ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
2 ore
Dove c'era l'erba ci sarà... questo
Ben 153 appartamenti sull'ultima collina verde di Breganzona. Il progetto sta creando malumori tra i residenti
CANTONE
4 ore
Parrucchieri presi di mira sui social, ma non davanti alla legge
In Ticino non sembrerebbero esserci precedenti di denunce per lesioni personali. Tuttavia crescono i reclami sul web
FOTO
CANTONE
4 ore
Il San Nicolao blu, perché il papà è importante
Anche quest'anno ha avuto luogo l'evento per segnare l'importanza del mantenimento delle relazioni coi figli anche dopo la separazione e il divorzio
VIDEO
GAMBAROGNO
5 ore
L'uomo che sogna i triangoli: «Così il "bordello" forse finirà»
Traffico caotico tra Magadino e Cadenazzo. C'è un miglioramento grazie alla piccola rivoluzione di Quartino. Ma ora l'agguerrito consigliere comunale Cleto Ferrari chiede il bis. Il video
MENDRISIO
6 ore
Auto contro un dissuasore
L'incidente si è verificato a Rancate. Solo danni materiali
CANTONE
6 ore
«Il bunker di Camorino va chiuso subito»
Tredici associazioni hanno presentato al Parlamento ticinese una petizione che chiede una serie di misure per migliorare le condizioni di vita dei richiedenti l'asilo
LUGANO
7 ore
"Anna dai capelli corti" ha sempre più amici
L'associazione è nata nel 2015 all’interno del Centro di Senologia della Svizzera Italiana per aiutare le pazienti colpite da tumore al seno entro i 50 anni
BISSONE
7 ore
«I socialisti tagliano gli aiuti ai più deboli»
Il gruppo Lega, Udc, Indipendenti critica il voto contro il supporto economico ai beneficiari di prestazione complementare
BELLINZONA
8 ore
I 150 anni di AMB con un pezzo di “nuvola” nella storia
La Nuvola piovasca di Piazza del Sole è stata trasformata in borse per la spesa in vendita
BELLINZONA
9 ore
«L'ex Ospedale è da preservare»
Il gruppo PLR interroga il Municipio di Bellinzona sulle sorti dell'attuale sede della polizia militare
VIDEO
ROSSA (GR)
9 ore
Una persona sotto shock per l'incendio, morti due gatti
Durante le operazioni di spegnimento la rete elettrica nel paese è stata provvisoriamente staccata e la strada per Rossa bloccata
CANTONE
10 ore
Censura di Stato? «Argomenti scarni e confusi»
Le Giovani Verdi rispondono ai "coetanei" dell'UDC, e rilanciano: «Anche le discriminazioni legate all’etnia sono una censura di stato?».
TICINO
23.02.2010 - 10:340
Aggiornamento : 24.11.2014 - 17:57

"Voglia di radar fissi", una ventina i comuni contagiati

Sono già una ventina i comuni ticinesi che hanno fatto richiesta per la posa di un radar fisso all’interno del proprio territorio. Guido Santini, DI: "Lo studio Rapp Trans ha dimostrato che ridurre la velocità dei veicoli vuol dire diminuire i rischi d’incidente"

LUGANO - Un rettilineo che taglia in due l’abitato. Un tratto di strada, con il limite di velocità di 50 km/h ritenuto pericoloso perché “molto frequentato dagli utenti dell’autopostale e dagli allievi, costretti ad attraversare sulle strisce anche e soprattutto negli orari di punta”. Questa la situazione presentata dal Municipio di Claro alle autorità cantonali nella richiesta di posa di un radar fisso inoltrata nelle settimane scorse della quale ha riferito LaRegioneTicino.

Nel mese di dicembre dello scorso anno il Dipartimento delle istituzioni ha presentato i risultati di uno studio durato quattro anni per valutare l’effetto della posa di radar fissi in determinati punti sensibili della rete di strade cantonali. “I dati e le informazioni disponibili indicano che i radar fissi hanno portato ad un’importante riduzione della velocità dei veicoli in transito sulle tratte considerate” si legge nel rapporto presentato a dicembre. Una riduzione della velocità sensibile da parte degli automobilisti che, oltre a portare ad un calo sensibile delle infrazioni, ne ha ridotto anche l’entità. Come spiegato a dicembre non è però possibile fare un correlazione diretta tra la riduzione della velocità ed il calo degli incidenti. “In particolare non si dispone di dati tali da provare la causalità tra installazione dei radar ed evoluzione del numero di incidenti” si legge nel rapporto di dicembre che però ha rilevato una diminuzione del numero e/o della gravità di incidenti laddove è stata realizzata una postazione di radar fisso.

“Sono una ventina i Comuni che hanno formulato un’istanza per ottenere sulla propria giurisdizione comunale un radar fisso. Il Consiglio di Stato ha costituito un gruppo di lavoro interdipartimentale che esaminerà tutte queste domande. Un lavoro che verrà svolto nel corso del mese di marzo seguendo i criteri decisi dal CdS, già utilizzati per le nove postazioni provvisorie già attive” spiega Guido Santini, della Divisione degli interni. Criteri che variano: dalla pericolosità del tratto di strada, all’impossibilità di ridurre la velocità di percorrenza tramite misure di moderazione del traffico o altri sistemi.

A quanto ammontano i costi per la posa di un radar fisso e chi li sostiene?
“Una postazione ha un costo di circa 100 mila franchi ed è una spesa di competenza cantonale. Del totale, circa 20 mila franchi servono per la posa dell’apparecchio, e 80 mila è il costo del singolo apparecchio”.

Se la presenza di un radar fisso porta dei vantaggi effettivi sulla sicurezza, il Cantone può procedere unilateralmente alla sua posa nei tratti che ritiene particolarmente pericolosi?
“Certamente. È competenza del Cantone decidere dove posare un radar fisso, indipendentemente dalla richiesta da parte di un comune. In particolar modo sulle strade cantonali. Le autorità cantonali applicano a se stesso gli stessi criteri che utilizza per analizzare le richieste inoltrare dai comuni ticinesi”.

Esiste una lista dei tratti pericolosi nei quali il Cantone intende intervenire prossimamente?
“Sarà proprio nell’ambito del gruppo di lavoro, nel quale vi sono rappresentanti della Polizia e del Dipartimento del territorio, che verranno individuati i punti più critici, quelli nei quali si registrano il maggior numero di incidenti”.

Cinque vittime e dieci feriti. Il tragico bilancio di inizio 2010 sottolinea la necessità di una maggiore attenzione e prevenzione sulle strade cantonali. Prevenzione che, ricorda Santini, passa anche attraverso la posa di radar fissi. “Lo abbiamo già detto in diverse occasioni e il Consiglio di Stato lo ha ribadito rispondendo ad atti parlamentari, i radar svolgono un ruolo di prevenzione, servono a migliorare la sicurezza sulle strade e non rappresentano un modo di fare cassa”.

 

s.g.

 

Foto apertura: TicinOnline

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 01:54:54 | 91.208.130.87