+ 13
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
19 min
La parola fine sul caso Sogevalor
CANTONE
46 min
«Vogliamo insegnare ai ragazzi a studiare forse meno... ma meglio»
CANTONE
1 ora
Un esercito di ticinesi senza licenza media
BELLINZONA
7 ore
La foca in arancione per una buona causa
CANTONE
10 ore
De Rosa: «Inaccettabile un aumento delle casse malati»
CANTONE
10 ore
Sistemare via Chiesa in vista della cittadella della gioventù
BRIONE VERZASCA
11 ore
Suonano le sirene, ma è un falso allarme
LUGANO / ITALIA
11 ore
Una ditta luganese vuole assumere 400 persone a Napoli
MENDRISIO / CANTONE
13 ore
Tutti questi alberi verranno abbattuti?
AIROLO
13 ore
Cent'anni e non sentirli per Aldo Piccinonno
LOCARNO
13 ore
Cartelli illegali: «Il Municipio ha fatto una doppia figuraccia»
MENDRISIO
13 ore
Tre condanne e un arresto per i migranti passatori
CANTONE
14 ore
Abusi al Dss: la nomina fa discutere
LUGANO
15 ore
Campioni del mondo alla Lugano Bike Emotions
CANTONE
16 ore
Fungiatt dispersi in valle Morobbia, ma è un'esercitazione
MENDRISIO
18.06.2015 - 08:280
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Continua la protesta alla Exten

Parte degli operai davanti ai cancelli per chiedere la revoca del licenziamento di un collega

MENDRISIO - Continua la protesta di una parte degli operai della Exten che hanno incrociato le braccia a causa del licenziamento di un loro collega, avvenuto martedì sera. La ditta di Mendrisio salita agli onori della cronaca per lo sciopero di otto giorni consecutivi attuato nel febbraio scorso a seguito della volontà dell’azienda di  operare dei tagli salariali, sembra ferma nella sua nuova decisione. 

Questa volta come già riferito ieri, la miccia dello sciopero e della protesta davanti ai cancelli della Exten è stata la drastica e immediata decisione di licenziare il capo delegazione dei lavoratori, protagonista della conciliazione dello sciopero di febbraio. Alla base della decisione aziendale, un litigio con un collega dell’amministrazione. Secondo l’azienda il dipendente è stato licenziato “essendosi comportato in maniera inaccettabile e penalmente reprensibile”.

La decisione ha quindi fatto scattare la protesta e il presidio dei cancelli da parte dei sindacalisti Unia e alcuni colleghi di lavoro. Inutili i tentativi di trattativa per la revoca del licenziamento. Domani è previsto l'incontro di conciliazione. Questa mattina gli operai sono di nuovo davanti ai cancelli. Ieri, sembra che la produzione sia stata attiva solo per tre linee sulle sette complessive.

Sul posto presente anche una decina di agenti della polizia per garantire l’accesso agli operai che invece sono entrati per lavorare. Il Municipale di Mendrisio Giorgio Comi, giunto sul posto, ha incontrato l'operaio licenziato.

Rescue Media
Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 07:46:08 | 91.208.130.87