ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
Nuove norme nei locali: GastroTicino fa chiarezza
Dalla capienza massima alla raccolta dati, chi non le rispetta rischia sanzioni amministrative e penali.
FOTOGALLERY
ASCONA
1 ora
Si suona per New Orleans (e per Ascona)
Si è concluso l'evento organizzato da chi, ogni anno, allestisce JazzAscona sulle rive del Verbano
FOTO
CHIASSO
3 ore
Il mercato serale d'estate, per riscoprire il centro di Chiasso
Primo appuntamento con la manifestazione, che si protrarrà per tutti i sabati di luglio
LUGANO
5 ore
Passaggio di testimone per il Lions Club Lugano
L’uscente Dario Curti ha dato il cambio al neo-presidente Pietro Croce davanti al Municipio
FOTOGALLERY
LUGANO
8 ore
"Nuvole colorate" nei cieli ticinesi
Tante le fotografie giunte in redazione. Si tratta di un parelio, come spiegato da MeteoSvizzera
CANTONE
11 ore
Al portale nord del San Gottardo "solo" tre chilometri di coda
Attese di molto inferiori rispetto allo stesso periodo degli anni passati
ROVEREDO (GR)
12 ore
A Rorè si pensa al prossimo carnevale
Una decisione definitiva sul carnevale previsto dal 2 al 7 febbraio seguirà a fine ottobre/inizio novembre
CANTONE
14 ore
Niente weekend in discoteca, ecco le prime chiusure
Vanilla Riazzino e Pix Club Ascona tornano a serrare le porte, per «rispettare le norme e la salute dei clienti».
BELLINZONA
14 ore
La capitale incentiva l'assunzione di apprendisti
C'è soddisfazione nel gruppo PPD+GG per la scelta di accogliere la loro mozione
CONFINE
16 ore
Auto immatricolate in Svizzera per risparmiare in Italia
Sono otto i sequestri da inizio anno presso la dogana di Oria Valsolda.
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Anche il Ticino "forgia" armi contro il Covid
Dall'arco nebulizzante, alla lampada, passando per il distributore di disinfettante.
CONFINE / CANTONE
1 gior
Polemiche sullo sconto benzina, la Regione reagisce
C'è un accordo bilaterale tra Lombardia e Svizzera, la diminuzione non dipende dalla politica, spiega Fabrizio Turba
TICINO
23.02.2010 - 10:340
Aggiornamento : 24.11.2014 - 17:57

"Voglia di radar fissi", una ventina i comuni contagiati

Sono già una ventina i comuni ticinesi che hanno fatto richiesta per la posa di un radar fisso all’interno del proprio territorio. Guido Santini, DI: "Lo studio Rapp Trans ha dimostrato che ridurre la velocità dei veicoli vuol dire diminuire i rischi d’incidente"

LUGANO - Un rettilineo che taglia in due l’abitato. Un tratto di strada, con il limite di velocità di 50 km/h ritenuto pericoloso perché “molto frequentato dagli utenti dell’autopostale e dagli allievi, costretti ad attraversare sulle strisce anche e soprattutto negli orari di punta”. Questa la situazione presentata dal Municipio di Claro alle autorità cantonali nella richiesta di posa di un radar fisso inoltrata nelle settimane scorse della quale ha riferito LaRegioneTicino.

Nel mese di dicembre dello scorso anno il Dipartimento delle istituzioni ha presentato i risultati di uno studio durato quattro anni per valutare l’effetto della posa di radar fissi in determinati punti sensibili della rete di strade cantonali. “I dati e le informazioni disponibili indicano che i radar fissi hanno portato ad un’importante riduzione della velocità dei veicoli in transito sulle tratte considerate” si legge nel rapporto presentato a dicembre. Una riduzione della velocità sensibile da parte degli automobilisti che, oltre a portare ad un calo sensibile delle infrazioni, ne ha ridotto anche l’entità. Come spiegato a dicembre non è però possibile fare un correlazione diretta tra la riduzione della velocità ed il calo degli incidenti. “In particolare non si dispone di dati tali da provare la causalità tra installazione dei radar ed evoluzione del numero di incidenti” si legge nel rapporto di dicembre che però ha rilevato una diminuzione del numero e/o della gravità di incidenti laddove è stata realizzata una postazione di radar fisso.

“Sono una ventina i Comuni che hanno formulato un’istanza per ottenere sulla propria giurisdizione comunale un radar fisso. Il Consiglio di Stato ha costituito un gruppo di lavoro interdipartimentale che esaminerà tutte queste domande. Un lavoro che verrà svolto nel corso del mese di marzo seguendo i criteri decisi dal CdS, già utilizzati per le nove postazioni provvisorie già attive” spiega Guido Santini, della Divisione degli interni. Criteri che variano: dalla pericolosità del tratto di strada, all’impossibilità di ridurre la velocità di percorrenza tramite misure di moderazione del traffico o altri sistemi.

A quanto ammontano i costi per la posa di un radar fisso e chi li sostiene?
“Una postazione ha un costo di circa 100 mila franchi ed è una spesa di competenza cantonale. Del totale, circa 20 mila franchi servono per la posa dell’apparecchio, e 80 mila è il costo del singolo apparecchio”.

Se la presenza di un radar fisso porta dei vantaggi effettivi sulla sicurezza, il Cantone può procedere unilateralmente alla sua posa nei tratti che ritiene particolarmente pericolosi?
“Certamente. È competenza del Cantone decidere dove posare un radar fisso, indipendentemente dalla richiesta da parte di un comune. In particolar modo sulle strade cantonali. Le autorità cantonali applicano a se stesso gli stessi criteri che utilizza per analizzare le richieste inoltrare dai comuni ticinesi”.

Esiste una lista dei tratti pericolosi nei quali il Cantone intende intervenire prossimamente?
“Sarà proprio nell’ambito del gruppo di lavoro, nel quale vi sono rappresentanti della Polizia e del Dipartimento del territorio, che verranno individuati i punti più critici, quelli nei quali si registrano il maggior numero di incidenti”.

Cinque vittime e dieci feriti. Il tragico bilancio di inizio 2010 sottolinea la necessità di una maggiore attenzione e prevenzione sulle strade cantonali. Prevenzione che, ricorda Santini, passa anche attraverso la posa di radar fissi. “Lo abbiamo già detto in diverse occasioni e il Consiglio di Stato lo ha ribadito rispondendo ad atti parlamentari, i radar svolgono un ruolo di prevenzione, servono a migliorare la sicurezza sulle strade e non rappresentano un modo di fare cassa”.

 

s.g.

 

Foto apertura: TicinOnline


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-05 00:38:55 | 91.208.130.89