keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Promosso lo Swiss Night Pass
La carta digitale aiuta il tracciamento nei locali notturni. Ne vengono usati circa 10'000 ogni weekend
VAUD
3 ore
Quindicenne in fuga al volante di un'auto
La polizia vodese lo ha fermato sull'A1. In precedenza il ragazzo aveva commesso tutta una serie di infrazioni
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore
Vacanze in un paese a rischio? «Si potrebbe perdere lo stipendio»
Al rientro si sta in quarantena per dieci giorni e non è possibile richiedere l'indennità perdita di guadagno
SVIZZERA
5 ore
Pericoli per l'ambiente, gli uomini e le donne non sono uguali
Divergenze significative, ad esempio, per quanto riguarda le centrali nucleari e le antenne della telefonia.
SVIZZERA
5 ore
Lo shopping online? Sarà la normalità per due milioni di svizzeri
Il lockdown ha spinto molti consumatori a fare acquisti sul web. E in molti si sono affezionati a questa nuova abitudine
SVIZZERA
6 ore
La legge sulle epidemie è «insufficiente»
Uno studio dell'Università di Ginevra ha trovato vari buchi tra la Lep e la legislazione sulle assicurazioni sociali.
SVIZZERA
6 ore
Uber: ora anche a Friburgo, Sion e Yverdon
La scelta delle tre città è motivata da una forte domanda locale.
SVIZZERA
7 ore
La Confederazione spende di più per la ricerca
Lo scorso anno sono stati stanziati 2,6 miliardi. Si tratta di un aumento del 12% rispetto al rilevamento del 2017
FOTO
SAN GALLO
7 ore
Mortale in galleria
L'incidente è avvenuto questa mattina sull'A3 in territorio di Walenstadt
SVIZZERA
8 ore
Tre nuovi ricoveri e 54 contagi in Svizzera
Nella giornata di ieri erano 47, ma restano comunque sotto la soglia psicologica dei "100"
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera sono in calo i fallimenti aziendali
Ad aiutare in questo senso le misure prese per fronteggiare l'emergenza Covid-19.
FRIBURGO / VAUD
9 ore
Esplosione in un caseificio di Charmey, assoluzione confermata
Un 33enne aveva perso la vita e altre quattro persone erano rimaste ferite.
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus: 38 reclute positive
Tutte le 11'828 persone entrate in servizio sono state sottoposte a test: lo 0,3% è risultato positivo.
SVIZZERA
10 ore
Nessuna riduzione delle emissioni di benzina e diesel
Le emissioni di combustibili, principalmente olio e gas, sono invece scese rispetto al 2018
SVIZZERA
11 ore
Il turismo sospira sulle statistiche
Dati positivi dall'Ufficio di statistica. L'anno scorso un boom di turisti
VAUD
11 ore
Fête des Vignerons: il buco sfiora i 12 milioni
I conti definitivi sono stati pubblicati oggi. Il deficit è inferiore a quanto stimato in un primo momento
SVIZZERA
11 ore
BNS: netto aumento delle riserve di divise estere
Dai dati non è possibile capire se l'istituto sia intervenuto sul mercato per indebolire il franco.
SVIZZERA
13 ore
Più posti di lavoro negli URC in vista dell'aumento della disoccupazione
Solo a Zurigo l'organico è stato aumentato di 77 unità
ZUGO
13 ore
La vita di una bimba di 5 anni è in pericolo
La piccola è caduta con il suo monopattino mentre percorreva una strada di campagna a Unterägeri
ROVEREDO (GR)
21 ore
Covid, la Moesa non abbassa la guardia
Lo Stato Maggiore del distretto ha discusso con quello ticinese alla luce delle recenti situazioni
SVIZZERA
22 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
23 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
1 gior
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
SVIZZERA
29.11.2019 - 14:220
Aggiornamento : 14:47

51esima legislatura al via, i Verdi all'assalto del PLR

L'11 dicembre l'Assemblea federale dovrà riconfermare o meno l'attuale consiglio federale

di Redazione
ats

BERNA - Incomincia lunedì la sessione invernale delle Camere federali, la prima della 51esima legislatura, con un Parlamento profondamente rinnovato che ha visto crescere il numero di donne e di esponenti ecologisti sotto il "Cupolone".

Il momento clou è previsto per l'11 dicembre, quando l'Assemblea federale dovrà riconfermare o meno l'attuale Consiglio federale; tutti e sette i suoi membri si ripresentano per un nuovo mandato di quattro anni.

Verdi all'assalto del PLR - Questa volta non si tratterà di una formalità, come sovente accaduto in passato: i Verdi vogliono infatti sfruttare l'ondata ambientalista che ha spazzato anche la Svizzera attaccando uno dei due seggi del PLR, in particolare quello del ministro degli esteri, il ticinese Ignazio Cassis. Il motivo? Questo partito è sovra rappresentato nell'esecutivo.

