Keystone (archivio)
Tanto lavoro sotto il Cupolone.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
4 ore
Cerca di fermare i cavalli, bimba perde parte del dito
Stava tenendo una cordicella di recinzione, quando uno degli animali ha sfondato l'ostacolo
GRIGIONI
4 ore
Detenuto trovato morto in cella
Si tratta di un 23enne afghano
BERNA
4 ore
Fanno esplodere un bancomat, ripresi da un cellulare
Tre esplosioni per arrivare al distributore automatico dei soldi. Due ladri per un colpo perfetto
SVIZZERA
4 ore
Le riserve salveranno le finanze pubbliche
La pandemia comporterà una forte contrazione delle entrate fiscali e una crescita della disoccupazione
VAUD
5 ore
Attacchi ai bancomat, fermati in Francia quattro sospetti
Quattro i casi nel canton Vaud, altrettanti nel canton Friburgo
GIURA
6 ore
Continua la lotta giurassiana al 5G: «Depositata una petizione»
Il collettivo "Jura non 5G" ha raccolto oltre 4'300 firme contro l'antenna che dovrebbe essere posata a Delémont.
ZURIGO
6 ore
Identificato l'uomo caduto dalla finestra di un bordello
È un giovane di 28 anni la vittima dell'incidente avvenuto venerdì mattina nel centro storico di Zurigo.
SVIZZERA
6 ore
Posto di lavoro: aumenta l'incertezza fra gli over 50
Lo conferma un sondaggio effettuato dallo specialista del settore Rundstedt
NIDVALDO
7 ore
Sbaglia la manovra e precipita: morto un parapendista
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio a Wolfenschiessen. Per il giovane di 22 anni non c'è stato nulla da fare.
SVIZZERA
8 ore
Altri 782 casi, 26 ricoveri e 2 decessi in 72 ore
Il 3.4% dei tamponi effettuati tra venerdì e domenica è risultato positivo al Covid-19.
SVIZZERA
9 ore
Tumore al seno: «Fondamentale il sostegno dei familiari»
La Lega contro il cancro ha deciso di concentrare la propria attenzione sui congiunti delle malate.
SVIZZERA
10 ore
L'ex tassista ai vertici della Seco
Boris Zürcher ha fatto una carriera fuori dal comune. Oggi guida la Divisione lavoro a Berna. Lo abbiamo intervistato
FRIBURGO
10 ore
Sgominate due bande di ladri
Due persone ree di aver svaligiato vari appartamenti in Romandia e a Berna sono state arrestate.
SVIZZERA
10 ore
Congedo paternità, per UBS sono quattro settimane
Il colosso bancario si vuole dimostrare un datore di lavoro attrattivo
VAUD
10 ore
Deraglia un treno alla stazione di Echallens
Fortunatamente non c'erano passeggeri a bordo, ma non sono mancati i disagi.
ZURIGO
10 ore
Sospettata di aver commissionato l'assassinio della madre: assolta
Il Tribunale distrettuale di Meilen ha invece condannato per il crimine un 37enne.
SVIZZERA
11 ore
Le donne avrebbero abbattuto i jet
Il 55% delle votanti di sesso femminile avrebbe fatto a meno dell'acquisto dei nuovi aerei militari.
SVIZZERA
11 ore
La domenica "nera" dell'UDC sui quotidiani elvetici
I giornali svizzero-tedeschi parlano di «schiaffo» e «fiasco» per i democentristi che hanno perso 4 oggetti su 5.
SVIZZERA
11 ore
La Seco rivede al rialzo il PIL svizzero
Che resta comunque da record negativo storico, ad aiutare la ripresa generale e l'aumento delle farmaceutiche
BASILEA CAMPAGNA
11 ore
Il Consigliere di Stato Thomas Weber a processo
Il rappresentante dell'UDC dovrà rispondere all'accusa di infedeltà nella gestione pubblica.
GINEVRA
12 ore
Salario minimo: a Ginevra in un mese, in Ticino attesa di 6 anni
La misura è stata approvata domenica alle urne: «In vigore da fine ottobre»
BASILEA CAMPAGNA
12 ore
È morto il 17enne rimasto ferito venerdì
La procura basilese ha aperto un fascicolo a carico del conducente dell'auto coinvolta
SAN GALLO
13 ore
Moto esce fuori strada, morto un 42enne
I soccorritori, una volta giunti sul posto, non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso
SVIZZERA
15 ore
Il congedo di paternità è under 35
Ecco l'identikit dei cittadini che hanno votato a favore della proposta
BERNA / ITALIA
23 ore
«La Svizzera si tiene stretta la manodopera straniera»
La bocciatura attira l'attenzione dell'Europa. Gli italiani ricordano i frontalieri. I britannici pensano a se stessi.
SVIZZERA
1 gior
Jet da combattimento: «Meglio quelli europei»
Secondo un sondaggio di 20 minuti e Tamedia, per la scelta del velivolo non sarà necessario tornare alle urne
ZURIGO
1 gior
Il nuovo stadio dell'Hardturm s'ha da fare
Il 59,1% dei cittadini ha approvato il “piano di utilizzazione speciale” che permetterà la realizzazione della struttura
SVIZZERA
1 gior
I jet superano per un soffio la contraerea popolare
I cittadini svizzeri hanno accettato sul filo di lana l'acquisto dei nuovi aerei da combattimento.
SVIZZERA
1 gior
«Il popolo ha voluto confermare la via bilaterale»
L'iniziativa UDC per un'immigrazione moderata è stata respinta con il 61.7% dei voti.
SVIZZERA
1 gior
«Una convivenza tra lupo e uomo è possibile»
Dopo un pomeriggio thriller la modifica della legge sulla caccia è stata bocciata dal 51.93% dei votanti.
SVIZZERA
1 gior
«Impossibile combattere gli argomenti dell'invidia»
Il testo che voleva maggiori deduzioni fiscali per i figli è stato bocciato sonoramente.
SVIZZERA
13.12.2019 - 16:450

