Keystone
LUCERNA
03.12.2019 - 22:300
Aggiornamento : 04.12.2019 - 07:59

Cassis difende l'accordo quadro, «ma serve pazienza»

Il consigliere federale ha preso la parola durante l'Europa Forum di Lucerna: «La qualità è più importante della tempistica»

di Redazione
ats

LUCERNA - Il ministro degli Esteri Ignazio Cassis ha difeso l'accordo quadro istituzionale con l'Ue parlando all'Europa Forum di Lucerna, ma ha chiesto di avere pazienza. Le richieste della Svizzera saranno presentate solo dopo la votazione sull'iniziativa UDC contro la libera circolazione

Per consigliere federale ticinese l'accordo potrà essere concluso quando saranno trovate soluzioni soddisfacenti sulla protezione salariale e le misure di accompagnamento, sugli aiuti di Stato e sulla direttiva sulla cittadinanza europea, ha detto davanti al pubblico del centro culturale KKL. La qualità è più importante della tempistica, ha precisato Cassis.

Le trattative per giungere a un'intesa sono ricominciate in giugno. Le richiesta della Confederazione saranno presentate solo dopo la votazione sull'iniziativa "Per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)" prevista in primavera. L'esito del voto potrebbe infatti cambiare le carte in tavola. Cassis ha ammesso che avrebbe preferito che l'accordo fosse stato raggiunto già l'anno scorso, ma sei o dodici mesi di ritardo contano poco per un paese con 700 anni di storia, ha aggiunto.

In politica estera bisogna creare un clima positivo ed evitare un'escalation. L'UE prova un certa stanchezza nei confronti della Svizzera, ma La Confederazione ha inviato una lettera alla nuova Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nella speranza di ricevere una risposta prima di Natale. Cassis ritiene che Berna sia stata penalizzata anche da Brexit poiché l'UE si è dimostrata rigida per non creare un precedente.

Fra gli oratori della serata anche l'ex ministro tedesco degli esteri Sigmar Gabriel, il presidente di Swissmem, Hans Hess, e Peter Spuhler, presidente del consiglio di amministrazione della Stadler Rail. L'Europa Forum proseguirà anche domani. È prevista la partecipazione del CEO di Credit Suisse Tidjane Thiam e di Carsten Spohr di Lufthansa.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 16:54:20 | 91.208.130.85