Keystone (archivio)
SVIZZERA
11.11.2019 - 17:450

«Basta violenze, in Bolivia servono nuove elezioni»

La Svizzera prende posizione sugli sviluppi politici nel Paese Sudamericano. Il DFAE: «Pronti a sostenere la preparazione, ma vanno rinnovati gli organi elettorali»

BERNA - La Svizzera prende posizione sugli sviluppi politici in Bolivia: il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) chiede ai partiti di rinunciare alla violenza, invita la polizia a rispettare i diritti umani e auspica l'organizzazione di nuove elezioni.

Le autorità boliviane sono invitate a chiamare il popolo alle urne: vanno però rinnovati gli organi elettorali, che hanno avuto un ruolo importante nelle irregolarità rilevate dall'Organizzazione degli Stati americani (OSA) nello scrutinio dello scorso 20 ottobre, si legge in un comunicato diffuso a Berna. Il dipartimento di Ignazio Cassis si dice pronto a sostenere la preparazione di nuove elezioni.

Negli ultimi decenni la Svizzera - prosegue il DFAE - è stata attiva in Bolivia con un ampio programma di cooperazione e sostegno istituzionale, in particolare nel settore giudiziario. La Confederazione intende proseguire questa cooperazione nell'interesse delle fasce più povere della popolazione boliviana e spera di poterlo fare in un ambiente pacifico e stabile.

Come noto ieri in Bolivia hanno dato le dimissioni il presidente Evo Morales, il suo vice Alvaro Garcia Linera, nonché i presidenti di Senato e Camera.
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-05 15:53:35 | 91.208.130.89