Foto d'archivio (Tipress)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
2 ore
Condizioni di lavoro negli asili nido: a Zurigo si manifesta
Circa 500 persone sono scese in piazza per protestare contro la situazione di queste strutture.
SVIZZERA / BIELORUSSIA
4 ore
Sangallese a Minsk scrive all'amica: «Sono stata arrestata!»
La donna è riuscita anche ad inviare un video in cui si sentono i lamenti delle altre prigioniere
SVIZZERA / ITALIA
7 ore
Liguria contro la quarantena svizzera, ma Berna non molla
La Regione chiedeva una limitazione solo per le aree maggiormente colpite dal contagio
SVIZZERA / BIELORUSSIA
8 ore
Anche una svizzera tra le donne arrestate a Minsk
Sarebbe tra le 300 donne fermate durante l'azione di protesta contro Lukashenko sabato scorso
GRIGIONI
9 ore
Esce di strada per la neve, in auto anche il neonato
La 28enne stava percorrendo una strada sterrata quando il veicolo ha sbandato sulla carreggiata innevata.
FOTO
SVIZZERA
9 ore
Record di neve in Vallese, diversi incidenti nei Grigioni
A Montana sono stati misurati 25 centimetri di manto fresco, a Davos quasi 30
FRIBURGO
20 ore
Tragedia stradale nel canton Friburgo: muore una mamma e il suo bimbo è ferito grave
La donna era finita nell'altra corsia durante una curva e ha preso in pieno un camion
SVIZZERA
21 ore
«Anche se hanno raffreddore e mal di gola, i bambini possono andare a scuola»
L'infettivologo Cristoph Berger commenta le raccomandazione dell'UFSP: «I tamponi siano solo l'ultimissima risorsa»
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
Berna in cerca di vaccini (che non ci sono)
Anche l'influenza normale dà da pensare all'Ufficio federale di sanità. Le case farmaceutiche hanno il fiato corto
BERNA
17.09.2014 - 16:080
Aggiornamento : 24.11.2014 - 09:09

Casse malati, la trasparenza non passa. Scoppia la polemica

Niente pubblicazione delle paghe dei quadri e dei consiglieri di amministrazione delle casse malati. Fehr: "I politici nei Cda delle casse malati si vergognano di far sapere quanto ricevono ogni anno"

BERNA - Ogni anno diverse decine di milioni di franchi vengono versate dalle casse malati ai loro consiglieri di amministrazione e membri di direzione. Il principio liberale della concorrenza nel settore sanitario è intoccabile. E la segretezza pure. Lo ha ribadito ieri il parlamento federale. 

Oggi il Blick dedica la sua prima pagina alla votazione di mercoledì del Consiglio degli Stati sulla  nuova Legge sulla vigilanza sull'assicurazione malattie (LVAMal). In sostanza, in futuro, le casse malati potranno rimborsare agli assicurati eventuali premi malattia pagati in eccesso. Non ci sarà però nessun obbligo. Inizialmente gli Stati volevano garantire il rimborso dei premi pagati in eccesso, durante l'iter parlamentare hanno però adottato la versione annacquata della Camera del popolo. Il dossier torna al Nazionale. 

Il Consigliere federale Alain Berset avrebbe voluto inserire, all'interno della nuova Legge sulla vigilanza sull'assicurazione malattie, una norma che obbligasse le casse malati a rendere pubblico lo stipendio dei loro quadri. Cantoni, direttori cantonali della sanità, ed esperti del settore avevano accolto con favore la proposta del ministro. Eppure ieri al Consiglio degli Stati è passata, come detto, una versione edulcorata della legge. Le casse non saranno tenute a pubblicare nomi e cognomi dei loro manager, ossia dovranno soltanto rendere pubblico la somma totale di tutti gli onorari versati e il salario più alto. Niente nomi quindi, in nome della discrezione e a protezione delle casse e del sistema. 

"Le casse malati devono ringraziare i loro rappresentanti che siedono in parlamento a Berna"  osserva il giornale svizzero tedesco che snocciola qualche nome di deputati che fanno parte di consigli di amministrazione di casse malati e guadagnano diverse decine di migliaia di franchi all'anno, come per esempio Lucrezia Meier-Schatz, Ruth Humbel (entrambe PPD) e Ulrich Giezendanner (UDC). Anche Ida Glanzmann (PPD) che riceve diverse migliaia di franchi di indennizzo da una piccola cassa malati ogni anno ha votato per un articolo annacquato della legge. 

Il sospetto è che la lobby delle casse malattia in parlamento si sia mossa compatta affinché restassero anonimi i beneficiari degli onorari. Glanzmann e Giezendanner respingono con forza l'accusa. Entrambi hanno dichiarato di non aver nulla da nascondere, ma di aver votato contro la trasparenza sui salari per una questione di principio: lo Stato non deve sempre imporre regole e divieti. "Confido nel fatto che le case malati rendano pubbliche volontariamente gli indennizzi versati", ha dichiarato Glanzmann. 

Jacqueline Fehr, consigliera nazionale zurighese del Partito Socialista, è scettica sulla volontà di trasparenza  delle casse malati e attacca: "I lobbisti abbiano annacquato la legge. Una spiegazione me la posso spiegare soltanto che questi deputati si vergognano dei loro onorari".

Tra gli altri esponenti politici legati alle casse malati che non hanno voluto più trasparenza si annoverano: Roland Eberle (UDC, Groupe Mutuel), Konrad Graber (PPD, CSS), Lorenz Heß (PBD, Visana), Felix Gutzwiller (FDP, Sanitas).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-26 19:53:14 | 91.208.130.86