Difficilmente però l'unica candidata dei Verdi al governo, la presidente del partito Regula Ritz, riuscirà a modificare l'attuale composizione dell'esecutivo: il PPD, diventato ancor più ago della bilancia dopo le recenti elezioni, ha già fatto sapere che non intende agevolare la scalata degli ecologisti alla stanza dei bottoni. Se ne riparlerà forse tra 4 anni, qualora i Verdi riuscissero a riconfermare l'ottimo risultato del 20 ottobre scorso.

L'attacco dovrebbe quindi andare a vuoto. Prima dell'elezione del governo, come anche del presidente della Confederazione per il 2020 (Simonetta Sommaruga) e del vicepresidente del Consiglio federale (Guy Parmelin), l'Assemblea dovrà scegliere lunedì 2 dicembre il suo presidente e il presidente del Consiglio degli Stati. Alla carica più alta del Paese dovrebbe essere eletta Isabelle Moret (PLR/VD), che succederà a Marina Carobbio Guscetti, mentre alla guida degli Stati è in lizza Hans Stöckli (PS/BE). Si tratta di politici con una lunga militanza a Berna, apprezzati ben oltre la cerchia dei rispettivi partiti.

Un aiuto ai disoccupati anziani - A prescindere dall'appuntamento dell'11 dicembre, anche questa sessione si presenta abbastanza intensa, per importanza e numero di dossier. Come per ogni sessione invernale, il preventivo 2020 della Confederazione occuperà i due rami del Parlamento per tutte e tre le settimane. Il progetto del governo chiude con un'eccedenza: il Parlamento non dovrebbe modificarlo in profondità, anche se probabilmente verrà ridotto il credito destinato al settore dell'asilo.

Il Consiglio degli Stati si occuperà anche della possibilità di attribuire ai disoccupati sopra i 60 anni, che non hanno più diritto alle indennità, una prestazione transitoria fino al pensionamento per evitare che, dopo aver dato fondo agli averi della cassa pensione, debbano ricorrere all'assistenza. In commissione, il progetto è stato accolto per 9 voti a 3 e una astensione. Diversamente dal Consiglio federale, però, tali prestazioni dovranno essere tassate. Secondo stime governative, gli aventi diritto a una prestazione transitoria sarebbero circa 4400 persone.

Medici, loro numero va limitato - Sempre la Camera dei Cantoni dovrà trattare la riforma della legge federale sull'assicurazione malattie volta a regolare il numero di medici abilitati ad esercitare.

In futuro, i cantoni dovranno - e non solo potranno - stabilire il numero di professionisti autorizzati a praticare.

Imprese più responsabili? - Il 18 dicembre il Consiglio degli Stati dovrà decidersi su come intende affrontare l'iniziativa popolare a favore di multinazionali responsabili. Sollecitata a riesaminare il proprio controprogetto indiretto, la Commissione degli affari giuridici degli Stati ha ribadito, anche se di misura, le sue proposte originarie.

L'iniziativa vuole obbligare le imprese con sede in Svizzera a verificare regolarmente le conseguenze delle rispettive attività sui diritti umani e sull'ambiente, sia in Svizzera che, soprattutto, all'estero. Le società che non dovessero ottemperare a quest'obbligo andrebbero ritenute responsabili dei danni causati, anche da parte di società che controllano senza partecipare direttamente alle attività incriminate.

Gli Stati dovrebbero esprimersi per un progetto meno incisivo. Il dovere di diligenza sarebbe limitato ai "minerali provenienti da zone di conflitto" e al "lavoro minorile". Non è previsto alcun disciplinamento esplicito della responsabilità per le imprese effettivamente controllate all'estero.

Velo e immigrazione - Al pari dei temi menzionati, due iniziative popolari promettono lunghe discussioni, anche se l'esito finale appare scontato. Come gli Stati, anche il Nazionale dovrebbe respingere, senza opporle alcun controprogetto, l'iniziativa che intende vietare in Svizzera la dissimulazione del viso.

Il testo lanciato dal Comitato di Egerkingen, già all'origine dell'iniziativa antiminareti, prevede un divieto generale di dissimulare il volto in pubblico e ha nel mirino le donne che portano il burqa o il niqab. Nel caso in cui l'iniziativa venisse accolta, le soluzioni differenziate a livello cantonale non sarebbero più possibili.

Attualmente, Zurigo, Soletta, Svitto, Basilea Città e Glarona hanno respinto un tale divieto, mentre il Ticino, in votazione popolare, e il Gran consiglio sangallese lo hanno approvato.

