Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ARGOVIA
10 min
Automobilista pizzicato a 94 km/h in Zona 30
Il conducente è stato denunciato e gli è stata ritirata la patente.
GRIGIONI
31 min
Un sostegno per “vivere” le gole di Ruinaulta
Cantone e Confederazione hanno stanziato 705'000 franchi per la promozione e fruibilità dell'area
SVIZZERA
41 min
«Il crimine di aggressione entri nel codice penale svizzero»
Lo chiede il consigliere agli Stati Carlo Sommaruga.
SVIZZERA
1 ora
Nuove armi per gli 007 svizzeri
La revisione della legge sulle attività informative vuole potenziare la lotta all'estremismo violento
SVIZZERA
1 ora
Altri milioni per proteggere il bestiame dal lupo
La Confederazione mette a disposizione fondi supplementari a sostegno dell'economia alpestre tradizionale
SVIZZERA
1 ora
L'imposta sulla benzina non si tocca (per ora)
Il Governo ritiene che al momento non sia necessario adottare provvedimenti. Ma la situazione è sotto osservazione
Neuchâtel
1 ora
La capitale del piacere femminile
La Chaux-de-Fonds si riempie di eventi per la giornata internazionale del clitoride
SVIZZERA
2 ore
Stati Uniti impressionati dalle sanzioni svizzere
La dedizione delle autorità svizzere nell’applicare le sanzioni contro fondi russi ha riscosso l'ammirazione americana.
LE FOTO
SVIZZERA
3 ore
Ecco il centesimo distintivo del 1° agosto
È stato presentato ieri sera da Pro Patria, con il Presidente della Confederazione Ignazio Cassis
SVIZZERA
3 ore
La visita di Stato della presidente slovacca
Zuzana Caputova sarà accolta nel pomeriggio sulla Piazza federale con gli onori militari
SVIZZERA
3 ore
«La comunità politica Ue è un'opzione per la Svizzera»
Il presidente del Centro Gerhard Pfister invita il Consiglio federale a valutare la proposta di Emmanuel Macron
FRANCIA / SVIZZERA
12 ore
«Complice di crimini contro l'umanità». Socia di Holcim sotto accusa
Avrebbe versato diversi milioni nelle casse dello Stato Islamico e ad altre organizzazioni per un impianto di cemento
SVIZZERA
16 ore
Vaccino Moderna sotto i cinque anni? Swissmedic esamina l'estensione
La casa farmaceutica ha presentato la domanda all'istituto svizzero per gli agenti terapeutici.
SVIZZERA
17 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
30.01.2020 - 14:370
Aggiornamento : 15:59

Ecco le quattro priorità di Ignazio Cassis

Fra gli obiettivi della politica estera federale c'è anche a un consolidamento delle relazioni con l'Unione europea

di Redazione
ats

BERNA - Pace e sicurezza, prosperità, sostenibilità e digitalizzazione: sono le quattro priorità della politica estera svizzera da oggi al 2023, fissate dal Consiglio federale, che punta anche a un consolidamento delle relazioni con l'Unione europea (UE).

Gli obiettivi sono stati illustrati oggi a Berna alla stampa dal consigliere federale Ignazio Cassis, capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Presentando le decisioni del governo, il ticinese ha sottolineato che «in un momento storico in cui il mondo è caratterizzato da una volatilità sempre maggiore, un quadro di riferimento come questo è fondamentale per guidare l'azione della Svizzera all'estero».

La "Strategia di politica estera 2020-2023" - documento che si fonda sulla Costituzione e fa leva sulla costanza, la fiducia e la tradizione - pone nuovi accenti rispetto alla strategia precedente e offre nuovi strumenti adeguati a un contesto globale in cui i parametri sono caratterizzati da continuo cambiamento.

Processo trasversale - Per la prima volta «la presente strategia è il frutto di un processo interdipartimentale», ha rilevato il ministro degli esteri: serve al Consiglio federale e all'Amministrazione da «bussola comune per posizionare il nostro Paese nel mondo e al contempo garantisce la flessibilità necessaria per reagire rapidamente ai cambiamenti».

