keystone-sda.ch/STR (CYRIL ZINGARO)
Christian Levrat ha annunciato questa mattina le dimissioni da presidente del partito.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
42 min
Le mascherine costano sette volte di più
Rispetto all'influenza "suina" del 2009, i prezzi sono saliti alle stelle nella grande distribuzione svizzera
SVIZZERA
8 ore
Se vado in discoteca, rischio il licenziamento?
Il proprietario di un locale zurighese parla di un calo di frequenze a causa di pressioni da parte dei datori di lavoro
SVIZZERA
11 ore
Promosso lo Swiss Night Pass
La carta digitale aiuta il tracciamento nei locali notturni. Ne vengono usati circa 10'000 ogni weekend
VAUD
13 ore
Quindicenne in fuga al volante di un'auto
La polizia vodese lo ha fermato sull'A1. In precedenza il ragazzo aveva commesso tutta una serie di infrazioni
SONDAGGIO
SVIZZERA
14 ore
Vacanze in un paese a rischio? «Si potrebbe perdere lo stipendio»
Al rientro si sta in quarantena per dieci giorni e non è possibile richiedere l'indennità perdita di guadagno
SVIZZERA
15 ore
Pericoli per l'ambiente, gli uomini e le donne non sono uguali
Divergenze significative, ad esempio, per quanto riguarda le centrali nucleari e le antenne della telefonia.
SVIZZERA
15 ore
Lo shopping online? Sarà la normalità per due milioni di svizzeri
Il lockdown ha spinto molti consumatori a fare acquisti sul web. E in molti si sono affezionati a questa nuova abitudine
SVIZZERA
16 ore
La legge sulle epidemie è «insufficiente»
Uno studio dell'Università di Ginevra ha trovato vari buchi tra la Lep e la legislazione sulle assicurazioni sociali.
SVIZZERA
17 ore
Uber: ora anche a Friburgo, Sion e Yverdon
La scelta delle tre città è motivata da una forte domanda locale.
SVIZZERA
17 ore
La Confederazione spende di più per la ricerca
Lo scorso anno sono stati stanziati 2,6 miliardi. Si tratta di un aumento del 12% rispetto al rilevamento del 2017
FOTO
SAN GALLO
17 ore
Mortale in galleria
L'incidente è avvenuto questa mattina sull'A3 in territorio di Walenstadt
SVIZZERA
19 ore
Tre nuovi ricoveri e 54 contagi in Svizzera
Nella giornata di ieri erano 47, ma restano comunque sotto la soglia psicologica dei "100"
SVIZZERA
12.11.2019 - 16:420

Una donna raccoglierà il testimone di Levrat?

L'ipotesi prende forma in vista del prossimo Congresso del partito, che si terrà a Basilea il 4 e 5 aprile

BERNA - Il presidente del PS Christian Levrat cede il testimone. A poche ore dall'annuncio delle dimissioni, tutto fa ritenere che il Congresso del partito, in agenda il prossimo aprile, porrà una donna, preferibilmente delle giovani generazioni, alla guida dei socialisti svizzeri.

Il Congresso, la più alta autorità del partito, si terrà il 4 e 5 aprile prossimi a Basilea. L'annuncio dell'apertura del processo di candidatura avverrà il prossimo 11 dicembre, in occasione dell'invio dei documenti dell'assemblea alle sezioni, indica una nota diramata stamani dal partito. Le candidature dovranno essere presentate entro il 19 febbraio. Poi la presidenza del comitato direttivo del PS chiederà la nomina di una commissione elettorale.

Malgrado i tempi dilatati delle istituzioni del partito, oggi è già tutto un susseguirsi di ipotesi e auspici sul futuro capo dei socialisti. I quotidiani friburghese La Liberté e zurighese Blick, a cui Levrat, 49 anni, ha rivelato di non volersi ricandidare in aprile, per primi plasmano ipotesi che poi sono in buona parte ribadite in giornata.