Il Consiglio federale in breve

Ecco il riassunto di tutte le decisioni prese dal Governo nella giornata odierna

di Redazione
ats

BERNA - Oggi il Consiglio federale non ha discusso della ripartizione dei dipartimenti perché, come ha spiegato il portavoce André Simonazzi, nessun ministro desidera cambiare. Di conseguenza tale punto non figurava all'ordine del giorno. Nella sua seduta odierna, il governo invece ha:

- DSC: nominato Patricia Danzi - originaria di Kerns (OW), Prato Leventina (TI) e della Nigeria - nuova direttrice della Direzione dello sviluppo e della cooperazione;

- SANITÀ: posto in vigore per il prossimo primo gennaio la nuova legge federale sulle professioni sanitarie (LPSan), che stabilisce le condizioni per l'esercizio di diverse professioni come ad esempio l'attività di fisioterapista o infermiere;

- AEROPORTI: posto in consultazione una modifica della Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione (LStrl). In futuro, i gestori degli aeroporti saranno tenuti a mettere gratuitamente a disposizione delle autorità competenti i locali necessari per un controllo di frontiera ordinato. Inoltre, sarà concesso un aiuto finanziario ai Cantoni che gestiscono i centri di partenza;

- SVIZZERA-INDONESIA: licenziato il messaggio sul trattato di assistenza giudiziaria concluso tra la Svizzera e l'Indonesia. Lo scopo principale dell'intesa è di lottare contro la criminalità internazionale, la corruzione e il riciclaggio di denaro in particolare;

- CRIMINALITÀ TRANSFRONTALIERA: avviato la procedura di consultazione concernente l'approvazione e la trasposizione nel diritto svizzero di tre accordi di cooperazione internazionale in materia di criminalità transfrontaliera;

- TIRO SPORTIVO: adottato una modifica dell'ordinanza sulle armi che consentirà ai giovani tiratori sportivi stranieri di partecipare più facilmente ai campionati mondiali juniores di biathlon, previsti a Lenzerheide (GR) in gennaio;

- PIANO SETTORIALE MILITARE: adottato - sulla base della parte programmatica del Piano settoriale militare - le schede di coordinamento di 11 ubicazioni, tra cui quella di Pollegio. Queste schede stabiliscono in particolare le condizioni quadro per l'utilizzazione militare, i perimetri e gli allacciamenti per queste ubicazioni. Sono vincolanti per le autorità di tutti i livelli;

- ACQUIS DI SCHENGEN: avviato una consultazione sull'ampliamento del mandato dell'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex). I contributi della Confederazione, che attualmente ammontano a 14 milioni di franchi, dovrebbero aumentare gradualmente fino a raggiungere i 75 milioni nel 2024;

