ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
2 ore
Primo agosto in fattoria: in Ticino 3'200 ospiti
Quest'anno a causa della pandemia il brunch ha visto la partecipazione di 31 aziende
CANTONE
3 ore
«Albergatori ticinesi coscienziosi»
Per Trotta è importante fidelizzare la clientela. Un aumento ulteriore dei prezzi sarebbe stato controproducente
CANTONE
3 ore
L'InterCity fa capolinea a Lugano? Scatta la petizione
La raccolta firme è promossa dal deputato leghista Massimiliano Robbiani: «È uno schiaffo al Mendrisiotto»
CANTONE
3 ore
Affari d'oro grazie a turismo interno e telelavoro
Non è solo la parziale chiusura delle frontiere ad aver fatto aumentare la cifra d'affari dei negozi alimentari.
VIDEO
LUGANO
5 ore
Lugano è un campo da golf?
Buche, rattoppi, milioni di spesa pubblica. E i cittadini si lamentano
BISSONE
6 ore
Incendio a Bissone: bruciava il soggiorno
Il rogo è scoppiato nel tardo pomeriggio di oggi. Non ci sarebbero feriti
CANTONE
7 ore
I medici ticinesi tornano all'attacco: «Vogliamo l'obbligo di mascherina»
Oltre cinquecento specialisti rinnovano l'appello dello scorso 1. luglio: «L'impennata di casi è inquietante»
LUGANO
10 ore
Dalle vette alle palme: la regione di Lugano si presenta
Ampliate le piste ciclabili, potenziato il bike sharing e aumentata l'offerta turistica per gli appassionati di MTB
CONFINE
10 ore
Covid: nel Comasco sequestrate 363 cartelle cliniche
La Procura di Como sta indagando sulla morte di almeno 26 ospiti di case anziani e ospedali
CANTONE / TANZANIA
11 ore
Dal Ticino a Kibaha per una "svolta green"
Il Centro ospedaliero e riabilitativo di SwissLimbs sarà interamente alimentato con l'energia solare
LOCARNO
28.08.2012 - 07:180
Aggiornamento : 20.11.2014 - 20:29

Irene Bignardi: "So chi può sostituire Olivier Père al Festival di Locarno"

È iniziata la ricerca di chi sostituirà Olivier Père alla direzione artistica del Festival

LOCARNO - La partenza di Olivier Père dalla direzione del Festival di Locarno lascia l'amaro in bocca non solo ai suoi collaboratori, e al pubblico, ma anche  alla critica, solitamente sempre guardinga nei confronti dei direttori dei Festival. Olivier Père è stato un direttore molto amato dai critici. In tre anni a Locarno è riuscito lì dove i suoi altrettanto illustri predecessori non sempre sono riusciti: mettere d'accordo pubblico e critica.

"La sua  partenza non può che dispiacere - ci ha detto Maurizio Porro, critico cinematografico del Corriere della Sera - Père è stato il direttore adatto per un Festival come Locarno. Un uomo molto calibrato nelle sue scelte.  Ha saputo unire il gusto della ricerca cinefila con le esigenze del grande pubblico. Ha portato a  Locarno personaggi carismatici dando lustro a un Festival, senza tuttavia privarlo della sua natura".

Deluso della partenza di Père anche Mariano Morace, critico cinematografico e voce storica della RSI. "Père aveva iniziato un ottimo lavoro che si era consolidato in questi tre anni, e lasciava sperare molto bene per il futuro. Ha saputo  portare avanti quello che io definirei 'un cambiamento nella continuità', nel senso che ha mantenuto vivo lo spirito caratteristico di Locarno, quello della scoperta di nuovi talenti, e lo ha consolidato a livello internazionale. È un  brutto colpo per Locarno, perché non è certo un momento facile per la ricerca di un nuovo direttore, con le lotte che ci sono tra i vari Festival. Non vedo attualmente molte persone in Svizzera che abbiano un’esperienza simile a quella di  Père, e siano in grado di prendere in mano la direzione del  Festival. Bisognerà guardare a livello internazionale. Non facciamo l’errore di intestardirci nel cercare a tutti i costi un direttore svizzero. Il Festival di Locarno è una  manifestazione internazionale e non importa se il direttore è straniero”.

Anche secondo Alessandra Kezich, critico cinematografico de La Stampa, Père era riuscito a comprendere perfettamente l'anima di Locarno. "È stato senza ombra di dubbio un direttore molto valido e in tre anni ha saputo trovare il senso  del Festival di Locarno. È stato un vero cinefilo intellettuale, di gusto francese, molto raffinato".

Sulla stessa linea Irene Bignardi, ex direttore del Festival, nonché critico cinematografico, che ha visto di buon occhio la direzione Père. "È un grande peccato che vada via.  A mio avviso ha snellito un po' troppo il Festival, e i dimagrimenti della  rassegne mi preoccupano sempre un po'. Tuttavia bisogna ammettere che Père ha avuto delle ottime intuizioni. Ha saputo fare un Festival vivace e divertente".

Ma chi potrebbe sostituirlo degnamente? "Non ho la più pallida idea.  Nessuno probabilmente" ci risponde lrene Bignardi. Ci richiama dopo pochi secondi. "Un nome ce l'ho. Ed è in grado di sostituire Olivier Père. Ci vuole una donna. Ci vuole Teresa Cavina. È una grande lavoratrice, perfetta conoscitrice del cinema di tutto il mondo, attualmente impegnata con il Festival di Abu Dhabi. La sua professionalità l'ho conosciuta sulla mia pelle. Per Locarno sarebbe un direttore artistico coi fiocchi".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-05 01:12:37 | 91.208.130.85