Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Anche Swissmedic sta valutando la pillola anti-Covid
Merck ha depositato una domanda di omologazione in Svizzera lo scorso mese di agosto
FOTO
ZUGO
5 ore
Sorpasso fatale per un motociclista
L'uomo si è scontrato contro un furgone e un'auto che circolavano nel senso opposto.
SVIZZERA
5 ore
Salari più bassi: «Risultati deludenti»
L'Unione sindacale svizzera commenta le cifre pubblicate oggi dall'Ufficio federale di statistica.
BERNA
6 ore
Certificato Covid, nuovi problemi con l'app
Attualmente si starebbero verificando sporadici malfunzionamenti nelle applicazioni in uso per la lettura dei QR Code.
FOTO
ARGOVIA
8 ore
Sbaglia la precedenza e finisce cappottato
Incidente spettacolare questa mattina in quel di Oftringen (AG)
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
9 ore
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
9 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
11 ore
Le uscite vincolate riducono il margine di manovra
Per il 2022 la Confederazione prevede uscite pari a 78 miliardi di franchi
SVIZZERA
11 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
11 ore
Premiato lo snodo di Jona
La stazione d'interscambio ha conquistato il riconoscimento Flux 2021
SVIZZERA
11 ore
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
12 ore
Esercito a caccia di cybertalenti
L'obiettivo è di potenziare la cyberdifesa. I giovani saranno chiamati a gestire un finto cyberattacco
SVIZZERA
13 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
SVIZZERA
30.01.2020 - 14:370
Aggiornamento : 15:59

Ecco le quattro priorità di Ignazio Cassis

Fra gli obiettivi della politica estera federale c'è anche a un consolidamento delle relazioni con l'Unione europea

di Redazione
ats

BERNA - Pace e sicurezza, prosperità, sostenibilità e digitalizzazione: sono le quattro priorità della politica estera svizzera da oggi al 2023, fissate dal Consiglio federale, che punta anche a un consolidamento delle relazioni con l'Unione europea (UE).

Gli obiettivi sono stati illustrati oggi a Berna alla stampa dal consigliere federale Ignazio Cassis, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Presentando le decisioni del governo, il ticinese ha sottolineato che «in un momento storico in cui il mondo è caratterizzato da una volatilità sempre maggiore, un quadro di riferimento come questo è fondamentale per guidare l'azione della Svizzera all'estero».

La "Strategia di politica estera 2020-2023" - documento che si fonda sulla Costituzione e fa leva sulla costanza, la fiducia e la tradizione - pone nuovi accenti rispetto alla strategia precedente e offre nuovi strumenti adeguati a un contesto globale in cui i parametri sono caratterizzati da continuo cambiamento.

Processo trasversale - Per la prima volta «la presente strategia è il frutto di un processo interdipartimentale», ha rilevato il ministro degli esteri: serve al Consiglio federale e all'Amministrazione da «bussola comune per posizionare il nostro Paese nel mondo e al contempo garantisce la flessibilità necessaria per reagire rapidamente ai cambiamenti».

Nella Strategia di politica estera 2020–2023, ha aggiunto, sono «confluiti gli scambi diretti con la popolazione nel corso dell'estate 2019, il dialogo con organizzazioni della scienza, dell'economia e della società civile nonché le interazioni regolari con il Parlamento e i Cantoni».

La decisione di interpellare tutti i dipartimenti - rappresentanti di tutti e sette si sono incontrati più volte di persona per discutere e trovare un compromesso - è stata caldamente voluta dal consigliere federale ticinese. «Ciò ci consente di garantire una coerenza a livello di strategia politica», ha affermato, precisando che il DFAE non ha il monopolio per quanto riguarda la politica estera, che è di fatto competenza del governo.

«Solo se diventerà un progetto ampiamente condiviso conformemente all'approccio "whole-of-Switzerland", la politica estera svizzera potrà produrre i migliori risultati», ha detto il ministro degli esteri.

Quattro priorità - Quattro le priorità tematiche stabilite dal Consiglio federale: pace e sicurezza, prosperità, sostenibilità e digitalizzazione. A queste, ha precisato Cassis, si aggiungono obiettivi concreti per tutte le regioni del mondo - con un'attenzione particolare per l'Europa e l'UE - e priorità per la rete esterna e la comunicazione.

Per quanto concerne la pace e la sicurezza, Cassis ha ricordato che la Confederazione si impegna per un mondo sicuro e in pace, che permetta a tutti e tutte di vivere senza privazioni e paura, e garantisca il rispetto dei diritti umani e la prosperità economica. Ciò avviene mediante i tradizionali buoni uffici, l'impegno umanitario, la capacità di "costruire ponti", la mediazione, la promozione militare della pace e la diplomazia scientifica.

In questo ambito priorità assoluta è la candidatura della Svizzera a un seggio non permanente nel Consiglio di sicurezza dell'ONU per il periodo 2023-2024, che le consentirà di rafforzare la sua azione a favore di un ordine internazionale pacifico.

Garantire a lungo termine la prosperità è un altro dei punti prioritari della strategia presentata dal consigliere federale: affinché ciò avvenga, la prosperità deve essere sostenibile, condivisa da tutti, e fondata su regole internazionali chiare e rispettate.

La Svizzera appoggia questa logica, contribuendo allo sviluppo di altri paesi attraverso una cooperazione internazionale mirata e una gestione sostenibile delle risorse naturali. Qui, ha sottolineato Cassis, particolarmente importante è il consolidamento e lo sviluppo della via bilaterale con l’UE.

La Svizzera si è impegnata - nel quadro dell'Agenda 2030 dell'ONU - ad attuare uno sviluppo sostenibile che tenga conto, in pari misura, di tre dimensioni: l'ambiente, l'economia e la società. Si è dotata a tal fine di strutture amministrative adeguate.

Oltre a portare avanti lo sviluppo della sua politica estera digitale, la Svizzera mira a conferire una dimensione digitale al suo ruolo di "costruttrice di ponti". Deve inoltre adoperarsi per garantire che anche nel cyberspazio venga rispettato il diritto internazionale pubblico e si pongano al centro gli esseri umani e i loro bisogni.

Cassis ha rilevato che a questo proposito priorità è data a rendere più nitido il profilo della Svizzera in materia di "governance globale" della digitalizzazione: in questo ambito Ginevra deve diventare un polo imprescindibile, dove sarà discussa la politica digitale e tecnologica mondiale.

In conclusione il capo del DFAE ha rilevato che le ragioni della storia di successo della Svizzera sono molteplici: accanto a fattori come uno Stato vicino ai cittadini, la stabilità politica e la posizione geografica, «anche la politica estera svolge un ruolo importante». L'equilibrio tra apertura e autonomia si è rivelato vincente e andrà mantenuto anche in futuro.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 23:01:25 | 91.208.130.86