Keystone
Il presidente dell'UDF Hans Moser.
SVIZZERA
09.02.2020 - 15:520

«La norma che vieta la discriminazione va applicata solo in casi estremi»

Gli oppositori ammettono la sconfitta ma nel contempo promettono battaglia contro il matrimonio per tutti e l'adozione per le coppie omosessuali

BERNA - Gli oppositori all'estensione della norma antirazzismo che vieta le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale riconoscono la sconfitta alle urne, ma si augurano che la nuova legge venga applicata «solo in casi estremi». Il presidente dell'Unione democratica federale (UDF) Hans Moser, all'origine del referendum contro il testo insieme ai Giovani UDC, ha già annunciato battaglia contro il matrimonio per tutti e l'adozione di bambini per le coppie omosessuali.

«Chiediamo un'applicazione della legge solamente in casi estremi», ha detto oggi alla SRF Anian Liebrand, ex presidente svizzero dei Giovani UDC e membro del comitato referendario che si batteva contro l'estensione della norma. «La libertà d'espressione non deve essere limitata, se non in casi eccezionali», ha ribadito.

Il risultato odierno mostra che la società è sempre più rivolta a un'apertura: «È difficile combattere contro lo spirito del tempo», ha aggiunto, precisando che non si è mai trattato di dover scegliere di essere «pro o contro l'omosessualità». Secondo Liebrand, «nel corso della campagna numerosi aspetti si sono confusi».

L'UDC svizzera teme che l'estensione della norma antirazzismo riduca la libertà di opinione e di espressione, diventando una specie di copertura per sentenze motivate politicamente. Il partito nazionale in una nota ha assicurato che osserverà criticamente l'attuazione del disegno di legge.

Contro il matrimonio per tutti - Il presidente dell'UDF Hans Moser, dal canto suo, ha ribadito che il "sì" odierno alle urne non è un lasciapassare per nuove rivendicazioni.

«Continueremo a rappresentare i valori cristiani», ha indicato Moser all'agenzia Keystone-ATS, aggiungendo che il suo partito continuerà a opporsi attivamente contro il matrimonio per tutti e l'adozione per le coppie omosessuali. Secondo il presidente dell'UDF, i procedimenti giudiziari in seguito all'estensione della norma antirazzismo non esploderanno. «Per contro, aumenteranno le condanne», ha aggiunto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 1 mese fa su tio
Io continuo a differenziare fra: matrimonio gay e adozione da parte di coppie gay. Nel primo caso si può legittimamente argomentare che ognuno può disporre liberamente della propria vita. Nel secondo io vedo quale criterio prioritario in senso assoluto il benessere del bimbo / bimba e non l’egoismo di “avere” un figlio. Non è un’auto nuova. Non credo che avere due papà o due mamme che dormono insieme, costituisca la sana e corretta immagine della famiglia, che si deve trasmettere a un bambino o una bambina.
tazmaniac 1 mese fa su tio
@Maxy70 Teoricamente, per qualcuno anche questa potrebbe essere discriminazione, grazie per esserti offerto come "tester" della nuova legge... ;o) Per quanto scritto, nulla da eccepire...
curzio 1 mese fa su tio
La norma va applicata così come è scritta nel testo di legge. Forse certi individui pensano che la legge sia come la carta del menu di un ristorante, dove scegli quello che ti piace...
Bayron 1 mese fa su tio
Speriamo!!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 10:49:04 | 91.208.130.87