Anche la Camera dei Cantoni, come quella del popolo, dovrebbe bocciare l'iniziativa popolare dell'UDC "Per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)". La maggioranza della commissione preparatoria è convinta che la libera circolazione delle persone consente ai datori di lavoro di assumere professionisti in modo rapido, flessibile e senza oneri amministrativi nell'area UE/AELS. Inoltre, un "sì" all'iniziativa metterebbe in pericolo gli accordi bilaterali con l'Ue.

Jet militari e contributo di coesione - Per quanto riguarda l'acquisto dei nuovi caccia da combattimento, anche il Consiglio nazionale dovrebbe votare a favore del credito di 6 miliardi di franchi. A suscitare discussione nel plenum, come agli Stati in settembre, sarà la quota destinata agli affari di compensazione.

Nel settembre scorso, i "senatori" avevano stabilito che le imprese estere avrebbero dovuto compensare il 100% - e non solo il 60% come voleva il Governo - del valore contrattuale mediante l'assegnazione di mandati. Inoltre, tutte le principali regioni del Paese avrebbero dovuto beneficiare, nella misura del possibile, degli affari di compensazione. La commissione preparatoria del Nazionale si è espressa invece per una quota di compensazione pari al 60%.

Un altro tema sensibile è il contributo di coesione all'Ue di 1,3 miliardi. Dopo un lungo tira e molla tra le Camere, il Nazionale dovrebbe eliminare le ultime divergenze con gli Stati, rinunciando a raddoppiare il credito per provvedimenti nell'ambito della migrazione, come anche a legare il dossier al programma Erasmus+ riguardante la mobilità degli studenti nell'area Ue.

Le due Camere sono già d'accordo sui punti essenziali del dossier: la Svizzera deve versare il cosiddetto "secondo miliardo di coesione" solo se l'Ue rinuncia ad attuare misure discriminatorie nei suoi confronti, come ad esempio la fine dell'equivalenza borsistica decretata il primo luglio dall'Ue.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 7 mesi fa su tio
Se, come sembra, sia un attacco a vuoto, perché dovrebbero farlo? Non capisco. Paura che nel giro di un paio di anni perderanno consensi? Io mi ricordo che i verdi e la sinistra in generale volevano tassare l'energia e non il lavoro. Ora stanno ancora con questa idea o l'hanno cambiata per motivi elettorali?
streciadalbüter 7 mesi fa su tio
matteo 2006 e lilly Formina:la verita`fa male,non é vero?
Lilly Formina 7 mesi fa su tio
@streciadalbüter Ma lei parla solo mediante luoghi comuni, citazioni, slogan pre-registrati? Non è per caso un sapientino clementoni sfuggito da qualche imballaggio che cerca di farsi passare per umano? O forse da piccolo aveva la malsana abitudine di strutturare pensieri ed argomentare, e per questo veniva picchiato?
Maxy70 7 mesi fa su tio
Anche a me i verdi vanno bene quando fanno i verdi, ergo: si occupano giustamente delle tematiche ambientali. Non mi vanno assolutamente bene, quando tendono a tracimare in zona rossa. In tale caso, facciano onestamente i rossi!
streciadalbüter 7 mesi fa su tio
I Verdi quiando sono maturi diventano rossi.Alla larga.
matteo2006 7 mesi fa su tio
@streciadalbüter E tua quando cresci e inizi a scrivere qualcosa di concreto?
Lilly Formina 7 mesi fa su tio
@streciadalbüter Wow! Che umorismo originale! E quale mirabolante capacità argomentativa! E’ perché è convinto di aver inventato una nuova battuta che ce la ripropone, dopo averla già riportata nel suo commento del 22.11.2019 nell’articolo che riprendeva l’intervista a Stojanivic? Magari pensa di aver scoperto l’acqua calda, oppure non si è accorto che negli ambienti più retrogradi e primitivi del cantone la stessa “battuta” viene riproposta già da anni? (Ad esempio a scadenza settimanale - come nel suo caso - sul Mattino della domenica).
Gus 7 mesi fa su tio
@Lilly Formina La verità bisogna ripeterla, altrimenti vince la falsità.
Lilly Formina 7 mesi fa su tio
@Gus Effettivamente è molto costruttivo continuare a ripetere la stessa cosa senza sosta come un pappagallo. Cionondimeno, di fronte a qualcuno che continua a ripetere la stessa cosa, sorge il dubbio se effettivamente egli stesso sappia di cosa stia parlando. Si trattasse poi di un concetto impegnativo si potrebbe anche capire che magari va ribadito una volta in più, ma attaccarsi tutti quanti come cozze all'unico slogan che si è riusciti a concepire perchè immaginare oltre sarebbe fuori portata.....grandi!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 21:33:09 | 91.208.130.85