Foto Fotolia
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
7 min
Fioristi agguerriti: «Così vi facciamo dimenticare i cattivi pensieri»
Vendere una semplice stella di Natale o un amarillis non basta più. Da ormai diversi anni l’Avvento si trasforma in una sfida basata sui colpi di genio. E sulla capacità di stupire
Attualità
9 min
Dal fotovoltaico allo studio sui batteri: quando la Supsi progetta al fronte
Il mandato che il Cantone ha stipulato con la scuola comprende sedici ambiti. Tra i molti abbiamo selezionato tre progetti
AIROLO
14 min
A Pesciüm si scia dal 30 novembre
Le condizioni meteo particolarmente favorevoli hanno permesso di preparare le piste
SAN BERNARDINO
55 min
La neve è arrivata: parte la pre-season
L'apertura parziale delle infrastrutture invernali è prevista per il 23 e il 24 novembre
CANTONE
1 ora
Fumo o svapo: «Meglio buttarsi dal primo piano, piuttosto che dal quinto»
I medici americani chiedono lo stop alla sigaretta elettronica. Tanti i dubbi sullo svapo. Ma in Svizzera il mercato è in ascesa. Ecco cosa ne pensano gli esperti ticinesi. Guarda il video
LUGANO
1 ora
«Chi di conflitto di interessi parla, in conflitto di interesse è!»
Il PLR replica alle accuse leghiste rivolte nei confronti della loro capogruppo in consiglio comunale, Karin Valenzano Rossi
CANTONE
1 ora
I social media riscuotono interesse turistico
Oltre trenta le persone che hanno preso parte a una formazione proposta ai partner di Lugano Region e Mendrisiotto Turismo
LOCARNO
2 ore
Monte Brè, l'incontro in Municipio
L'Esecutivo cittadino ha incontrato i promotori del progetto privato che mira a edificare nuove costruzioni di stampo turistico e alberghiero nel quartiere
BELLINZONA
2 ore
Il premio Robert Wenner ad Andrea Alimonti
Il capogruppo dell'Istituto oncologico di ricerca di Bellinzona riceverà 100'000 franchi per le sue scoperte sulle cellule tumorali
MENDRISIO
3 ore
Un nuovo contratto collettivo per FoxTown
Ne beneficeranno, dal 1° gennaio, oltre 1200 collaboratori attivi nei 160 negozi del Centro
CANTONE
3 ore
«Servizio espresso», basta pagare e ti arriva la patente
Su Facebook compare la pagina "patente di guida". Si ottiene senza esami né prove, ma pagando
CANTONE
3 ore
Violenze contro i figli, confermate le pene
Per i fatti relativi ai genitori di Chiasso, la madre è stata condannata a otto anni mentre il padre a tre. Condannato anche il nonno per non aver sporto denuncia
CONFINE
3 ore
Frana sulla strada per il Bisbino, isolate 900 persone
La strada che collega Rovenna a Cernobbio è stata nel frattempo sgomberata dai massi, ma per il ripristino in sicurezza serviranno giorni
CANTONE
11.09.2015 - 07:450
Aggiornamento : 09:36

Oltre 400.000 franchi di sussidi: quei libri che nessuno legge

Spesso gli sforzi dello Stato per sostenere editori e lettori non trovano il riscontro del pubblico. 'Colpa' anche della particolare situazione del Ticino

BELLINZONA - Oltre 400.000 franchi di sussidi pubblici stanziati ogni anno per le pubblicazioni ticinesi. Ma spesso gli sforzi dello Stato per sostenere gli editori (e i lettori) non trovano il riscontro del pubblico. I libri restano sugli scaffali dei negozi o, peggio ancora, nelle cantine degli editori. "Questo fenomeno - spiega Paola Piffaretti, coordinatrice dei Servizi culturali del Cantone - è purtroppo dovuto alla particolare situazione del Ticino. Il nostro bacino d'utenza è molto più limitato rispetto alle altre realtà linguistiche svizzere". 

