Immobili
Veicoli
tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
3 ore
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
4 ore
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
6 ore
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
CANTONE
6 ore
Divoora: 1.400 firme in meno di 48 ore
La popolazione sta dimostrando solidarietà sostenendo le rivendicazioni dei fattorini
RIVERA
6 ore
Un altro weekend di tamponi
Riapre domenica il centro della Protezione civile di Rivera. Ecco dove farsi testare il 28 e 29 gennaio
CANTONE
9 ore
Don Tamagni, proposti sei mesi da scontare, altri 27 sospesi
Tra appropriazione indebita e truffa, il parroco ha estorto oltre 900mila franchi.
CANTONE
9 ore
«L’atto d’accusa è un pasticcio»
Chiesto (e negato) il rinvio del processo nei confronti dell’ex comandante delle guardie di confine Antonini.
CANTONE
10 ore
Tilo ripristina (quasi) tutte le linee
I treni per Malpensa e per Como tornano in piena attività
BODIO
11 ore
Ringraziamenti e celebrazioni tra meritevoli e neo maggiorenni
Una serata in forma ristretta che ha sostituito la tradizionale festa
CANTONE
11 ore
Covid: quattro nuove vittime
Si registrano inoltre 1'384 positivi nelle ultime 24 ore.
CONFINE
12 ore
Niente più tamponi per l'Italia
Dal primo di febbraio basterà il certificato Covid. La decisione di Roma
VAL POSCHIAVO
13 ore
Due strade grigionesi si rifanno il look
Nuovi cantieri a Silvapiana e Poschiavo. I progetti del governo di Coira
CANTONE
15 ore
La 'ndrangheta chiede permesso
Un frontaliere 59enne sarebbe prestanome del clan Raso-Gullace-Albanese. In Ticino ha ottenuto un prestito Covid
LOCARNO
15 ore
Lascia tutto e se ne va
Storia di Renato Molo, classe 1980: via dalle certezze, in piena pandemia parte verso l'ignoto. Oggi abita in Colombia.
CANTONE
22 ore
Due mozioni in tema di giustizia
Maddalena Ermotti-Lepori si è concentrata sul tema della mediazione, mentre Roberta Soldati sulla conciliazione
CANTONE
23 ore
Scuole medie, bocciata la sperimentazione
Il Gran Consiglio ha affossato il credito di 237'000 franchi richiesto dal Governo.
CANTONE
03.12.2015 - 16:420
Aggiornamento : 17:54

OCST contro i negozi aperti il 27 dicembre: "Troppo facile, Consiglio di Stato!"

Il sindacato si riserva di impugnare la decisione del Consiglio di Stato dinnanzi al TRAM

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha giudicato irricevibile il ricorso inoltrato dall'OCST al TRAM il 17 settembre 2015 e riguardante l’autorizzazione all’apertura straordinaria di domenica 27 dicembre 2015.

Il Dipartimento Finanze e Economia - dettaglio di tutto rilievo - nel decreto pubblicato su Foglio Ufficiale nel mese di agosto, ha commesso un manifesto errore nell’indicare come foro di ricorso il TRAM invece del Consiglio di Stato. Una svista, si fa per dire, sottolineata dal TRAM nella sua sentenza del 25 novembre 2015 con rinvio degli atti al Dipartimento che aveva commesso l’errore di forma.

Al sindacato, firmatario di diversi contratti collettivi nella vendita, "non è stato concesso il diritto di rappresentare i legittimi interessi dei suoi 3000 associati attivi nel settore", scrivono in una nota stampa. Di conseguenza OCST si riserva di impugnare la decisione del Consiglio di Stato dinnanzi al TRAM.

"Resta aperto - aggiungono - il quesito nel sapere se il 27 dicembre 2015, una domenica di festa, si potrà impiegare il personale di vendita . L’incombente data costringe l’OCST a utilizzare altri canali per evitare che un inutile egoismo consumistico (quello di iniziare con i saldi di fine anno in un giorno festivo) possa prevalere sul buon diritto del personale di vendita di riposarsi finalmente dopo il tour de force pre-natalizio".