- CYBER-INCIDENTI: approvato un rapporto sui cyber-incidenti che interessano le infrastrutture critiche. Sulla base dei risultati di tale documento, entro la fine del prossimo anno l'esecutivo intende prendere delle decisioni di principio in merito all'introduzione di un obbligo di notifica;

- MONETA ELETTRONICA: approvato un rapporto sull'introduzione del criptofranco (franco elettronico, o e-franco). Questa moneta andrebbe ad integrare le forme di denaro già esistenti emesse dalla Banca nazionale, ovvero le banconote e i depositi a vista detenuti dalle banche commerciali presso la BNS. L'esatta configurazione di tale moneta dipenderebbe dagli scopi previsti, nel rapporto vengono illustrate le diverse possibilità. Per il governo, tuttavia, l'introduzione dell'e-franco non apporterebbe alcun valore aggiunto alla Svizzera, comporterebbe anzi nuovi rischi, in particolare in materia di stabilità finanziaria;

- FORMAZIONE PROFESSIONALE: adottato, in adempimento a un postulato dell'ex "senatore" Claude Hêche (PS/JU), un rapporto sulle attività internazionali della Svizzera nel campo della formazione professionale. Alla luce dei suoi contenuti, il governo ritiene che non sia necessario istituire una task-force come chiesto dal giurassiano. Vi è tuttavia la necessità di migliorare la comunicazione;

- AIUTO ALLA STAMPA: deciso che stanzierà complessivamente 50 milioni di franchi per il sostegno indiretto alla stampa. Grazie a questo contributo, la Posta Svizzera potrà concedere riduzioni sui prezzi di distribuzione di quotidiani e settimanali della stampa regionale e locale, nonché per giornali e periodici di organizzazioni senza scopo di lucro. Gli sconti per l'anno prossimo ammontano rispettivamente a 27 e 18 centesimi per copia;

- STRADE NAZIONALI: fissato al prossimo primo gennaio l'entrata in vigore del decreto sulla fase di potenziamento 2019 per le strade nazionali e il relativo credito d'impegno;

- DIRITTI DELL'UOMO: adottato il progetto di legge sulla creazione di un'istituzione nazionale per i diritti umani (INDU). Essa prenderà il posto del Centro svizzero di competenza per i diritti umani (CSDU), attivo dal 2011, concepito come progetto pilota a tempo determinato. Per evitare vuoti tra il progetto pilota, che durerà fino alla fine del 2020, e l'istituzione subentrante, è prevista una proroga di ulteriori due anni del CSDU;

- SPERIMENTAZIONE ANIMALE: ritenuto che l'iniziativa popolare "per il divieto di sperimentazione animale" va bocciata senza affiancarle alcun controprogetto. La proposta di modifica costituzionale viene ritenuta "eccessiva" in quanto potrebbe avere conseguenze negative per la salute, la ricerca e l'economia della Svizzera. Inoltre, in caso di accettazione, il testo sarebbe di "difficilissima attuazione";

- PREVIDENZA PROFESSIONALE: trasformato in disegno di legge, mantenendone i contenuti, il compromesso raggiunto in luglio tra datori di lavoro e i sindacati volto a riformare la previdenza professionale. Le cerchie interessate hanno ora tempo fino al 27 marzo per prendere posizione. Punto principale del compromesso è la riduzione dal 6,8 al 6,0% dell'aliquota minima di conversione nella previdenza professionale obbligatoria (LPP), accompagnata da misure per attenuarne l'impatto;

- INSTALLAZIONI SPORTIVE: deciso, adottando una modifica d'ordinanza, di concedere dieci milioni di franchi supplementari alle federazioni sportive nazionali per coprire parte delle spese per l'organizzazione di gare e allenamenti;

- SOLUZIONI INFORMATICHE: chiesto al Parlamento di sbloccare 780 milioni di franchi per modernizzazione i sistemi informatici di supporto all'amministrazione. Tale somma si divide in 320 milioni per l'amministrazione federale civile e 240 milioni per l'esercito;

- MERCATI FINANZIARI: approvato una nuova ordinanza concernente la legge sulla vigilanza dei mercati finanziari che entrerà in vigore a inizio febbraio. L'ordinanza precisa le competenze dell'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) nell'ambito internazionale e della regolamentazione, delimitandole rispetto alle competenze del Consiglio federale, o del Dipartimento federale delle finanze. L'indipendenza della FINMA non verrà compromessa e i suoi attuali strumenti di regolamentazione rimarranno invariati.

