keystone
GIURA/ARGOVIA
18.10.2020 - 09:450
Aggiornamento : 13:12

Al voto per il rinnovo di Governo e Parlamento

Le elezioni si terranno nonostante la recrudescenza della pandemia.

Nonostante la recrudescenza della pandemia di coronavirus, si terranno oggi nel Giura e Argovia le elezioni per il rinnovo di governo e parlamento.

Nel Giura, gli occhi sono puntati sul PPD che tenterà di riguadagnare il secondo seggio nel governo perso lo scorso marzo. I cinque Consiglieri di Stato uscenti si ripresentano e partono in vantaggio rispetto agli sfidanti, grazie alla riuscita gestione dell'emergenza Covid-19.

L'esito del voto potrebbe quindi confermare gli equilibri attuali in seno all'esecutivo con 2 PS e un esponente a testa per il Partito cristiano-sociale indipendente, il PPD e il PLR. Il PPD cercherà di strappare un seggio perso lo scorso marzo a vantaggio del PS nel corso di un'elezione suppletiva.

Per quanto attiene all'elezione del Gran consiglio, si presentano 457 candidati per 60 seggi. Molto atteso l'esito del voto per quanto riguarda i Verdi. Cinque anni fa, il PPD aveva ottenuto 17 seggi, il PS 12, il PLR 9, i Cristiano sociali 8, l'UDC 8, i Verdi 4 e la sinistra alternativa POP 2.

Argovia, atteso esito UDC - Anche nel Canton Argovia dovranno essere rinnovati sia l'esecutivo che il legislativo. Molto atteso il risultato per i Verdi e per l'UDC. Quattro dei cinque membri del governo si ripresentano: si tratta di Markus Dieth (PPD), Alex Hürzeler (UDC), Stephan Attiger (PLR) e Jean-Pierre Gallati (UDC). Gli uscenti dovrebbero essere confermati.

Dopo 11 anni nell'esecutivo, il PS Urs Hofmann ha deciso di passare la mano. I partiti "borghesi" non intendono contestare la presenza di un socialista in Consiglio di Stato. Il PS corre col presidente del gruppo parlamentare, Dieter Egli. I Verdi, che non vogliono un governo tutto al maschile, sosterranno invece l'esponente ecologista Christiane Guyer, municipale di Zofingen.

Per quanto attiene all'elezione del Gran consiglio, composto di 140 membri, gli occhi sono puntati sull'UDC a causa della gestione, contestata, del partito cantonale da parte del suo presidente, il consigliere nazionale Andreas Glarner, noto a livello nazionale per le sue intemperanze verbali.

I democentristi dispongono al momento di 45 seggi e sono il gruppo più importante da 12 anni in qua. Alle federali del 2019 hanno tuttavia ceduto il 6,5% dei consensi per scendere al 31,5%.

Il PS, 27 seggi, è il secondo gruppo più numeroso nel legislativo. Seguono PLR (22 seggi) e PPD (17 seggi). I partiti "borghesi" si attendono un guadagno in fatto di seggi: il PBD, 4 esponenti al momento, non si presenta alle elezioni. I Verdi dispongono al momento di 10 seggi e i Verdi liberali di 7. Alle federali hanno registrato un netto incremento di consensi. Presenza costante nel legislativo, gli Evangelici, rappresentati da 6 deputati.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-21 04:43:28 | 91.208.130.89