KEYSTONE
Bisogna inasprire le norme relative ai lobbisti in Parlamento, secondo il Consiglio nazionale.
SVIZZERA
02.12.2019 - 18:500

Il Nazionale vuole inasprire le norme sui lobbisti

È stata approvata l'entrata in materia sulla revisione della Legge sul Parlamento

di Redazione
Ats

BERNA - Bisogna inasprire le norme relative ai lobbisti in Parlamento. È quanto ritiene il Consiglio nazionale che, contrariamente a quanto deciso in prima lettura e raccomandato dalla commissione preparatoria, è entrato nel merito sul relativo disegno di legge. Si tratta di un primo esempio dello spostamento degli equilibri dopo le elezioni federali dello scorso 20 ottobre.

L'entrata in materia sulla revisione della Legge sul Parlamento, che si basa su un'iniziativa dell'ex "senatore" Didier Berberat (PS/NE), è stata approvata con 107 voti contro 66 e 4 astenuti. L'oggetto torna quindi in commissione per l'esame particolareggiato.

Durante il dibattito, Marco Romano (PPD/TI), a nome della commissione, ha detto che la revisione proposta genererà solo burocrazia senza portare alcun plusvalore. Buona parte del lavoro dei lobbisti avviene fuori dalle mura di Palazzo federale, ha aggiunto, invano, il ticinese.

Per la maggioranza, infatti, le regolamentazioni attuali non sono più soddisfacenti. È vero che esiste un elenco nominativo dei lobbisti (attualmente i deputati hanno la possibilità di far accreditare due persone esterne, ndr), non è però chiaro quali mandati abbiano e quali società e organizzazioni rappresentino, ha sostenuto Matthias Jauslin (PLR/AG). Questa situazione, ha aggiunto l'argoviese, è del tutto insoddisfacente in termini di trasparenza.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 17:37:03 | 91.208.130.87