Il sindacato ricorda inoltre come le deroghe di fine anno - peraltro non contestate - già concernono i giorni 8, 13, 20, 23, 24, 30 e 31 dicembre 2015). OCST ribadisce che "una coincidenza di calendario (il Natale cade di venerdì e S. Stefano di sabato, seguito da una domenica), debba essere messo al beneficio delle lavoratrici e dei lavoratori".

Saranno aperti i negozi il prossimo 27 dicembre 2015? L’ultima parola non è ancora stata scritta.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lillyna 6 anni fa su tio
Sempre a "rompere" le scatole per le aperture dei negozi.. poveri commessi vero? Però a tutte quelle persone che lavorano per NOI 24 ore su 24, 7 giorni su 7, come infermieri, dottori, poliziotti, macchinisti ecc. non ci pensa nessuno? Cosa dovrebbero dire loro? Basta fare i "piangina"!!
Meno 6 anni fa su tio
@Lillyna ormai.... tutto il mondo evolve, la gente lavora molto di più e spesso in settimana non riesce a fare gli acquisti che necessita, quasi tutti i paesi l'hanno capito e vi ci puoi trovare negozi aprti 7/7 fino alle 22. mentre in Ticino, pieno di gente poco incline al cambiamento e con idee rosse in testa non riescono neanche a contemplare qualche domenica aperta o un prolungamento alla sera di mezzora. Povero Ticino!
GroundZero 6 anni fa su tio
@Lillyna Infermieri, dottori e via dicendo fanno parte dei servizi d'emergenza e di cure che noi paghiamo con le tasse e che sono garanzia di un paese sociale. Poi un poliziotto o un pompiere non lavora 24/24h o 7/7, hanno turni di riposo ben specifici, mentre nei negozi spesso non vengono rispettate le leggi. Ad esempio nel giorno del Black Friday in molti grandi magazzini il personale ha lavorato 14ore! :)
GroundZero 6 anni fa su tio
@Meno Esatto povero Ticino. Si pensa che per risolvere i problemi che ci sono basti allungare di 30 minuti l'orario di apertura. Io sono stato spesso a Lugano nei negozi che tengono aperto fino alle 19:00. SONO VUOTI! :)
GroundZero 6 anni fa su tio
Prendo il discorso un po' largo. Innanzitutto ci sono più di 300 giorni l'anno per fare i propri acquisti per i regali di Natale, che alla fine sono soltanto consumismo, perché tutti li fanno nell'ultima settimana prima del 25? Secondo punto, il personale di vendita è già ridotto all'osso, costretto a pressioni e mobbing da parte dei piani alti, costa tanto lasciar loro tre giorni di riposo per stare in famiglia? Vi ricordo che un sacco di voi durante le feste natalizie sono IN VACANZA, mentre loro non possono perché lavorano PER NOI. Terzo punto, io quest'anno sto vedendo sempre più stagisti e personale ad ore, frontalieri e via dicendo, che vengono spremuti come limoni per far arricchire i grandi magazzini, boicottare questi negozi sarebbe un bel sostegno. Fate poi voi...
Meno 6 anni fa su tio
@GroundZero Infatti è normale acquistare a febbraio i regali di natale. Vabbé ognuno fa come vuole, li si possono comprare anche con 2 o 3 anni di anticipo volendo! Un'altro discorso invece di interrogarsi come mai vanno tutti nel mese di dicembre, è prenderne atto che grande parte della popolazione vuole fare gli acquisti a dicembre (chissà come mai eh) e prendere coscienza che è sentita come necessità (tanto o fanno spesa da noi o vanno in Italia). In buona parte del mondo i negozi sono aperti la domenica, perfino nella sindacalissima Italia (e anche fino a più tardi di come vengono aperti i negozi dai noi) proprio perché è un bisogno. La gente lavora di più e ha sempre meno tempo per sbrigare le faccende. Io vedo gli studenti alla cassa della manor il giovedì sera, e ne sono contento così anche loro hanno la possibilità di farsi un po di soldini. Inoltre te dimentichi che molti lavoratori sono