CANTONE
21.06.2015 - 15:540
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Oltre 100 pompieri al corso sugli inquinamenti

Tre giornate di formazione organizzate dalla Federazione Cantonale Ticinese dei Corpi Pompieri

BELLINZONA - Da venerdì 19 giugno a domenica 21 giugno 2015 si è svolto con successo il corso cantonale di base ABC. Organizzato dalla Federazione Cantonale Ticinese dei Corpi Pompieri in collaborazione con il Centro cantonale di soccorso Chimico e Radioprotezione di Bellinzona, ha visto impegnati 105 partecipanti pompieri provenienti da tutto il Cantone. Negli ultimi anni gli eventi ABC (Atomico-Biologico-Chimico) rappresentano la casistica maggiore per i pompieri ticinesi (854 gli interventi svolti nel 2014 in questo ambito).

In particolare i pompieri sono chiamati frequentemente per scongiurare gli inquinamenti a seguito di incidenti stradali e sversamenti di idrocarburi su strada, nel terreno e nei corsi d’acqua. Per questo 105 militi provenienti dai Centri di Soccorso cantonali, dai Corpi Pompieri locali e dalla Difesa dell’Impresa delle FFS hanno svolto tre giornate di formazione in questo ambito specifico. Il corso si inserisce nel percorso di formazione di base dei pompieri ticinesi, obbigatorio per tutti i nuovi incoprorati, che prevede oltre alla formazione di base tenutasi lo scorso mese di maggio, la formazione all’impiego degli autorespiratori e i moduli di approfondimento sulla lotta contro il fuoco che si svolgeranno dopo l’estate.

Nelle prime due giornate di corso, svolte nel Gambarogno, i militi hanno potuto apprendere i principi tattici in caso di interventi chimici. Hanno inoltre esercitato le prime misure atte a rendere sicura la zona contaminata e a riconoscere le sostanze coinvolte mediante una corretta lettura e interpretazione delle etichette e delle targhe di pericolo. Particolare attenzione è stata riservata alla formazione dei militi sul salvataggio delle persone coinvolte e della relativa decontaminazione per permettere un tempestivo intervento sanitario in sicurezza. Grazie alla collaborazione di diversi Corpi Pompieri del Cantone che hanno messo a disposizione i veicoli necessari, è stato possibile esercitare i partecipanti in gruppi di intervento e in condizioni molto prossime alla realtà. Il corso è poi proseguito con la terza giornata a Cadenazzo, approfondendo la conoscenza del materiale specialistico in dotazione per contenere e recuperare gli sversamenti di idrocarburi. Particolare attenzione è stata dedicata all’istruzione sull’intervento su corsi d’acqua per scongiurare l’inquinamento della flora e della fauna ittica. Sotto la direzione dell’ing. Samuele Barenco, Comandante del Centro Cantonale di Soccorso Chimico e Radioprotezione di Bellinzona, gli istruttori hanno impartito complessivamente 120 ore di istruzione specialistica, coadiuvati da una trentina di inservienti e collaboratori.

Nel Canton Ticino le competenze dei pompieri in ambito ABC sono regolate da una convenzione stipulata nel 1995 tra il Dipartimento del Territorio e la FCTCP. Il Dipartimento del Territorio sta elaborando il nuovo Concetto ABC basato sull’analisi aggiornata dei rischi per il Ticino che permetterà di rinnovare le convenzioni con i pompieri nell’ottica di migliorare la gestione degli eventi in questo ambito.

Ingrandisci l'immagine

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 04:54:11 | 91.208.130.86