Internamente il partito sarebbe alla ricerca di una donna svizzerotedesca. Un altro scenario vede una possibile copresidenza, in cui una donna sarebbe affiancata da un uomo. Tra i nomi più gettonati vi sono quelli delle consigliere nazionali Flavia Wasserfallen (BE), 40enne, già alla testa della segreteria del partito, Mattea Meyer (ZH), 31 anni, e Barbara Gysi (SG), attuale vicepresidente del PS, che con i suoi 55 anni avrebbe però lo svantaggio dell'età, non incarnando il cambio generazionale a cui punterebbero i vertici.

Per il momento però le Donne socialiste affermano di non avere un candidato pronto. Naturalmente vi è il desiderio di portare un'esponente femminile ai vertici, ma attualmente non è ancora il caso di avanzare nomi, ha indicato a Keystone-ATS la copresidente Natascha Wey. Visto «l'immenso onere» della carica, le donne socialiste sono inoltre aperte a varie costellazioni.

Altri nomi emersi in giornata hanno sin d'ora rinunciato. La consigliera nazionale Marina Carobbio (TI) - che il politologo ticinese di area socialista Nenad Stojanovic vedrebbe di buon occhio alla testa del PS - interrogata da Tio/20minuti, si chiama fuori. «Sono dell'idea che serva un cambio generazionale. Concordo però che, dopo tanti anni di presidenza maschile, sia il momento di avere di nuovo una guida femminile». «Non sarà a disposizione» neppure la consigliera nazionale Nadine Masshardt (BE). E se dovesse prevalere lo scenario bicefalo uomo-donna, ha già rinunciato anche Jon Pult (GR), appena eletto in Consiglio nazionale, che ha fatto sapere di sostenere una candidatura femminile.

Accanto a Stojanovic, anche per il noto politologo Michael Hermann, direttore dell'istituto Sotomo di Zurigo, ritiene che vi sia una «forte pressione» affinché a Levrat subentri una donna. In una nota, la Gioventù socialista (GISO) auspica vertici più giovani, più femminili e portati a proporre «coraggiose alternative, invece che biechi compromessi». «La nuova presidenza deve offrire un'alternativa globale di sinistra e rafforzare il carattere di movimento del PS», afferma la presidente dei giovani socialisti Ronja Jansen, citata nel comunicato.

Nella sua nota di stamani, che ha il sapore di un primo commiato dal suo presidente uscente, il PS celebra Levrat proprio per la sua capacità di rafforzare il carattere di movimento del partito. L'interessato, che a La Liberté e al Blick ricorda di aver preso la decisione di lasciare la presidenza già da tempo, si assume solo una parte della responsabilità del calo di consensi nell'elezione del Consiglio nazionale del 20 ottobre. Tutti i grandi partiti, fa notare, sono scesi al loro livello più basso da anni a questa parte.

Levrat ha assunto la guida del PS nel 2008. Per il friburghese, brillantemente rieletto domenica nel Consiglio degli Stati, uno dei momenti forti della sua carriera politica è stata l'elezione in Consiglio federale di Eveline Widmer-Schlumpf nel 2007.

Il presidente socialista cita anche i successi ottenuti in diverse votazioni, come i no all'abbassamento del tasso di conversione del secondo pilastro nel 2009, ai jet da combattimento Gripen nel 2014 e alla Riforma III dell'imposizione delle imprese nel 2017. L'accettazione dell'iniziativa dell'UDC "Contro l'immigrazione di massa" è invece il suo più grande smacco.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 7 mesi fa su tio
Ho capito. Potrà essere anche la più gnucca (non gnocca...) della Svizzera ma l'importante per i sinistroidi è che comunque sia una donna. Un merito speciale a Marina Carobbio che nel dibattito televisivo di ieri sera da una parte ha ammesso che effettivamente i frontalieri in Ticino ora sono troppi ma lei continua comunque imperterrita sulla strada della libera circolazione. In sostanza un partito che brilla per una cosa in assoluto, alias l'ipocrisia....
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-08 07:42:11 | 91.208.130.86