contenti di fare straordinari per guadagnare un po di più, specialmente perché il lavoro nei giorni festivi viene pagato molto di più e i giorni di riposo sono compensati. Quindi forse bisognerebbe togliersi questi occhiali rossi dagli occhi e vedere la realtà per quello che è. Più ore totali di apertura = maggiore bisogno di manodopera, quindi più occupati. Te parli di mobbing e pressioni... però dimentichi che oltre ai contratti collettivi esistenti, le catene di negozi (che sono i principali datori di lavoro) si guardano bene dal non rispettare i CCL visto che la pubblicità negativa che ne deriverebbe sarebbe tanta! Sai che in Italia, Francia, USA, Inghilterra, Germania ma anche a Zurigo ci sono tanti negozi sono aperti 7/7 e fino alle 22 ogni giorni? Mentre qui in Ticino c'è gente come te che per aprire una domenica, o allungare l'apertura in settimana fino alle 19 invece delle 18.30 fanno una tragedia?
Lokal1 6 anni fa su tio
@GroundZero Non sono d'accordo con te, se pur intelligente la tua riflessione. Il problema di stagisti e frontalieri mi dispiace ma la colpa é tutta nostra! i nostri politici o datori di lavoro (e a volte sono la stessa persona!) loro chiaramente si aprofittano di questi giochetti per guadagnarci, noi popolo dovremmo dire a gran voce basta a posti di lavoro senza contratti collettivi e dare un limite a frontalieri e stagisti. tornando al problema dell'apertura natalizia o domenicale.....Polizia Ambulanze Pompieri ecc ecc lavorano 365 giorni 24/24! E con la frenesia di oggi giorno se i negozi restassero aperti la sera fino le 22 e la domenica....non ci si ritroverebbe tutti il sabato a fare la spesa in 7 ore scarse....quindi credo che ne gioverebbero tutti. Chiaro che se il negoziante vuole tenere aperto 365giorni 24/24 dovrà rispettare determinate regole contrattuali (già esistenti e funzionanti per altri impieghi!) chiaro che un/a commesso/a dopo 5 giorni di lavoro a 8/9 ore giornaliere dovrà avere diritto a 2 giorni filati di riposo...... Per tirare le somme....a regolamentare bene il tutto, tenere i negozi aperti di più si creano posti di lavoro!
GroundZero 6 anni fa su tio
@Lokal1 Ah si? Si creano posti di lavoro? Non farmi ridere...:)
GroundZero 6 anni fa su tio
@Meno Ti rispondo in una riga, hai parlato di Manor, bene! Il Black Friday il personale ha lavorato 14 ore senza nessuna compensazione. Sicuro che i negozi rispettino i CCL? Inoltre se pensi che orari di apertura più lunghi porteranno ad una maggiore assunzione di personale allora sei completamente fuori strada. Gente come me non lo accetto. Non mi conosci e quindi non ti permettere di etichettarmi. Grazie. Non è questione di essere rossi, verdi o blu è questione che i grandi magazzini, specie in Ticino, stanno tagliando il personale fisso e mettendo un sacco di personale ad ore creando precariato, idem negli uffici, nelle banche, ecc. Per la cronaca in Ticino ci sono quasi 20'000 sottooccupati e 30'000 disoccupati. :)
87 6 anni fa su tio
Per me è indifferente se aprono o meno i negozi di domenica, spero solo che se dovessero tenere aperto anche il 27, oltre a dare il 100% di stipendio in più (come dovuto), diano anche una gratifica (per l'impegno nel periodo festivo). Voglio fare anche io il sindacalista: rompere i maroni e far tanto rumore per ottenere Niente, sempre e solo dove è facile farlo e dove i media ci sguazzano dentro (l'importante è fare il servizio in radio/tv o l'articolo sul giornale). Invece quando e dove servono i sindacalisti (argomenti più impegnativi), questi spariscono e/o guardano altrove (es. il furgone nuovo fiammante con insegna e targhe azzurre il sabato sotto un cantiere, entrato in CH il giorno prima; troppo difficile farsi avanti quando si rischia la bastonata dall'artigiano abusivo) A chi paga ancora le quote ai sindacati, chiedo gentilmente di smettere nel riempire le loro (e solo loro) tasche gratuitamente. Forse non risolveremo tutti i problemi di lavoro in Ticino, ma quando vedranno le casse svuotarsi, forse loro si impegneranno di più nel proteggere i lavoratori ticinesi.
