ULTIME NOTIZIE Ticino
CHIASSO
30 min
A caccia di fondi per i giovani pattinatori
Pista chiusa a causa di un grosso guasto. Costretti a elemosinare ghiaccio altrove. Ma c'è un costo.
FOTO
POLLEGIO
42 min
Auto contro paracarro
Un incidente si è verificato a Pollegio ieri poco prima delle 23. Si registrano danni materiali
VIDEO
CANTONE
1 ora
Ansia da tecnologia: «Ormai fa parte della nostra vita»
La tecnologia ci accompagna quotidianamente, eppure non è sempre vista di buon occhio.
LOCARNO
1 ora
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
9 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
CANTONE
14 ore
Premiati i migliori apprendisti macellai/salumieri degli ultimi tre anni
La cerimonia si è tenuta dopo il rinvio forzato degli incontri che dovevano aver luogo nel 2019 e nel 2020.
CANTONE
14 ore
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
CANTONE
15 ore
Cassis presidente, festa annullata
La cerimonia a Bellinzona verrà rimandata «causa Covid»
NOVAGGIO
15 ore
Novaggio ha un nuovo municipale
Peter Schiesser (per il gruppo PLR Novaggio – Lista Giovani) subentra a Piergiorgio Morandi.
LUGANO
16 ore
Salta anche il carnevale di Tesserete
Cancellata preventivamente la manifestazione. Il Comune di Capriasca: «Gesto di responsabilità sociale»
SVIZZERA
16 ore
Difficile conciliare lavoro e famiglia (soprattutto in Ticino)
I risultati del Barometro nazionale sull'uguaglianza 2021. Rispetto a tre anni fa, la situazione è più critica
CANTONE
19 ore
«La Rsi è alla deriva?»
Informazione indebolita: l'Associazione per la difesa del servizio pubblico protesta
TICINO
03.09.2008 - 12:050
Aggiornamento : 15.11.2014 - 07:17

Vacanze in Thailandia: sconsigliate, ma i turisti svizzeri partono comunque

BELLINZONA - Disordini e assembramenti in Thailandia, dove migliaia di manifestanti da giorni protestano contro il Governo, non hanno scoraggiato i turisti Svizzeri. Stando infatti a quanto riferisce il tour operator Hotelplan (Italia e Svizzera) non vi sono state prenotazioni cancellate o rientri anticipati. Gaby Malacrida di Hotelplan, spiega che la stagione estiva per quel che riguarda i viaggi in Thailandia è già chiusa e l'agenzia italiana, che per le partenze fa capo all'aeroporto di Malpensa a Milano, conta una cinquantina di clienti nel paese asiatico. L'agenzia svizzera invece ne conta per la precisione sette. La differenza si spiega con il fatto che il mercato svizzero è un po' diverso da quello italiano e in genere conosce un maggiore dinamismo per questa destinazione a partire dalla fine di ottobre.

Hotelplan chiaramente si attiene alle disposizioni del DFAE che, a partire da ieri, si limita a sconsigliare i viaggi in Thailandia. Questo significa, spiega Malacrida, che la situazione è critica ma per il momento non è grave. Sul posto, Hotelplan può contare su diversi assistenti che tengono d'occhio la situazione e si occupano, se necessario, di cancellare escursioni che potrebbero svolgersi in zone particolarmente a rischio, dove potrebbero esserci assembramenti o manifestazioni. "Ieri per esempio - spiega Malacrida - abbiamo annullato un'escursione, prenotata da un turista elvetico, perché la zona non era sicura".

Come detto, per il momento non vi sono state prenotazioni cancellate. Alcune partenze sono previste per novembre quindi, spiega ancora Malacrida, non è detto che se la situazione dovesse diventare più critica, possano essere cancellate. I prossimi arrivi di clienti Hotelplan nel paese asiatico sono previsti per il 6 settembre. Niente allarmismo quindi, anche perché molto probabilmente, conclude Malacrida, per chi si trova sul posto la percezione della situazione può essere molto diversa, "se non ci si trova nelle aree più colpite non ci si accorge nemmeno che ci sono problemi". Nemmeno la chiusura dell'aeroporto di Phuket del 29 agosto ha causato disagi per i clienti di Hotelplan, dato che per loro non erano previsti arrivi o partenze.

p.l.
 
 
Foto apertura: Keystone
BELLINZONA - Disordini e assembramenti in Thailandia, dove migliaia di manifestanti da giorni protestano contro il Governo, non hanno scoraggiato i turisti Svizzeri. Stando infatti a quanto riferisce il tour operator Hotelplan (Italia e Svizzera) non vi sono state prenotazioni cancellate o rientri anticipati. Gaby Malacrida di Hotelplan, spiega che la stagione estiva per quel che riguarda i viaggi in Thailandia è già chiusa e l'agenzia italiana, che per le partenze fa capo all'aeroporto di Malpensa a Milano, conta una cinquantina di clienti nel paese asiatico. L'agenzia svizzera invece ne conta per la precisione sette. La differenza si spiega con il fatto che il mercato svizzero è un po' diverso da quello italiano e in genere conosce un maggiore dinamismo per questa destinazione a partire dalla fine di ottobre.

Hotelplan chiaramente si attiene alle disposizioni del DFAE che, a partire da ieri, si limita a sconsigliare i viaggi in Thailandia. Questo significa, spiega Malacrida, che la situazione è critica ma per il momento non è grave. Sul posto, Hotelplan può contare su diversi assistenti che tengono d'occhio la situazione e si occupano, se necessario, di cancellare escursioni che potrebbero svolgersi in zone particolarmente a rischio, dove potrebbero esserci assembramenti o manifestazioni. "Ieri per esempio - spiega Malacrida - abbiamo annullato un'escursione, prenotata da un turista elvetico, perché la zona non era sicura".

Come detto, per il momento non vi sono state prenotazioni cancellate. Alcune partenze sono previste per novembre quindi, spiega ancora Malacrida, non è detto che se la situazione dovesse diventare più critica, possano essere cancellate. I prossimi arrivi di clienti Hotelplan nel paese asiatico sono previsti per il 6 settembre. Niente allarmismo quindi, anche perché molto probabilmente, conclude Malacrida, per chi si trova sul posto la percezione della situazione può essere molto diversa, "se non ci si trova nelle aree più colpite non ci si accorge nemmeno che ci sono problemi". Nemmeno la chiusura dell'aeroporto di Phuket del 29 agosto ha causato disagi per i clienti di Hotelplan, dato che per loro non erano previsti arrivi o partenze.

p.l.
 
 
Foto apertura: Keystone

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 07:30:55 | 91.208.130.89