Foto Ti-Press
MENDRISIO
02.03.2015 - 13:490
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Precetti al Casinò Admiral, la direzione va all'attacco

Comune di Mendrisio e NCKM sono invitati a rispettare gli accordi

MENDRISIO - La Casinò Admiral SA ha preso atto, "con assoluta incomprensione", della ricezione di due precetti esecutivi pervenuti da parte del Comune di Mendrisio e della NCKM (Nuova Casinò Kursaal Mendrisiotto SA). "Quest’azione aggressiva rappresenta un ulteriore passo unilaterale" teso ad "acutizzazione una questione che è regolata, in modo chiaro e inequivocabile, nelle relative convenzioni e che, nella situazione attuale, non lascia nessuno spazio d’interpretazione".

Così facendo, continua la direzione della casa da gioco, si generano spese legali inutili e vengono messi fortemente a rischio dei posti di lavoro. "Sollecitiamo quindi i rappresentati del Comune di Mendrisio e della NCKM di trovare il coraggio e rispettare gli accordi pattuiti, anche se questo comporta degli inconvenienti di valenza politica".

La vicenda - Casinò Admiral SA ribadisce che "i contributi sono da versare unicamente quando il Casinò opera in modo redditizio e che i contributi non sono forniti se l’azienda non raggiungere un utile sufficiente o se lavora in perdita". Già nell’autunno 2013 il Comune di Mendrisio e la NCKM sapevano che, per il 2014, si prospettava un peggioramento della situazione economica e che "sarebbe stato necessario prevedere una riduzione o addirittura prendere in considerazione una cessazione dei nostri versamenti".

La NCKM ha presentato una proposta di ridurre l’ammontare dei contributi a lei fornite "ma la proposta non teneva assolutamente conto delle circostanze economiche in cui il Casinò si trova e, di conseguenza, non abbiamo potuto accettarla". Per contro il Comune di Mendrisio "non ha a tutt’oggi presentato una proposta di rinuncia, anche solo di una minima parte, dei contributi previsti insistendo in modo ostinato di ricevere l’intera somma, come se il Casinò si trovasse a gestire ancora una florida situazione economica".

Le perdite della Casinò Admiral Mendrisio SA nel primo semestre del 2014 ammontavano a circa 600mila franchi. La cifra globale dello scorso anno non è ancora disponibile, ma le cifre saranno sicuramente rosse. La revoca della soglia di cambio tra euro e franco andrà a peggiorare ulteriormente la situazione nel 2015: "Si prospetta quindi un’ulteriore diminuzione del nostro fatturato e un acutizzarsi della nostra situazione economica. Situazione, che c’impone drastiche misure di risparmio, che prevedono anche dei licenziamenti, in modo da consentire la sopravvivenza del Casinò".

"Incomprensibile" - Chi gestisce il Casinò appare furibondo: "Per noi è assolutamente incomprensibile il motivo che per accettare la nostra evidente situazione in perdita, sia il Comune di Mendrisio sia la NCKM necessitino di un parere giuridico nonché di una sentenza giudiziaria. Sorge il dubbio che presso il Comune di Mendrisio e la NCKM non siano state fatte le dovute analisi e che vennero investiti in anticipo dei soldi che, in seguito alle nostre missive, non erano a disposizione".

Casinò Admiral SA comunica poi di aver inoltrato formale disdetta alle parti in data 23 dicembre 2014 per il 31 dicembre 2015. "Sollecitiamo sia il Comune di Mendrisio sia la NCKM a rispettare gli accordi in essere e a trovare il coraggio politico d’informare l’opinione pubblica in modo franco e sincero. Solo partendo da tale premessa saremo disposti in futuro, quando la situazione economica migliorerà, a intavolare nuovamente un dialogo per la ripresa delle nostre elargizioni".

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-23 14:58:24 | 91.208.130.89