Keystone (archivio)
Ignazio Cassis aveva già espresso le sue preoccupazioni in occasione del dialogo strategico tra Cina e Svizzera del 22 ottobre.
SVIZZERA
26.11.2019 - 20:100

Berna «preoccupata» per la situazione nello Xinjiang

Il Dipartimento federale degli affari esteri segue da tempo la situazione dei diritti umani nella regione autonoma uigura

di Redazione
ats

BERNA - Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha preso atto con grande preoccupazione dei documenti recentemente pubblicati sulla detenzione degli uiguri e di altre minoranze etniche nello Xinjiang. Ha quindi invitato il governo cinese a tener conto dell'inquietudine di molti Stati e a permettere all'ONU un accesso senza ostacoli alla regione.

Il DFAE segue da tempo la situazione dei diritti umani nella regione autonoma uigura dello Xinjiang. Il rispetto dei diritti delle minoranze e della libertà di opinione, di stampa e della religione sono una priorità della politica elvetica in materia di diritti umani in Cina, indica in un comunicato odierno il DFAE.

Il consigliere federale Ignazio Cassis, in occasione del dialogo strategico tra Svizzera e Cina il 22 ottobre a Berna, aveva espresso le sue preoccupazioni riguardo alla situazione nella regione dello Xinjiang.

Svizzera e Cina - sottolinea la nota - conducono dal 1991 un dialogo sui diritti umani, in cui si discutono anche i diritti delle minoranze etniche e religiose nello Xinjiang e in Tibet.

Nell'ambito dell'impegno multilaterale per il rispetto dei diritti umani, il 6 novembre 2018, in occasione dell'Esame periodico universale (EPU) della Cina nel Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, la Svizzera ha chiesto la chiusura dei campi di detenzione nello Xinjiang. La Confederazione ha inoltre domandato alla Cina di concedere all'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani un accesso illimitato allo Xinjiang e di consentire un'indagine indipendente dell'ONU.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GIGETTO 7 mesi fa su tio
Ignazio sei un "disastro" come consigliere federale CH
Dioneus 7 mesi fa su tio
L'importante è continuare a fare affari con il governo criminale cinese.
Bayron 7 mesi fa su tio
Oh Cassis ma chi ti ascolta e poi chi ti capisce!!!
Wunder-Baum 7 mesi fa su tio
Ascolteranno ? Non ci credo molto !
miba 7 mesi fa su tio
@Wunder-Baum ....e Cassis ancora meno.....
Wunder-Baum 7 mesi fa su tio
@miba ????
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 15:21:16 | 91.208.130.85