ULTIME NOTIZIE Ticino
CHIASSO
48 min
Luminoso successo per la Biennale dell'immagine
Sull’arco di due mesi sono state proposte oltre venti esposizioni
CANTONE
15 ore
Processioni, Cassis: «A Pasqua ci ricordate che “la bellezza salverà il mondo”»
Il Consigliere federale è intervenuto in occasione dei festeggiamenti per l’inserimento delle processioni della Settimana Santa nel patrimonio Unesco
VIDEO
CANTONE/VENEZUELA
16 ore
Ecco cosa si inventa il "prete coraggio" per sfamare la gente
Don Angelo Treccani, missionario attivo da anni a El Socorro, ha realizzato una fabbrica accanto alla "sua" fattoria: produce mattonelle con canna da zucchero 
CANTONE
16 ore
Sostegno ai senza tetto, «più ticinesi di quello che si crede»
Giorgio Fonio esprime soddisfazione per lo stanziamento di 900'000 franchi a favore di chi sta vivendo un momento di disagio
CANTONE
20 ore
Case anziani: «Ridurre lo stress del personale»
Una mozione del gruppo socialista chiede al Governo di finanziare una migliore presa a carico degli ospiti
CANTONE / ITALIA
20 ore
«Mille euro in più nella busta paga» per i frontalieri
Il provvedimento votato dal Gran Consiglio osservato dall’Italia: «Alle ditte ticinesi costerà 5 milioni in più all’anno»
LUGANO
21 ore
Il Panathlon Club Lugano premia 5 talenti
I giovani sportivi hanno ricevuto un contributo di 1'500 franchi a testa
RIVERA
23 ore
Il primo cittadino fa visita a Nez Rouge
Il servizio ha registrato in questa prima parte del mese un leggero aumento delle attività
TICINO
22.08.2005 - 14:170
Aggiornamento : 07.11.2014 - 04:05

Chiude il Centro asilanti di Canobbio

BELLINZONA - Lo scorso 9 agosto, i servizi competenti del Dipartimento della sanità e della socialità (Divisione dell’azione sociale e Ufficio del sostegno sociale e dell’inserimento) hanno fatto il punto, con il direttore dei Centri d’accoglienza per richiedenti l’asilo della Croce Rossa, sull’andamento degli arrivi, delle partenze, delle presenze di richiedenti l’asilo, della capacità d’accoglienza disponibile e del suo tasso di utilizzazione, dei costi, dei ricavi, dei rischi di disavanzo finanziario.


Estrapolando i dati dei primi 7 mesi dell’anno, si può stimare che in Svizzera, nel 2005, il numero di nuove richieste d’asilo sarà di circa novemila unità, un terzo in meno che nel 2004, 45% in meno che nel 2003. I richiedenti assegnati al Ticino evolvono secondo la medesima tendenza. Nulla lascia credere che si prospetti un’inversione di tendenza, anzi è probabile che il movimento al ribasso si accentui ancora. Per di più, solo le domande per le quali si entra in materia si traducono in necessità d’accoglienza dei richiedenti l’asilo: come noto, i numerosi richiedenti sulla cui domanda non si entra nel merito (i cosiddetti NEM) sono esclusi dall’aiuto sociale ai sensi della legge sull’asilo.

In questo momento, nei Centri d’accoglienza della Croce Rossa sono presenti 387 persone e i posti disponibili sono 518; il tasso di occupazione è del 75%, i posti inoccupati sono 131.

Nonostante la chiusura di due Centri nella città di Lugano (via Tesserete e Via del Tiglio) nonché del minore dei due Centri di Bellinzona e, prima, di quelli di Claro, Capolago e Olivone, non si potrà evitare, quest’anno, un certo disavanzo finanziario nella gestione complessiva dei Centri d’accoglienza per richiedenti l’asilo.

Per evitare che la situazione deficitaria perduri anche nel 2006 e per riportare la capacità disponibile al bisogno effettivo (mantenendo un margine di sicurezza), tenuto conto del tempo di preavviso necessario per la disdetta del contratto d’affitto di un Centro, il Dipartimento della sanità e della socialità, d’intesa con il Dipartimento delle Istituzioni, ha invitato la Croce Rossa a inoltrare tempestivamente la disdetta per la chiusura di un altro centro di media grandezza.

La scelta è caduta sul Centro di Canobbio, un centro di media dimensione – più piccolo di quelli di Chiasso, Paradiso, Lugano Besso, Cadro –  che dispone di 65 posti utilizzabili, di cui solo 46 sono ora occupati. I 46 ospiti sono facilmente trasferibili in altri Centri con posti disponibili, a costi inferiori.

La chiusura di Canobbio permette un risparmio importante nel 2006 sui costi d’affitto e sulle spese, che dovrebbe scongiurare il rischio di nuovi disavanzi finanziari. Per ora, il personale occupato a Canobbio (un responsabile a metà tempo, un operatore sociale al 70% e un intendente al 50%) possono essere ricollocati nei centri rimanenti, almeno fino al momento in cui un’ulteriore drastico calo degli ospiti dovesse rendere inevitabile un’ulteriore riduzione del personale dopo quelle già attuate nel 2003 e nel 2004.


 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-15 11:06:24 | 91.208.130.85