Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
1 ora
Morire in un paradiso
L'82enne, risultato positivo al Covid-19, è spirato giovedì in un ospedale di Hua-Hin.
LUCERNA
2 ore
Rubano 700 chili di trote
I ladri sono entrati in un allevamento di Aesch. La polizia cerca testimoni
GRIGIONI
2 ore
Polizia costretta a sbarrare il passo della Flüela
Troppa gente, ieri, voleva praticare scialpinismo
URI
3 ore
Frana sui binari a Göschenen
Lo scoscendimento avvenuto ieri sera non ha provocato feriti.
SVIZZERA / ITALIA
3 ore
«Grazie Svizzera»
Il Governo elvetico invierà del materiale sanitario in Italia.
SVIZZERA
3 ore
Superati i 21'000 casi
Rispetto a ieri si tratta di 822 malati in più. I tamponi positivi sono circa il 15%.
SVIZZERA
4 ore
Popolazione insofferente? «Non è escluso il coprifuoco»
Alain Berset spiega che un allentamento delle misure il 20 aprile è illusorio. E sarebbe anche pericoloso
SVITTO
5 ore
Incidenti provocati da motociclisti, tre feriti
La Polizia cantonale invita a rispettare le raccomandazioni del Consiglio federale
SCIAFFUSA
5 ore
Esce di strada e finisce nel ruscello
L'auto ha colpito un albero prima di capovolgersi più volte
SVIZZERA
6 ore
UBS, crediti da 1,8 miliardi di franchi per le imprese
Il Ceo Sergio Ermotti: «Vogliamo aiutare le piccole medie imprese a sopravvivere alla crisi»
SVIZZERA
6 ore
Tornati a casa i cittadini bloccati in Australia
Il trasferimento è stato organizzato con un volo charter da Sydney con tappa a Phuket
SVIZZERA
7 ore
Si scontrano nel centro di Zurigo
Tre veicoli si sono scontrati, portando al ribaltamento di uno di loro
ZURIGO
16 ore
Uccide e violenta la coinquilina. Ma niente carcere
Uno svizzero ha strangolato la coinquilina, poi l'ha «umiliata» compiendo atti sessuali con il corpo esanime.
SVIZZERA
19 ore
Occhio vigile sui prezzi gonfiati
Un'associazione ha dovuto rendere conto del proprio operato
FOTO
SVIZZERA
20 ore
Meno gente in giro nelle città svizzero-tedesche
In calo le multe e le violazioni rispetto a una settimana fa
BERNA
20 ore
Ospite positivo, centro per richiedenti asilo in quarantena
Lo stato di salute delle persone che si trovano al suo interno viene monitorato costantemente
ZURIGO
23 ore
Urtato sull'e-bike: muore un 75enne
L'incidente è avvenuto questa mattina nel comune zurighese di Humlikon
SVIZZERA
13.03.2020 - 20:280

Le decisioni del governo fanno (quasi) l'unanimità

Tutti i partiti danno piena fiducia alle scelte del Consiglio federale.

Il PLR chiede soluzioni per i bambini con genitori che lavorano. I Verdi domandano un programma globale di aiuto all'economia. Il PS invita tutti a una prova di solidarietà.

BERNA - Piena fiducia nel governo: i principali partiti svizzeri appoggiano le decisioni prese oggi dal Consiglio federale. Il PLR chiede tuttavia che vengano organizzate soluzioni per aiutare quei genitori che sono obbligati a lavorare. I Verdi chiedono un programma globale di aiuto all'economia, mentre il PS invita tutti a dare prova di solidarietà.

I radicali sottolineano che in questa situazione straordinaria tutti in Svizzera devono farsi carico di una responsabilità comune e dimostrare solidarietà verso tutta la società. Guerre politiche o ideologiche sono in questo momento del tutto fuori luogo, precisano i liberali radicali in una nota.

Bisognerà piuttosto concentrarsi sulla protezione della popolazione a breve termine e trarre poi lezioni da applicare a lungo termine, sottolinea il PLR.

In Svizzera meglio che altrove - I costi di queste misure per la popolazione civile e per l'economia potrebbero ammontare a diversi miliardi di franchi. Tuttavia - sottolinea il PLR - la situazione è più sopportabile per la Svizzera che per altri Paesi, per un chiaro motivo: negli ultimi anni e decenni la Svizzera si è preoccupata dell'economia, delle finanze della Confederazione e dell'entità del suo indebitamento. Ancora una volta, il freno all'indebitamento sta dando i suoi frutti.

Le misure economiche a breve termine adottate dal Consiglio federale - conclude la nota - sono importanti e corrette. C'è bisogno di un sostegno temporaneo e mirato per le aziende che soffrono delle restrizioni e che hanno difficoltà a pagare gli stipendi.

