anche doverne rispondere».

Chiedere all’Italia? - Da Zurigo, avvertiti la mattina, gli artificieri sono arrivati solo nel primo pomeriggio. E se si fosse chiesto ai vicini italiani? «Non ci sono preclusioni, in futuro si potrebbe pensare a soluzioni simili. Con Varese collaboriamo infatti già per la medicina legale», afferma Gobbi. Una possibilità anche più reale dell’agire da soli. «In questi settori i costi sono molto alti. Oltre alle attrezzature, il personale deve essere continuamente formato».

«Capisco le preoccupazioni del Ticino» - Ma cosa ne pensano a Berna delle preoccupazioni del Ticino? A presiedere la CDDGP è proprio un bernese, il consigliere di Stato Hans-Jürg Käser. «La soluzione attuale è apparsa la più adeguata all’assemblea plenaria della CDDGP», ci chiarisce, «evidentemente capisco che un’attesa di questo genere può essere un problema per polizia e popolazione ticinese». Una comprensione che lo stesso ministro bernese chiarisce: «Per Berna l'abbiamo pretesa perché è una citta sensibile, con le ambasciate e i palazzi governativi. Non potremmo mai aspettare che arrivi la polizia di Zurigo». E, infatti, non lo fa.

 

 

1 anno fa Allarme bomba nella chiesa di San Rocco
1 anno fa Anche a San Rocco solo un sacchetto. Era su un inginocchiatoio
Commenti
 
