CANTONE
06.11.2014 - 15:070
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

“Rendere migliori le condizioni di lavoro in polizia”

Nell'assemblea del sindacato VPOD di polizia si chiedono adeguamenti salariali per il personale

BELLINZONA - Rendere migliori e attrattive le condizioni di lavoro per il personale della polizia cantonale. Sono queste, in estrema sintesi, le rivendicazioni del sindacato VPOD riunitosi in assemblea.

Il VPOD informa che seguirà da vicino la nuova classificazione delle funzioni degli impiegati cantonali sulla base di una valutazione del lavoro e delle competenze richieste effettuata da una ditta esterna e annuncia “che farà sentire la sua voce nel gruppo di lavoro, qualora emergessero delle ingiustizie”.

Il Sindacato VPOD polizia auspica che “la revisione delle classificazioni delle funzioni porti ad ottenere una rivalorizzazione dei salari in polizia cantonale”.

Il VPOD osserva che in questo ambito “bisogna infatti considerare i compiti, le responsabilità assunte (vedasi introduzione del nuovo codice di procedura penale nel 2011), la mole di lavoro e gli orari disagiati svolti da molte funzioni della polizia cantonale, che hanno ormai accumulato un ritardo oggettivo e significativo rispetto alle altre polizie operanti in Ticino”.

Ingiusto blocco degli avanzamenti nel 2014 - Una delle misure della legge stipendi attuale considerate assurde dal “VPOD”, “è la possibilità per il Governo di bloccare gli avanzamenti di classe nell’ambito della medesima funzione, come avvenuto presso la polizia giudiziaria”.

Il blocco degli avanzamenti in classe alternativa per il 2014 viene parzialmente compensato dall’ottenimento di un aumento annuale nella classe attuale di stipendio dell’impiegato. “Tale non è il caso per una parte di impiegat - osserva il VPOD - che sono già arrivati nel 2013 al massimo della classe di stipendio, per cui solamente un avanzamento in classe alternativa consentirebbe loro di avere una progressione salariale. Il Sindacato VPOD critica la penalizzazione salariale subita da questi funzionari e il rifiuto del Governo di concedere loro l’avanzamento come caso eccezionale.

Indennità e orari di lavoro - Un altro fronte aperto è quello riguardante le indennità per lavoro notturno e festivo, come pure per il picchetto. Il sindacato chiede che il Cantone adegui le indennità. A tal proposito si legge nella nota che quelle percepite regolarmente “sono parte integrante del salario: in tal caso vanno conteggiate anche per i periodi di malattia, infortunio e vacanze pagate”.

Rivendichiamo anche il fatto che le indennità siano assicurate alla cassa pensioni”.

Infine il VPOD ritiene necessario “prevedere il passaggio alle 40 ore settimanali anche per la polizia cantonale, come già avvenuto da tempo nelle polizie comunali, dove i giorni di congedo sono ca. 118 all’anno invece di ca. 102”. “Un altro elemento di vantaggio delle polizie comunali sono le maggiorazioni in tempo di lavoro per gli straordinari, che vanno sovente dal 25% (feriale diurno), al 50% ((feriale notturno), al 75% (festivo diurno) e al 100% (festivo notturno).

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 08:30:26 | 91.208.130.87