Difficoltà per le famiglie - Il PS rileva che la decisione di chiudere da lunedì tutte le scuole crea non poche difficoltà a molte famiglie con genitori che lavorano. I nonni, come gruppo a rischio, non devono occuparsi dei bambini di chi lavora, sottolinea il partito.

Il PS si rivolge quindi ai datori di lavoro, chiedendo loro di sostenere i dipendenti e consentire ai genitori di prendersi cura dei loro figli. Dove possibile chiede di ricorrere al lavoro da casa (home office) e il settore pubblico deve fornire sostegno e garantire l'assistenza all'infanzia. Chiaramente ci sono molti dipendenti che non possono rimanere a casa, ad esempio perché lavorano nel settore sanitario.

Tutti contribuiscano agli sforzi - Chiunque - enfatizzano i socialisti - può ora dare il proprio contributo, naturalmente adottando le necessarie misure di protezione. Nei Cantoni e nei Comuni sono necessarie soluzioni pragmatiche: dove possibile, le scuole dovrebbero fornire un'assistenza di base per i genitori che non riescono a trovare assistenza per i loro figli.

I Verdi appoggiano quanto deciso dal governo, ma chiedono anche un ampio programma di stimolo economico globale. Oltre al Consiglio federale e al parlamento, anche i Cantoni e i Comuni sono chiamati ad adottare misure per contrastare la minaccia di una crisi economica, scrivono in una nota.

Pensare a lungo termine - L'ultima valutazione della situazione e le decisioni del Consiglio federale dimostrano che la pandemia può essere fermata solo con condizioni e restrizioni drastiche, affermano gli ecologisti.

Tuttavia, le misure adottate dalla Confederazione non saranno sufficienti a contrastare le conseguenze a medio e lungo termine. Di concerto con Cantoni e ai Comuni è indispensabile elaborare un pacchetto coordinato di misure di emergenza e di stimolo economico. Bisognerà porre l'accento - secondo i Verdi - su misure per accelerare un ripensamento in termini ecologici, e in favore dell'istruzione e della formazione. Bisognerà inoltre pensare a un rafforzamento mirato del sistema sanitario.

Restiamo uniti! - L'UDC sostiene le decisioni del Consiglio federale, ha indicato dal canto suo il presidente Albert Rösti. «Le misure sono massicce, senza che si veda nulla di concreto, come invece avverrebbe con un terremoto», ha detto in un'intervista a Blick TV. Ma è sempre meglio poter dire a posteriori che si è fatto troppo piuttosto che troppo poco.

La popolazione deve ora stare unita. È una questione di solidarietà, ha aggiunto Rösti, secondo cui il suo partito è soddisfatto del fatto che il governo appoggi l'economia. Per l'UDC le misure adottate alle frontiere vanno «nella giusta direzione», ma il partito continua a chiederne la chiusura.

Economiesuisse per misure mirate - Economiesuisse accoglie con favore la decisione del Consiglio federale di concentrarsi su misure mirate e di rinunciare a un ampio programma di stimolo economico.

La decisione di limitare eccezionalmente alle frontiere la libera circolazione delle persone è comprensibile alla luce della situazione, rileva l'associazione delle grandi imprese in una nota. Il fatto che il transito e il traffico merci continueranno ad essere consentiti è, secondo l'associazione, un imperativo se si vuole mantenere la produzione in Svizzera. Economiesuisse si rallegra inoltre del fatto che la Confederazione ricorra in primo luogo al collaudato strumento del lavoro a orario ridotto.

USS: soluzione finanziaria per genitori - L'Unione sindacale svizzera (USS) chiede al Consiglio federale di presentare entro lunedì, quando chiuderanno tutte le scuole, misure che garantiscano il salario e la custodia dei bambini in tutti i cantoni. La centrale sindacale propone una sorta di "sostituto salariale" per i genitori con obblighi di assistenza all'infanzia.

Dal canto suo, la società degli impiegati di commercio si dice soddisfatta del fatto che la Confederazione abbia adottato misure di sostegno all'economia. Occorre tuttavia anche una stabilizzazione dell'economia e del mercato del lavoro. La politica dovrà adottare rapidamente ulteriori misure per garantire posti di lavoro e ammortizzare l'impatto economico negativo sui dipendenti e sulle imprese.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 3 sett fa su tio
Certo PRIMA i NOSTRI !!!!
streciadalbüter 3 sett fa su tio
@stella83.Condivido pienamente.Nessun`altra persona puo`sostituire l`amore di una madre per i propri figli
Stelle83 3 sett fa su tio
Lasciate a casa tutte le mamme che hanno figli in età scolastica! E pagatele! e il minimo che la Svizzera debba fare in questo caso. Poi non lamentatevi che le nascite sono poche e l’anzianità maggiore. Le mamme a casa, ad accudire e sensibilizzare in questo momento delicato i loro figli. Loro sono il nostro futuro ricordatevelo!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-05 15:40:37 | 91.208.130.87