LUGANO
17.10.2011 - 16:180
Aggiornamento : 12.11.2014 - 06:58

Appropriazione indebita, l'agente ha confessato

LUGANO - Il Ministero Pubblico, la Polizia cantonale e la Polizia della città di Lugano confermano che è stata aperta un'inchiesta penale nei confronti di  un agente della Polizia della Città di Lugano.

L'agente avrebbe sottratto in alcune occasioni, nel corso degli ultimi mesi, dei soldi che aveva sequestrato nell'ambito di inchieste legate alla sua attività nei servizi antidroga e di controllo di richiedenti l'asilo, in particolare mentre operava in appoggio ai Servizi della Polizia Cantonale. L'uomo, inoltre, avrebbe incassato pure i proventi di multe o cauzioni senza depositare il denaro nelle casse comunali.

Gli ammanchi sono emersi dopo controlli incrociati messi in atto dal Servizio antidroga della Polizia cantonale e dai Servizi Amministrativi della Polizia della Città di Lugano, nonché dal Ministero Pubblico. L'agente è stato subito sospeso dal Servizio, e durante l'interrogatorio dal Procuratore Generale ha ammesso i fatti contestatigli. L'uomo ha pure iniziato a restituire una parte del maltolto.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-01 20:25:12 | 91.208.130.85