- CONVENZIONI INTERNAZIONALI SULLA FISCALITÀ: inviato in consultazione fino al 27 di marzo, la legge federale concernente l'esecuzione delle convenzioni internazionali in ambito fiscale. Con questo progetto il Consiglio federale adegua la legge esistente ai recenti sviluppi del diritto fiscale internazionale.

- EMBARGHI: chiesto al Parlamento di conferirgli la facoltà di decretare misure coercitive nei confronti di Stati senza limiti temporali. Tale richiesta è contenuta nella nuova legge sugli embarghi. Attualmente il governo può decretare simili misure solo basandosi sull'articolo 184 capoverso 3 della Costituzione federale. Il problema è che la validità delle ordinanze dev'essere limitata nel tempo;

- INTELLIGENZA ARTIFICIALE: preso atto del rapporto interdipartimentale sull'intelligenza artificiale (IA). Il documento giunge alla conclusione che il contesto giuridico svizzero è fondamentalmente idoneo per affrontare le nuove sfide legate all'IA. In diversi ambiti politici sussiste però una grande necessità di chiarimento e adeguamento, ad esempio nella mobilità, nella politica di sicurezza, nella formazione e nella ricerca. In quasi tutti questi ambiti sono comunque già in corso d'attuazione numerose misure concrete. La Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione presenterà delle linee guida nel prossimo anno;

- RUMBA 2020+: deciso che in futuro i collaboratori della Confederazione viaggeranno maggiormente in treno invece che in aereo come prevede il "Piano d'azione Viaggi in aereo". Oltre a ciò, stando al piano RUMBA 2020+ approvato dal governo, entro la fine del 2023 l'impatto ambientale per equivalente a tempo pieno dovrà essere ridotto complessivamente dell'8% rispetto al 2020 (senza il conteggio delle compensazioni delle emissioni dei gas serra). Entro la fine di quell'anno, le emissioni assolute di gas serra dovranno inoltre essere ridotte complessivamente del 9% rispetto al 2020 e le restanti emissioni di gas serra compensate mediante certificati di riduzione internazionali.

- MOBILITY PRICING: preso atto dei risultati di uno studio sul "mobility pricing" svolto nell'area di Zugo e fissato le prossime. L'obiettivo è contribuire a decongestionare il traffico nelle ore di punta e sfruttare meglio le capacità dell'infrastruttura stradale e ferroviaria;

- TUNISIA E UCRAINA: prolungato di un anno il blocco preventivo dei patrimoni depositati in Svizzera riconducibili ai presidenti decaduti Zine El-Abidine Ben Ali (Tunisia) e Viktor Yanukovich (Ucraina);

- CORTE EDU: proposto la presidente del Tribunale amministrativo federale Marianne Ryter e i giudici del Tribunale federale Nicolas von Werdt e Andreas Zünd per il seggio svizzero della Corte europea dei diritti dell'uomo (Corte EDU) di Strasburgo. La scelta sarà effettuata in giugno dall'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa;

- NOMINA: nominato Lukas Bruhin, attuale segretario generale del Dipartimento federale dell'interno (DFI), presidente del consiglio dell'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic. Prenderà il posto di Stéphane Rossini, che all'inizio di dicembre ha assunto la direzione dell'Ufficio federale delle assicurazioni sociali;

- NOMINE BNS: rieletto sei degli undici membri del Consiglio di banca della Banca nazionale svizzera (BNS) per il mandato 2020-2024, la cui nomina compete al Governo: si tratta della presidente Barbara Janom Steiner, ex consigliera di Stato grigionese, nonché dei membri uscenti Christoph Ammann, consigliere di Stato bernese, Shelby R. du Pasquier, avvocato ginevrino, Christoph Lengwiler, docente alla Scuola universitaria di Lucerna, Christian Vitta, presidente del Consiglio di Stato ticinese, e Ernst Stocker, consigliere di Stato zurighese;

- PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE: approvato la risoluzione comune del rapporto di lavoro con il direttore dell'Ufficio federale della protezione della popolazione Benno Bühlmann. Quest'ultimo lascerà il suo incarico a fine marzo 2020. La decisione viene motivata con "opinioni diverse sullo sviluppo della protezione della popolazione". Bühlmann assumerà un nuovo incarico presso il Centro di politica di sicurezza di Ginevra, dove costituirà il settore di competenza per la gestione delle catastrofi e la protezione della popolazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 21:29:33 | 91.208.130.86