vulpus 1 anno fa su tio
A Zurigo ne hanno diversi di queste macchinette. Non sarebbe sufficiente formare qualche agente all'utilizzo e stazionarne uno in una zona più vicina al Ticino ? Del resto come fanno le altre regioni, visto che solo Zurigo, Berna e Ginevra ne sono dotati? Un po' più di buon senso nelle cose non farebbe male.
matteo2006 1 anno fa su tio
tranquilli è solo questione di pochi mesi, quando aprirà alptransit in 1 ora e mezza sono sul posto con qualsiasi tempo ed ecologici.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@matteo2006 Accidenti, mi sa che nessuno ci aveva pensato... Ebbravo Matteo... :-)))
Tiger 1 anno fa su tio
Quando ho letto la notizia, ho subito pensato che fosse demenziale far arrivare gli artificieri da Zurigo. E una collaborazione con artificieri di Milano, Varese o Como (non so dove abbiano sede esattamente quelli lombardi), mi sembra un'ottima idea. Sicuramente meno assurda da farli arrivare da Zurigo, quello é poco ma sicuro.
curzio 1 anno fa su tio
@Tiger La collaborazione con l'Italia si è sempre dimostrata una buona idea... che non funziona!
moonie 1 anno fa su tio
@Tiger no no niente italiani... troppo facile sparare emme tutto il tempo e poi quando ci si accorge di essere incompetenti andare a cercare protezione sotto la sua sottana. rangivas
Thor61 1 anno fa su tio
@Tiger Andrebbe RIPRISTINATO il servizio artificieri in Ticino, visto che gli operatori nel settore non si trovano sotto i sassi e visto che la sezione è stata smantellata da poco forse sono ancora liberi. Andare in Italia direi che in primis la figura (Ennesima) di EMME e senza contare la reperibilità e i relativi costi, direi che volendo si potrebbero risparmiare entrambe.
mgk 1 anno fa su tio
@curzio A me non sembra neanche buona
francox 1 anno fa su tio
A me questo sembra il momento meno opportuno per smantellare le sezioni di artificieri (penso lo capisca anche un bambino che segue le notizie in tele). Immagino che questi artificieri siano persone ancora in servizio in polizia e con l'istruzione ancora valida, visto che non esercitano da pochi mesi, quindi non impossibile da rimettere in servizio. A meno che vogliano bloccare i centri per ore e ore ogni volta che qualcuno butta un sacchetto in terra! Frontalieri anche gli artificieri? Bomba o non bomba.....a me pare l'ennesima zappata sui piedi.
vulpus 1 anno fa su tio
Un ulteriore occasione di enfatizzare una situazione , per poter ulteriormente allargare il corpo di polizia? Ma se prima c'erano gli artificeri in Ticino,ora sono stati licenziati?O fa gola il robottino? Bisogna rimanere con i piedi per terra ed essere più realistici.
odisseo_70 1 anno fa su tio
Paranoia!
Frankeat 1 anno fa su tio
Mi piace quelli che fanno i ganasa dicendo "Non bastava guardare dentro nel sacchetto?". E' vero da noi non avrebbe senso compiere un attentato, prima ci sono tante città famose da colpire, ma probabilmente lo dicevano anche quelli di Bruxelles. Intanto vorrei vedere come si comporterebbero questi gradassi se venissero chiamati dalla polizia con un "Buongiorno, c'è una valigetta abbandonata fuori dalla Posta di Bellinzona/Mendrisio/Lugano, potrebbe venire lei ad aprirla prima che facciamo arrivare gli artificieri da Zurigo che costano un botto (ahaha pure la battuta)?". Tutti gay con il fondoschiena degli altri.
Tato50 1 anno fa su tio
@Frankeat I computer non potranno mai rimpiazzare la stupidità umana ;-))
Tiger 1 anno fa su tio
@Frankeat Esatto!
mgk 1 anno fa su tio
Ci mancherebbe. Chiedere ai badola significa che un giorno si e uno anche avremmo un allarme bonba con regolare intervento e fattura
lecchino 1 anno fa su tio
"Chiaramente, la fortuna ha voluto che sacchetto e valigia fossero del tutto inoffensivi." FORTUNA???? Gobbi, ma cosa ti sei fumato????
rojo22 1 anno fa su tio
Vogliamo subito il gemellaggio con Raqqa o con Baghdad!
spank77 1 anno fa su tio
Scusate ma secondo voi una persona con la reale intenzione di fare esplodere un ordigno... lo va a mettere in un sacco in bella vista ?
Thor61 1 anno fa su tio
@spank77 L'ETA (terroristi spagnoli) lo facevano quasi sempre.
sedelin 1 anno fa su tio
capisco lo stato d' ansia dopo gli attentati, ma questa è paranoia. bastava guardare nel sacchetto prima di mettere in moto l'apparato poliziesco in grande stile. chi paga le spese? la valigia...l'avran messa in strada per non far la fatica di portarla all'ecocentro. relax! :-)
Thor61 1 anno fa su tio
@sedelin Potrebbe spiegare come mai NON è andato LEI ad aprire il sacchetto in questione???
Jnb 1 anno fa su tio
@sedelin Se vogliono fare una strage in ticino la bomba non la mettono in una chiesa o in una piazza. Ci sono altri posti dove possono causare una boom che non finisce!
sedelin 1 anno fa su tio
@Thor61 perché non ero lì, ma mi è già capitato di farlo e sono ancora qui :-)
zendesk 1 anno fa su tio
Ok.. ma se dovesse esserci un "timer" cosa facciamo.. il conto alla rovescia.. fino al boom??? E prima di mettere in piedi tutto sto casino.. guardare dentro il sacchetto noh??? Chiaro per una borsa/valigia.. meglio di no!
Mac67 1 anno fa su tio
non pare molto strana questa situazione, se si pensa che a livello nazionale, la copertura aerea funziona dal lunedi' al venerdi' dalle 08:00 alle 17:00 prima o dopo o nel weekend nessuna copertura! ricordate l'aereo dirottato a Ginevra, il mattino presto...scortato da aerei francesi in suolo elvetico... come puo' stupire che ci vogliano 3 h da Zurigo... inoltre mi chiedo ... piloti rega volano in strumentale, anche con condizioni avverse ... i nostri elicotteri militari non possono? e e non possono gli elicotteri... un aereo ? non puo' trasportare un robottino ? Zurigo-lugano 25 min . finche' a capo del dipartimento polizia e sicurezza, c'e' la "pianista" dalle porte aperte.... certo non potremo aspettarci che la situazione migliori... complimenti!
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
@Mac67 "Convenzione intercantonale", penso che sappi che significa... La brava e capace CF che tanto di disturba non c'entra... o vuoi mettere in dubbio le fortissime e ben radicate autonomie cantonali?... Il ParaNorman vi ha aderito ma se non gli piace può benissimo, come già fatto in altri ambiti vedi patologia, rivolgersi ai nostri cugini azzurri...
GIGETTO 1 anno fa su tio
@Mac67 Caro Mac67....hai pienamente ragione sulla Ro$$a pianista.....risulta essere ancora peggio della ex consigliera "sfascia-segreto-bancario" grigionese Evlineeee!!
Giuseppe Modica 1 anno fa su fb
Secondo me ogni corpo di polizia (cantonale) deve avere i suoi artificieri. Non é possibile attendere così a lungo per situazioni di pericolo come un allarme bomba. Questa volta é stato un falso allarme. E se la prossima fosse realmente necessario avere gli artificieri per un vero ordigno esplosivo?
Potrebbe interessarti anche
Tags
ticino
artificieri
problema
zurigo
bomba
polizia
lugano
convenzione
cddgp
berna
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 11:11:28 | 91.208.130.86