ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
26 min
Passaggio di poteri al Rotary Club Lugano
LUGANO
37 min
«Spariscono i parcheggi per disabili e l’accesso al centro e al lago è tabù»
BELLINZONA
11 ore
Fa la barista per ricordare l’amica morta
CONFINE
11 ore
Si ferma a soccorrere un capriolo e viene investito
CANTONE
12 ore
Mobilità, il Gran Consiglio pigia sull’acceleratore
LUGANO
12 ore
Via alla Roggia sarà dedicata ai Padri Redentoristi
CANTONE
13 ore
Legge sui fiduciari, Quadranti interroga (ancora) il Governo
BELLINZONA
13 ore
Ecco gli asilanti in sciopero della fame
ASCONA
14 ore
"Incidente" fotografico a JazzAscona
LUGANO
15 ore
Posata la prima pietra dell'asilo di Molino Nuovo
CANTONE
15 ore
Co-working Verzasca e Piano: il progetto è realtà
ASCONA
15 ore
Tutti i diplomati del Collegio Papio
CANTONE
16 ore
Ben 350mila franchi per la TI 7851. Ma è un errore
CANTONE
18 ore
In moto con la Polizia. Per sicurezza
CANTONE
19 ore
FFS: Tratta sbarrata tra Cadenazzo e Locarno
CARASSO
01.03.2007 - 10:510
Aggiornamento : 13.10.2014 - 14:02

Strada forestale naufragata per la seconda volta

In una nota congiunta le associazioni per la protezione della natura che si erano opposte alla strada 'forestale' per allacciare le residenze sui monti di Carasso, comunicano che il Patriziato di Carasso ha ritirato il progetto ma che intende ripresentarlo, in forma modificata, una terza volta.

CARASSO - A fine gennaio il Patriziato di Carasso aveva pubblicato il progetto di strada 'forestale' per accedere ai monti sopra il paese, dopo che un primo tentativo si era definitivamente infranto contro una decisione del Tribunale amministrativo del marzo 2005.

Pro Natura, il WWF, l’Associazione traffico e ambiente, la Ficedula e la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio, si erano opposte ad entrambe le pubblicazioni dell’opera stradale, di cui reputavano eccessivo l’impatto sulla natura e il paesaggio, e si erano invece pronunciate per un allacciamento dei monti con un progetto ottimizzato di filovia.

Da quanto si apprende ora, il progetto di strada ha incontrato anche l’opposizione delle autorità cantonali chiamate a valutarne la conformità con il diritto. Esso non sarebbe pertanto autorizzabile.

Di fronte a questa situazione il Patriziato di Carasso ha deciso di ritirare il progetto e di ripresentarlo in forma rielaborata. Nell’ambito di colloqui con il Patriziato svoltisi nella primavera del 2006, le associazioni avevano esplicitamente menzionato la conflittualità della strada 'forestale' con la legge, in particolare la mancanza di una base pianificatoria che la potesse legittimare. E, al riguardo, le associazione affermano che "il Patriziato aveva preferito non tenerne conto e addossare invece all’autorità e quindi alla collettività l’onere di un inutile esame".

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-25 06:37:01 | 91.208.130.86