Keystone
Giovanni Merlini, consigliere nazionale PLR.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
47 min
Treni, Mister Prezzi chiede un taglio sui prezzi dei biglietti
Per Meierhans il costo dei titoli di trasporto deve calare del 2%: «Posso assicurare l'utenza che rimarrò sul pezzo»
SVIZZERA
1 ora
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 ora
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SOLETTA / ARGOVIA
1 ora
Gösgen e Leibstadt, no all'imballaggio delle scorie
Le due centrali nucleari non realizzeranno sui propri siti degli impianti per l'imballaggio delle scorie radioattive
SVIZZERA
1 ora
Massimo un milione di franchi per i dirigenti
La remunerazione presso le FFS, la Ruag, la Posta, la Suva, Swisscom, Skyguide e SSR non può superare quella di un consigliere federale
SINGAPORE / SVIZZERA
1 ora
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
SVIZZERA / ETIOPIA
2 ore
Sika inaugura una fabbrica di malta in Etiopia
Lo stabilimento permetterà di offrire prodotti locali a un mercato edile in forte espansione, fa sapere il produttore
SVIZZERA
2 ore
Terrorismo, oltre 300 divieti d'entrata
Nel periodo tra il 2016 e il 2018 la Fedpol ha emesso anche 19 espulsioni
SVIZZERA
2 ore
Zurich si pone obiettivi ambiziosi per i prossimi anni
L'assicuratore punta ad un rendimento dell'utile operativo al netto delle imposte di almeno il 14%
SVIZZERA
2 ore
Il Governo risponde a Quadri: «La sospensione di Schengen non è fattibile»
Il consigliere nazionale leghista auspicava la decisione dopo la riapertura dei porti italiani
SVIZZERA
20.09.2019 - 11:050

Criminali e terroristi sullo stesso piano

Un'iniziativa parlamentare di Giovanni Merlini chiede di inasprire le pene per il reato di organizzazione criminale

BERNA - Un’iniziativa parlamentare di Giovanni Merlini chiede al Parlamento la modifica del Codice penale svizzero affinché vengano inasprite le pene per il reato di organizzazione criminale, risolvendo la «disparità di trattamento tra le organizzazioni criminali e terroristiche» contenuta nel disegno di legge sull’armonizzazione delle pene proposto dal Consiglio federale.

«Non v’è alcun motivo plausibile che possa giustificare un trattamento più favorevole per l’appartenenza ad un’organizzazione criminale rispetto a una terroristica. La stigmatizzazione sociale delle organizzazioni criminali e del loro pericolo non deve essere considerata inferiore a quella delle organizzazioni terroristiche solo per il fatto che gli attacchi terroristici sono percepiti immediatamente e in modo più emotivo dall’opinione pubblica», afferma il consigliere nazionale PLR.

Le modifiche proposte dall'iniziativa

  1. Il reato di organizzazione criminale ai sensi dell’art. 260ter CP non deve più avere portata sussidiaria e può essere punito in concorrenza reale con altri reati contestuali (come ad esempio l’omicidio, il riciclaggio di denaro, l’estorsione, la tratta di persone eccetera). Ciò consentirebbe un inasprimento della pena (secondo l’art. 49 CP). Per esempio, un autore che ha finanziato l’attentato di un’organizzazione criminale ai danni di un magistrato penale deve poter essere condannato sia per il suo sostegno all’organizzazione criminale sia per omicidio o lesione grave della vittima (concorrenza reale tra due reati).
  2. La pena massima per chi appartiene a un’organizzazione criminale o la sostiene (art. 260ter CP) deve essere aumentata a 10 anni e risultare così equiparata alla pena per chi appartiene o sostiene un’organizzazione terroristica (l’art. 260ter cpv. 2 dell’avamprogetto del Consiglio federale prevede invece tale pena massima solo per quest’ultimo caso). Inoltre, il reato qualificato di cui al vigente cpv. 2 dell’art. 260ter CP dovrà prevedere una pena privativa della libertà non inferiore ai tre anni per colui che nell’organizzazione criminale esercita un’influenza determinante (anche in questo caso l’art. 260ter cpv. 3 dell’avamprogetto del Consiglio federale lo prevede solo per le organizzazioni terroristiche). Una pena detentiva di un solo anno consente infatti al giudice di condannare un membro dirigente dell’organizzazione ad una pena sospesa condizionalmente (art. 42 CP), il che mal si concilia con il suo rilevante potenziale di pericolosità e con l’elevato contenuto eversivo della sua appartenenza all’organizzazione in questione.
  3. L’elemento costitutivo oggettivo della segretezza non dovrà più essere mantenuto e la mera appartenenza (anche passiva) all’organizzazione criminale dovrà essere sufficiente per integrare gli estremi del reato. Le inchieste contro indiziati di appartenenza o sostegno ad un’organizzazione criminale incontrano spesso le maggiori difficoltà nel far fronte all’onere probatorio relativo ad alcuni elementi costitutivi del reato, segnatamente il carattere segreto dell’organizzazione e il sostegno concreto dell’autore alle sue attività criminali.
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 13:37:56 | 91.208.130.86