Meno 6 anni fa su tio
@87 Ho avuto a che fare indirettamente con i sindacati. Ti trovi persone che dovrebbero trattare con i datori di lavoro che non hanno la minima conoscenza dei concetti di economia aziendale e quindi non sono neanche in grado di comprendere le problematiche aziendali ed essere costruttivi. Fanno battaglie di principio e sembra che quasi cercano di evitare il compromesso. Per non parlare di quando (spesso!) sono loro ad insinuare nei lavoratori l'idea che devono reclamare per qualcosa, e quindi scioperare quando invece anche per il lavoratore andava bene com'era. Per non parlare dei lavoratori che di loro iniziativa non vogliono partecipare agli scioperi ma che vengono resi impossibilitati dal lavorare perché per esempio i sindacalisti con gli scioperanti glielo impediscono perfino fisicamente.
87 6 anni fa su tio
@Meno All'occupazione di suolo privato da parte dei sindacalisti, l'avente diritto può denunciarli per violazione di domicilio (Art. 186, CP). Oltre a non conoscere l'economia aziendale, non conoscono nemmeno in parte il CO o i CCL professionali, se non i soli riassunti che mandano in giro loro ogni anno (ma un CCL è molto più dettagliato che un banale foglio A4 piegato). Chiaro che invitano gli operai a scioperare, se questi scioperano, i sindacati trovano lavoro e magari ci scappa il solito articolo di giornale. Anche io ho avuto modo di essere interpellato da colleghi e amici con problemi col datore di lavoro, dopo che hanno constatato le scarse capacità da parte dei loro sindacalisti. Il successo sta nel soddisfare entrambe le parti con un compromesso di condizioni vantaggio/svantaggio.
ZetaCrea 6 anni fa su tio
Ma perché non teniamo aperto i negozi 24ore?? così la gente non si stressa troppo a fare le cose all'ultimo. Cioè dico: il mese di dicembre dal 1 fino al 31 orario continuato
gp46 6 anni fa su tio
Ma perché non tenere aperto anche il 25, magari fino a mezzogiorno, in maniera che tutti abbiano la possibilità di scassare i m a r o n i alla cassiera fino alle 11.58 ?...e sono sicuro che sarebbero in molti..
Lucky71 6 anni fa su tio
Beh, io la domenica non me la passo proprio in un centro commerciale.
GroundZero 6 anni fa su tio
@Lucky71 Però vuoi che i negozi restino aperti anche la domenica.... bravo...
bubi_67 6 anni fa su tio
Io li capisco... quasi tutti i sindacalisti sono azionisti dei negozi nelle pompe di benzina e in parte anche della grande distribuzione italiana, e visto che il 27 dicembre con ogni probabilità tantissimi avranno i frighi vuoti, non si vuole creare l'opportunità di spendere in Ticino, ma obbligare il consumatore a far capo a questi negozi.... quindi il 27 TUTTI IN ITALIA, per una gita, un caffé e poi la spesuccia! Poi magari si trova pure in giro qualche sconticino/saldo....
wind24 6 anni fa su tio
incredibile questi sindacati, dei veri scassamaroni!
giorgioco44 6 anni fa su tio
ma che seghe questi sindacati.....in tutto il mondo i negozi prima di Natale sono aperti.......non la fate lunga....
GroundZero 6 anni fa su tio
@giorgioco44 Infatti si parla di DOPO Natale ;)
sedelin 6 anni fa su tio
aperti o no, IO NON CI VADO PER NEGOZI, NON SONO MICA SCEMO!
sedelin 6 anni fa su tio
@sedelin ma che "sciocchino", S C E M O !

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 21:47:59 | 91.208.130.85