Ti Press
SVIZZERA
10.10.2019 - 11:260

Stralcio dalla lista grigia, tutti contenti (o quasi)

L'ong Oxfam, che lotta contro l'evasione fiscale, ha evidenziato come il nostro Paese offra ancora alle imprese incentivi fiscali importanti e tassi bassi

BERNA - Berna accoglie con soddisfazione lo stralcio della Confederazione dalla lista grigia dei paradisi fiscali stabilita dall'Unione europea. «La Svizzera adempie e attua gli standard internazionali in materia fiscale e questo è stato riconosciuto», ha indicato la Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI).

Nel maggio 2019 gli elettori svizzeri hanno accolto la legge federale sulla riforma fiscale e il finanziamento dell'AVS (RFFA) con oltre il 66% di voti a favore, viene ricordato in un comunicato. Con questa legge la Svizzera abroga i regimi fiscali non più compatibili con gli standard internazionali. I ministri europei hanno riconosciuto questi progressi.

«Se la Svizzera è uscita da questa lista, per me è un successo. La migliore lista, è una lista corta», si è dal canto suo rallegrato il commissario europea agli affari economici Pierre Moscovici, in occasione di una conferenza stampa a Lussemburgo.

Non tutti sono però felici. L'organizzazione non governativa (ong) Oxfam, che lotta contro l'evasione fiscale, ha sottolineato che la Svizzera «offre ancora alle imprese incentivi fiscali importanti e tassi bassi. Questo continuerà probabilmente ad attirare aziende che cercano di evitare di pagare gli importi giustamente dovuti», viene sottolineato in una nota.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 16:08:49 | 91.208.130.85