Nella Strategia di politica estera 2020–2023, ha aggiunto, sono «confluiti gli scambi diretti con la popolazione nel corso dell'estate 2019, il dialogo con organizzazioni della scienza, dell'economia e della società civile nonché le interazioni regolari con il Parlamento e i Cantoni».

La decisione di interpellare tutti i dipartimenti - rappresentanti di tutti e sette si sono incontrati più volte di persona per discutere e trovare un compromesso - è stata caldamente voluta dal consigliere federale ticinese. «Ciò ci consente di garantire una coerenza a livello di strategia politica», ha affermato, precisando che il DFAE non ha il monopolio per quanto riguarda la politica estera, che è di fatto competenza del governo.

«Solo se diventerà un progetto ampiamente condiviso conformemente all'approccio "whole-of-Switzerland", la politica estera svizzera potrà produrre i migliori risultati», ha detto il ministro degli esteri.

Quattro priorità - Quattro le priorità tematiche stabilite dal Consiglio federale: pace e sicurezza, prosperità, sostenibilità e digitalizzazione. A queste, ha precisato Cassis, si aggiungono obiettivi concreti per tutte le regioni del mondo - con un'attenzione particolare per l'Europa e l'UE - e priorità per la rete esterna e la comunicazione.

Per quanto concerne la pace e la sicurezza, Cassis ha ricordato che la Confederazione si impegna per un mondo sicuro e in pace, che permetta a tutti e tutte di vivere senza privazioni e paura, e garantisca il rispetto dei diritti umani e la prosperità economica. Ciò avviene mediante i tradizionali buoni uffici, l'impegno umanitario, la capacità di "costruire ponti", la mediazione, la promozione militare della pace e la diplomazia scientifica.

In questo ambito priorità assoluta è la candidatura della Svizzera a un seggio non permanente nel Consiglio di sicurezza dell'ONU per il periodo 2023-2024, che le consentirà di rafforzare la sua azione a favore di un ordine internazionale pacifico.

Garantire a lungo termine la prosperità è un altro dei punti prioritari della strategia presentata dal consigliere federale: affinché ciò avvenga, la prosperità deve essere sostenibile, condivisa da tutti, e fondata su regole internazionali chiare e rispettate.

La Svizzera appoggia questa logica, contribuendo allo sviluppo di altri paesi attraverso una cooperazione internazionale mirata e una gestione sostenibile delle risorse naturali. Qui, ha sottolineato Cassis, particolarmente importante è il consolidamento e lo sviluppo della via bilaterale con l’UE.

La Svizzera si è impegnata - nel quadro dell'Agenda 2030 dell'ONU - ad attuare uno sviluppo sostenibile che tenga conto, in pari misura, di tre dimensioni: l'ambiente, l'economia e la società. Si è dotata a tal fine di strutture amministrative adeguate.

Oltre a portare avanti lo sviluppo della sua politica estera digitale, la Svizzera mira a conferire una dimensione digitale al suo ruolo di "costruttrice di ponti". Deve inoltre adoperarsi per garantire che anche nel cyberspazio venga rispettato il diritto internazionale pubblico e si pongano al centro gli esseri umani e i loro bisogni.

Cassis ha rilevato che a questo proposito priorità è data a rendere più nitido il profilo della Svizzera in materia di "governance globale" della digitalizzazione: in questo ambito Ginevra deve diventare un polo imprescindibile, dove sarà discussa la politica digitale e tecnologica mondiale.

In conclusione il capo del DFAE ha rilevato che le ragioni della storia di successo della Svizzera sono molteplici: accanto a fattori come uno Stato vicino ai cittadini, la stabilità politica e la posizione geografica, «anche la politica estera svolge un ruolo importante». L'equilibrio tra apertura e autonomia si è rivelato vincente e andrà mantenuto anche in futuro.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-19 11:46:48 | 91.208.130.85