ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
6 ore
«Il trasferimento degli uffici a Cornaredo è una condanna a morte»
Gli esercenti del centro ritornano a discutere sul nuovo quartiere, in tempi di Covid
FOTO
CANTONE
7 ore
"Verso l'ospedale senza fumo", anche a Bellinzona
Nella "Giornata mondiale senza tabacco", l’Ospedale Regionale Bellinzona e Valli offre un contributo concreto
FOTO E SONDAGGIO
LUGANO
9 ore
Biciclette alla conquista delle corsie bus
A Lugano è in corso la posa della nuova segnaletica per le due ruote
FOTO
BELLINZONA
11 ore
Il mercato di Bellinzona ha messo la mascherina
Oggi ne sono state distribuite agli avventori che non ne erano provvisti: si tratta di una misura prevista dalla Città
CONFINE
14 ore
«L'Italia non è un lazzaretto»
Lo dice il ministro degli esteri Di Maio. Dal 3 giugno si potrà entrare nel paese senza quarantena
CANTONE
15 ore
Coronavirus: zero contagi e nessun nuovo decesso in Ticino
I dati sull'evoluzione dell'epidemia si confermano incoraggianti.
CANTONE
17 ore
Apprendistato: qui i posti ci sono
In settimane delicate per chi cerca la propria strada, ci sono due settori che assicurano opportunità «affascinanti».
AGNO
1 gior
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
BERNA / COMANO
1 gior
Rsi accusata di copertura elettorale sbilanciata
L'AIRR ha accolto il ricorso di Xenia Peran in merito alle elezioni federale del 20 ottobre 2019
CANTONE
1 gior
L’UDC difende i ticinesi per la sanità cantonale
«Veglieremo che misure e potenziamenti di posti di formazione e di impieghi supplementari siano destinati ai residenti»
CANTONE
1 gior
Colonie artistiche confermate al MAT
Il semaforo verde è scattato grazie agli allentamenti voluti dal Consiglio federale.
MENDRISIO
1 gior
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
LUGANO
1 gior
La frontiera del sesso
Elena racconta come si immagina la riapertura dei locali erotici
CANTONE
1 gior
Attenti ai radar
Controlli mobili in quattro distretti. I semi-stazionari a San Nazzaro, Minusio e Curio
CANTONE
1 gior
«Mergoscia non odia gli svizzero-tedeschi»
La sindaca si difende dagli attacchi seguiti alle multe comminate per posteggi irregolari
CANTONE
1 gior
Cambio ai vertici dell'EOC
L'attuale presidente della Camera di commercio è stato nominato oggi dal Cda.
LUGANO
1 gior
Bertini non esclude una Lugano marittima "light"
Il problema resta sempre lo stesso: «Temiamo che possa diventare ingestibile il flusso di visitatori»
MENDRISIO
1 gior
Caos sugli orari del pronto soccorso pediatrico
I tre granconsiglieri PPD del Mendrisiotto interpellano il governo sulla paventata diminuzione d'orario all'OBV
Attualità
1 gior
A13, lavori in autostrada fino a metà luglio
Riguarderanno il tratto Mesocco-Pian San Giacomo e si svolgeranno prevalentemente di notte
TICINO
13.11.2011 - 15:020
Aggiornamento : 25.11.2014 - 08:58

"Cari ticinesi, vi spiego perché abbiamo rinunciato alla vostra lingua..."

Intervista a Franz Enderlin, direttore del Dipartimento Formazione e Cultura del Canton Obvaldo, sul tema dell'abolizione dell'italiano nel piccolo cantone della Svizzera Centrale

SARNEN - Franz Enderlin non nasconde la sua sorpresa. La decisione del suo governo di abolire l'offerta della lingua italiana agli studenti che sceglieranno l'opzione specifica per l'anno scolastico 2012/13, in Ticino ha provocato reazioni così decise, che il direttore del dipartimento Formazione e Cultura obvaldese non si aspettava in queste proporzioni.

Mercoledì scorso il Governo ticinese si è addirittura rivolto al presidente del CDPE Isabelle Chassot e al Consigliere federale Didier Burkhalter per sostenere le ragioni della richiesta di mantenere e tutelare l'italiano, lingua federale, anche in Obvaldo.

Per capire le dimensioni della portata di questa scelta, innanzitutto, bisogna annotarsi qualche cifra su questo piccolo cantone della Svizzera centrale. Obvaldo conta in tutto (compresa l'exclave di Engelberg, Horbis, Obermatt e Grafenort) 35mila abitanti. Il suo capoluogo Sarnen, ha gli stessi abitanti di Chiasso, neppure 10mila e la sua unica scuola cantonale conta circa 450 studenti, suddivisi in circa 75 unità per ognuno dei sei anni scolastici previsti per le scuole medie superiori.

Signor Enderlin, se l'aspettava una reazione così forte dal Ticino?
“Una reazione me l'aspettavo, ma non di queste dimensioni. Comprendo, tuttavia, la presa di posizione ticinese e la volontà di difendere l’italiano”.

