Keystone
La consigliera nazionale ginevrina Céline Amaudruz fa parte della Commissione dell'economia e dei tributi che ha proposto la mozione.
SVIZZERA
01.03.2021 - 18:420

«Più tempo per compensare le perdite»

Per il Nazionale, le imprese dovrebbero poter dedurre fiscalmente le loro perdite per 10 anni, al posto dei 7 attuali.

La democentrista Amaudruz a nome della Commissione: «Per le aziende e settori colpiti dalla pandemia si prospettano tempi più lunghi per la ripresa delle attività produttive».

BERNA - Le perdite subite a partire dal 2020 dalle imprese devono poter essere dedotte fiscalmente durante dieci anni, invece degli attuali sette. È quanto ritiene il Consiglio nazionale che ha approvato con 117 voti contro 59 e 8 astensioni una mozione della sua Commissione dell'economia e dei tributi.

Per molte aziende e settori colpiti dalla pandemia si prospettano tempi più lunghi per la ripresa delle attività produttive, ha spiegato Céline Amaudruz (UDC/GE) a nome della commissione. La possibilità di compensare le perdite in tempi più lunghi può aiutare le società nella ripresa delle attività, qualora conseguano nuovamente degli utili.

L'atto parlamentare armonizza il termine con quello per la restituzione dei crediti Covid garantiti da fideiussioni. Vi sono infatti anche molte aziende in una situazione economica difficile che non hanno sollecitato crediti Covid; l'estensione del termine per riportare le perdite dovrebbe pertanto valere anche per queste ultime e quindi essere generalizzata, ha puntualizzato la ginevrina,

Per lo schieramento rosso-verde, la misura proposta non andrebbe a beneficio di chi ne ha veramente bisogno. Solo una parte delle aziende paga un'imposta sugli utili e non sono queste le società che necessitano di tale misura.

Anche il Consiglio federale era contrario alla mozione impostata in modo molto restrittivo. In caso di accettazione, sarebbe impossibile attuare soluzioni alternative, ha affermato il ministro delle finanze Ueli Maurer. «Ma misure sono necessarie», ha aggiunto.

Gli Stati devono ancora esprimersi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-13 11:57:38 | 91.208.130.85