Cifre - Le statistiche ufficiali indicano che nel 2013 il Cantone, grazie al fondo dell'Aiuto federale per la salvaguardia e la promozione della lingua e della cultura italiana, ha destinato 414.970 franchi all'editoria. Quasi mezzo milione di franchi, considerando anche il contributo di Swiss Los. Nel dettaglio, 276.995 franchi per la pubblicazione di libri, 126.000 per riviste storiche e 11.975 per l'acquisto di pubblicazioni. 
 
I più sostenuti - Spulciando le tabelle dei resoconti annuali del Dipartimento della cultura spiccano i 10.000 franchi per "Il mistero delle incisioni, archeologia rupestre della Svizzera italiana" (Armando Dadò) di Franco Binda o i 10.000 per 'Sotto la linea dell'azzurro, la Via Alta della Verzasca' (Salvioni Edizioni) di Romano Venziani. Tra le riviste, ecco invece gli 8.000 franchi per il bollettino della Società Storica Locarnese, oppure i 12.000 franchi per il numero speciale di Arte e Storia su "Gli svizzeri a Pisa e a Livorno".    
 
Opere di nicchia - Cifre importanti per libri o riviste spesso di nicchia e acquistate da un numero ridotto di ticinesi. La domanda sorge dunque spontanea: il santo vale la candela? È opportuno devolvere somme significative per opere a volte addirittura sconosciute al pubblico di massa? Per Paola Piffaretti la risposta è assolutamente affermativa. "Il nostro obiettivo è quello di aiutare gli editori a ridurre i costi di stampa e di conseguenza ad abbassare il prezzo di copertina. A beneficiarne alla fine è il lettore. Sosteniamo direttamente gli editori. Perché stampare in Ticino purtroppo costa parecchio. Per alcuni libri concediamo di più? Dipende da vari fattori. Ad esempio anche dal numero di fotografie e di immagini contenute nell'opera".

Criteri - Ma con quali criteri sono scelte le opere da sostenere? "Ci avvaliamo di una commissione di esperti che si occupa di valutare ogni singolo caso. Il libro deve essere edito in Ticino o essere scritto da un autore ticinese. Ci sono, tuttavia, anche casi particolari. Possiamo sostenere anche opere scritte da ticinesi ma stampate all'estero. Non necessariamente l'opera deve trattare tematiche legate al Ticino". La maggior parte delle pubblicazioni sostenute, tuttavia, è di carattere storico-geografico. "Ma capita sovente di sussidiare anche romanzi e libri di poesia", puntualizza Piffaretti. Diverso il discorso per le riviste. "In quel caso puntiamo su periodici che abbiano una valenza letteraria e storica, o comunque legata al territorio. È un'esclusiva ticinese. Nelle altre regioni linguistiche lo Stato raramente sussidia riviste". 

Promozione - Sul numero di libri sussidiati non venduti, Piffaretti non ha dubbi. "Dipende anche dalla promozione che viene fatta dagli editori. Noi ovviamente, in sede di valutazione, consideriamo anche il lavoro promozionale che sarà fatto per la specifica pubblicazione. È in base anche a questo fattore che si decide che tipo di cifra stanziare".

Mercato ridotto - Ma c'è anche un altro problema. E che va ben al di là della banale constatazione sulla crisi globale del mondo della lettura. "Un libro prodotto in un cantone francofono può essere letto in tutta la Romandia. La stessa cosa accade per un libro stampato ad esempio a Zurigo. Può essere distribuito in tutti i cantoni di lingua tedesca. Un libro ticinese al massimo lo leggono nel Grigioni italiano. La distribuzione in Italia? Spesso è proibitiva. Comporta un sacco di spese supplementari per l'editore e grossi rischi. Il mercato è dunque più ristretto".   
  
Qualità - Piffaretti conclude con una riflessione importante. "I libri ticinesi, prodotti localmente, costano generalmente di più rispetto ai best sellers internazionali della grande distribuzione. Qualche lettore ogni tanto si lamenta. Ma il consumatore deve sempre ricordarsi che acquistando un libro ticinese si sostengono l'economia, gli editori e gli autori locali. E poi bisogna considerare che se un libro ha ricevuto il sostegno derivante dagli aiuti federali significa che è stato letto e reputato meritevole da una commissione di esperti. E questo è sinonimo di qualità". 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 18:21:00 | 91.208.130.86