Potrebbe spiegare i motivi che hanno portato il Governo obvaldese ad abolire la lingua italiana tra le materie d'opzione specifica?
“Dobbiamo innanzitutto capire le dimensioni della nostra realtà. Nel Canton Obvaldo esiste soltanto una piccola scuola Cantonale a Sarnen, che può offrire cinque opzioni specifiche: latino, matematica, pedagogia, economia, diritto. Di più non possiamo fare, proprio per la limitata grandezza del nostro cantone. Ma proprio a causa di questa nostra situazione, i nostri studenti che vogliono frequentare altre opzioni che non possiamo offrire, hanno la possibilità di andare fuori Cantone: a Stans, nel canton Nidvaldo, che dista venti chilometri da Sarnen e a Lucerna, che sempre dal capoluogo è raggiungibile in 20 minuti di treno. Dei cinque indirizzi che ho elencato poc’anzi,  il Governo ha deciso di potenziare quello scientifico a scapito di quello linguistico. E la scelta è stata: mantenere l'italiano o il latino? Il Governo ha scelto il latino. Anche se, come per l'italiano, coloro che scelgono il latino, sono poco numerosi”.

Di questi 75 studenti quanti sono stati quelli che hanno scelto l'italiano quale opzione specifica?
“Nell'anno scolastico 2011/12 sono stati 7, l'anno scorso 12, mentre due anni fa 7. Nel 2008/09 nove”.

Direttore, ma come mai avete deciso di sacrificare una lingua nazionale?
"Perché pensiamo che, in definitiva, per i nostri studenti,  in particolare per coloro che vogliono intraprendere gli studi superiori, il latino sia una materia importante, che avvantaggia sia coloro che scelgono il percorso scientifico, sia per quello filologico-linguistico e storico-umanistico. Il latino, non dimentichiamoci, appartiene da sempre alla tradizione degli studi liceali”.

E se un obvaldese volesse scegliere l'italiano?
“Può andare tranquillamente a Stans, senza dimenticare che, come materia opzionale, l’italiano è insegnato anche a Sarnen.

Esiste una cooperazione intercantonale?
"Sì, esiste da tempo. Ripeto: se uno studente vuole seguire un percorso di studi che non è offerto da noi, può andare a Stans. Sarà poi il Canton Obvaldo ad assumersi i costi scolastici".  

Quindi, mi faccia capire, chi vuole l'italiano come opzione specifica può andare a Stans, mentre come materia opzionale può restare a Sarnen...
“Sì, proprio così. Capisco le preoccupazioni degli insegnanti d'italiano e del Governo del Canton Ticino. Ma noi abbiamo dovuto fare una scelta”.

Non è stata una scelta dovuta a motivi di risparmio finanziario?
“No. Assolutamente no. La nostra, contrariamente a San Gallo, non è una scelta dovuta a necessità di risparmio, bensì di priorità”.

Il Ticino, però, ha scritto al Consigliere federale Burkhalter. Teme che il canton Obvaldo dovrà prepararsi a fare un passo indietro?
“Quando abbiamo introdotto e adottato il regolamento sulla maturità, ci siamo assicurati innanzitutto la possibilità di collaborazione con i Cantoni a noi vicini, proprio per rispettare gli standard richiesti dalla legge. Non siamo dei dissidenti, noi soddisfiamo le condizioni richieste dalla legge. Ripeto, abbiamo fatto una scelta. Ora vediamo in che modo si sviluppa la discussione a livello federale. Sarà interessante capire se ci sono altri cantoni che si trovano nella nostra stessa situazione”.

C'è chi ha parlato della messa in pericolo della coesione nazionale…
"No, dalla nostra decisione non dipende la coesione nazionale. Non posso immaginarmi che una piccola scuola di un piccolo cantone possa mettere in pericolo l'unità della Svizzera. Sarebbe un pochino esagerato, anche perché non intravedo nessun pericolo di sorta derivante dalla nostra decisione".

Lei non pensa che a questa situazione si è arrivati anche per il fatto che la lingua italiana non riesce più, rispetto al passato,  a irradiare quell’ influenza culturale che, forse, c’era una volta?
"Sì, questo aspetto non è da sottovalutare. Per fare un esempio nel Canton Uri, anni addietro, fu introdotto l’italiano nelle Scuole Superiori Popolari, ma è stato abolito. E' ovvio che se ci fossero stati una ventina di studenti  per anno che avessero scelto l'italiano, non ci sarebbe neppure passato per la testa rinunciarvi. Il latino è una lingua antica e strettamente legata alla formazione liceale. Una lingua, che, a differenza di altre scuole, soltanto quella pubblica può offrire. Io spero che in Ticino si capisca anche la nostra situazione. La situazione di una piccola scuola, in un piccolo cantone”.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 02:01:15 | 91.208.130.87