Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
18.02.2020 - 11:580

Niente canone per le piccole imprese

Lo chiede un'iniziativa parlamentare di Fabio Regazzi approvata dalla Commissione del Consiglio nazionale.

BERNA - Solo le imprese con 250 collaboratori o più a tempo pieno dovrebbero pagare il canone radiotelevisivo. Lo chiede un'iniziativa parlamentare di Fabio Regazzi (PPD Ticino) approvata, anche se di misura (13 voti a 12), dalla Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale (CTT-N). Il dossier va all'omologa commissione degli Stati.

La maggioranza della CTT-N, si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari, critica il fatto che l'obbligo di pagare il canone per le imprese venga fatto dipendere dal fatturato: una deroga per le piccole e medie imprese (PMI) consentirebbe di sgravare dal canone radiotelevisivo queste ditte, molte delle quali a fronte di un fatturato elevato presentano bassi margini di guadagno e risultano quindi particolarmente colpite da questo prelievo.

Una minoranza consistente non vuole introdurre un'eccezione per le PMI nel sistema di riscossione attuale, poiché resterebbero solo poche aziende a pagare il canone, sbilanciando così l'intero sistema.

Stando al consigliere nazionale ticinese, candidato alla presidenza dell'Unione svizzera della arti e mestieri (l'assemblea dei delegati si terrà in 27 aprile a Friburgo) il canone in funzione del giro d'affari è fonte di gravi difficoltà per le piccole società che pur facendo registrare un elevato fatturato, hanno in realtà esigui margini di utile.

Nel testo della sua iniziativa, sostenuta da altri 49 parlamentari, Regazzi cita un'officina che per lo stesso apparecchio radiofonico si è vista aumentare il canone da 200 a 5'750 franchi, ossia di 26 volte.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
curzio 1 mese fa su tio
Nessuna impresa dovrebbe pagare il canone radio-tv. I singoli dipendenti lo pagano già privatamente. Inoltre, dubito che al lavoro passi il tempo a guardare la tv!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 10:47:15 | 91.208.130.87