Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Due jumbo jet per confondere gli attentatori»
Per quale motivo il presidente americano Trump è arrivato a Zurigo con due Boeing 747-200B identici? La parola all’esperto di aviazione
GRIGIONI
1 ora
Trump: «Abbiamo fiducia al 100% nella Svizzera»
L'odierno incontro tra il presidente USA e la delegazione elvetica è durato una cinquantina di minuti. Sommaruga: «Abbiamo avuto una discussione molto aperta»
BERNA
1 ora
Investe due persone, ma non si ferma
L'incidente si è verificato oggi a Kiesen. Un ferito è stato portato in ospedale. La polizia cerca testimoni
FOTO
SVIZZERA
3 ore
Babbo Natale (o Gesù Bambino) più indaffarato che mai
Letterine e disegni, ma anche ciucci e lavoretti. Tra novembre e Natale il numero di invii ha superato per la prima volta quota 30'000
VAUD
3 ore
Auto esce di strada e prende fuoco, morto un 21enne
Il giovane stava viaggiando sulla strada cantonale fra La Coudre VD e L'Isle, quando per ragioni non ancora note ha perso il controllo del veicolo
SVIZZERA
3 ore
Accordo di libero scambio per Trump, clima per Sommaruga
La presidente della Confederazione ha detto di voler discutere non solo di economia, ma anche di clima e buoni uffici
SVIZZERA
4 ore
Eccesso di velocità in servizio: «I poliziotti non vanno puniti»
La Commissione dei Trasporti del Consiglio Nazionale ha approvato un'iniziativa parlamentare di Christian Lüscher che chiedeva una valutazione diversa in situazioni d'emergenza
BERNA
5 ore
Il sole di gennaio sconfigge la nebbia
Questo mese è già entrato nella storia del canton Berna: è stato il più soleggiato dall'inizio delle misurazioni, nel 1886
GRIGIONI
5 ore
«La nostra casa è in fiamme. Agite per i vostri figli»
Greta Thunberg ha lanciato l'ennesimo monito sul cambiamento climatico dal palco del WEF
SVIZZERA
6 ore
I migranti vulnerabili non vanno in Italia, Quadri non ci sta
«Il Tribunale amministrativo federale sabota l'accordo di Dublino» secondo il consigliere nazionale leghista
SAN GALLO
6 ore
Carcere, multa e terapia stazionaria per l'ex dipendente dell'asilo
L'uomo è stato riconosciuto colpevole di abusi sessuali e di aver diffuso materiale pedopornografico su internet
SVIZZERA
06.01.2020 - 11:310

«Resto alla guida del PLR»

Malgrado il calo di consensi registrato alle elezioni federali, la presidente Petra Gössi non intende abdicare: «Nei primi tre anni siamo cresciuti, poi è arrivata l'onda verde»

di Redazione
ats

BERNA - Malgrado il calo di consensi registrato alle elezioni federali, contrariamente ai suoi colleghi di UDC Albert Rösti e PS Christian Levrat, la presidente del PLR Petra Gössi intende continuare a guidare il partito anche nei prossimi anni. I liberali radicali dovranno essere più combattivi e useranno più spesso l'arma del referendum, afferma la consigliera nazionale svittese, che continuerà a difendere la svolta verde - un ecologismo borghese - avallata dal partito alla fine dello scorso mese di giugno.

Alle elezioni federali dello scorso autunno «ce la siamo cavata per il rotto della cuffia», ammette la 43enne in un'intervista pubblicata oggi dal Blick. Nell'elezione del Consiglio nazionale, designato con il sistema proporzionale, il PLR ha raccolto il 15,3% dei consensi, 1,1 punti in meno di quattro anni prima. Agli Stati ha conservato lo stesso numero di "senatori" (dodici).

«Certamente» ho pensato alle dimissioni, ma «non abbandono solo perché una volta sono esposta a venti contrari», dichiara la presidente, ricordando che durante i suoi primi tre anni alla testa del partito, il PLR è progredito nei cantoni. Ma poi «è arrivata l'onda verde».

A suo avviso del resto l'esito delle elezioni è congiunturale e dipende dai "megatemi" del momento: nel 2011 aveva fatto banco il disastro nucleare di Fukushima (Giappone), quattro anni dopo la «crisi dei profughi» e lo scorso anno quella climatica.

Insomma, in aprile si presenterà per un nuovo mandato di due anni davanti ai delegati (il PLR elegge i suoi vertici a scadenza biennale). Gössi indica comunque già di essere disposta a rimanere più a lungo, quindi perlomeno fino alle prossime elezioni federali, nel 2023.

Rösti e Levrat hanno invece annunciato che rinunceranno a un nuovo mandato alla testa delle rispettive formazioni politiche. Per entrambi, il calo di consensi alle federali di ottobre è almeno in parte una ragione per gettare la spugna.

PLR più impertinente - La consigliera nazionale, che guida i destini del PLR da quattro anni, ha già pronte delle ricette per rafforzare quello che definisce il polo liberale elvetico, di fronte ai due poli conservatore e sociale. «Dovremo essere più combattivi e impertinenti (...). Dovremo anche impugnare più frequentemente il referendum per combattere le proposte di centrosinistra».

Un'altra chiave dei futuri successi del PLR sarà una politica più verde, secondo i principi accolti dal congresso del 22 giugno scorso su iniziativa della direzione. In questo caso, «se la base non avesse seguito, sarei partita. Su questo aspetto non avrei potuto farmi sconfessare». La svittese nega che l'assemblea dei delegati abbia proceduto per opportunismo politico, a quattro mesi dalle federali. Invece «abbiamo puntato sulla politica ambientale perché il tema ha grande valore per la popolazione».

Ma Gössi sottolinea che il verde del PLR poco o nulla ha a che fare con quello degli ecologisti e della sinistra. «Abbiamo elaborato nostre soluzioni liberali», migliori di quelle dei Verdi che sono confrontati a un conflitto di interessi. Gli ecologisti vogliono energie rinnovabili, ma poi quando si tratta di costruire impianti eolici e potenziare bacini idroelettrici pongono il veto per proteggere l'ambiente, denuncia in buona sostanza la 43enne.

Critiche alla sinistra - Anche in tema di politica europea, Gössi lancia strali a sinistra. «Sono sempre i sindacati a bloccare l'accordo quadro (istituzionale con Bruxelles) da oltre un anno e mezzo».

Al polo sociale ricorda inoltre che la «soglia del dolore» non è lontana in materia di previdenza per la vecchiaia. Sono necessarie soluzioni condivise, ma «i provvedimenti dovranno poter continuare a essere finanziabili anche in futuro».

In ambito di tassi negativi, «in cui si cela un grosso potenziale di esplosione sociale», promette di sollecitare partiti e governo nei prossimi colloqui di Casa Von Wattenwil. «I tassi negativi sono un tema caldo su cui nessuno vuole discutere. La politica deve assumere le sue responsabilità».

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 21:44:18 | 91.208.130.85