ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO/AGNO
02.12.2005 - 12:440
Aggiornamento : 13.10.2014 - 14:02

Darwin, ad ottobre più di 8000 passeggeri

Franco Mosé, il direttore della compagnia aerea ticinese Darwin, è ottimista e parla di "crescita". Intanto però a Lugano girano voci che parlano di difficoltà. Quanti passeggeri dovrebbe fare lo scalo ticinese per generare degli utili? Ne parliamo con un esperto del settore: Giorgio Marcionni.

di Joe Pieracci

LUGANO/AGNO - La compagnia aerea ticinese Darwin Airline nel mese di ottobre ha superato la soglia degli 8000 passeggeri. Ce l'ha confermato ieri Mosè Franco, il presidente della compagnia aerea nata nel 2003.

"Stiamo crescendo", ci ha spiegato ancora Mosé. Una crescita che contraddice le voci di presunte difficoltà economiche per la Darwin, voci che sono circolate più volte negli ultimi mesi a Lugano. "Il futuro è davanti a noi -ci ha detto ancora Mosé - e dovrebbe essere sempre migliore. Ci siamo. E siamo qui per rimanere".

Se ottobre è andato bene, che si può dire dei primi 10 mesi dell'anno? "Non ho le cifre precise - ci ha spiegato infine il presidente della Darwin - ma dovremmo essere tra i 50 ed i 60 mila passeggeri".

Darwin Airline, insomma, guarda avanti. E lo conferma, oltre alle cifre in crescita e all'ottimismo di Mosé, anche la recente aggiunta di un terzo aereo alla sua flotta, velivolo che opera la tratta Lugano-Zurigo per conto di Swiss International Air Lines a partire dal 30 ottobre. L’aereo, un Saab 2000 immatricolato HB-IZZ e battezzato "Ceresio", s'é aggiunto ai velivoli "Ticino" ed "Insubria".

 
A Lugano/Agno è possibile generale un utile?

Perché le compagnie che lavorano a Lugano/Agno siano in utile, quanti passeggeri all'anno dovrebbe avere l'aeroporto? Giriamo la domanda ad un esperto del settore, l'ex direttore dell'aeroporto di Lugano/Agno Giorgio Marcionni.

"La risposta - ha premesso Marcionni - non è semplicissima, in quanto essenziale è capire quale tipo di traffico si prende in considerazione (quali tipi di aereo, per quali destinazione, con quale grado di occupazione e a che prezzo medio per passeggero). Le ottiche sono diverse tra aeroporto (che vive delle tasse sui passeggeri in partenza, su quelle degli aerei che atterrano e su di una serie di altre prestazioni indotte) e compagnie aeree che devono coprire tutti i loro costi (personale, carburante, tasse, ammortamenti, costo del capitale, promozione, ecc.) con gli introiti relativi ai biglietti aerei venduti".

"Come aeroporto - ci ha spiegato poi Marcionni - i costi di struttura di Lugano-Agno ci permettevano di intravedere l’orizzonte dei 250'000 passeggeri annui (=partenza e arrivo) come il limite atto a permetterci di coprire i costi di gestione, senza particolari nuovi onerosi investimenti.
Per le compagnie calcoli che il costo orario complessivo di un aereo di linea può variare tra 4'000.- e 7'000.- all’ora, per cui ogni ora pax per tariffa aerea devono portarti su queste cifre. Nel caso di una aeroporto regionale come quello di Lugano, con 4 rotazioni giornaliere di ogni aereo di meno di un’ora l’una, indicativamente bisogna introitare 40'000.- Fr. al giorno per aereo, che corrispondono ad esempio a 400 passeggeri al giorno (50 per volo) che pagano 100.- Fr., oppure 200 passeggeri al giorno (25 per volo) che pagano 200.- Fr".

"Queste - ha concluso Marcionni - sono un pochino le cifre di base sulle quali si comincia a ragionare. Utili o perdite sono il risultato delle possibilità di mercato o della maggiore o minore abilità imprenditoriale della compagnia".


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-05 21:07:20 | 91.208.130.87