keystone (archivio)
La decisione degli Stati concretizza una iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Thomas Aeschi.
SVIZZERA
25.09.2019 - 18:480

Ordinanze, per gli Stati non è necessario il veto

La Camera dei Cantoni ha bocciato l'entrata in materia sulla revisione della Legge sul Parlamento

BERNA - Non è necessario introdurre un diritto di veto da parte del Parlamento nei confronti delle ordinanze emanate dal governo. Con 31 voti contro 7, gli Stati hanno bocciato oggi l'entrata in materia sulla revisione della Legge sul Parlamento che concretizza una iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Thomas Aeschi (UDC/ZG).

Oltre a essere troppo complicata, la proposta rallenterebbe eccessivamente il processo legislativo, ha spiegato Raphäel Comte (PLR/NE) a nome della commissione. Il Parlamento dispone già di strumenti per intervenire sulle ordinanze del Consiglio federale, ha aggiunto il cancelliere della Confederazione Walter Thurnherr.

Il nuovo strumento non potrà essere utilizzato per ritardare eccessivamente il processo legislativo o addirittura bloccarlo, ha replicato Peter Föhn (UDC/SZ) ricordando i paletti proposti dal disegno di legge. Per inoltrare un domanda di veto contro le ordinanze occorrerebbe infatti il sostegno di almeno un terzo dei membri di un Consiglio. Altro ostacolo: soltanto le domande sostenute dalla maggioranza di una commissione sarebbero trasmesse alla Camera, ha ricordato, invano, lo svittese.

L'oggetto torna al Consiglio nazionale.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-05 20:36:02 | 91.208.130.89