Depositphotos (archivio)
Altra divergenza mantenuta: gli Stati vogliono permettere alla Confederazione di acquistare partecipazioni in imprese private specializzate in materia.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
16 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
16 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
17 ore
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
18 ore
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
18 ore
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
18 ore
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
18 ore
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
NEUCHÂTEL
19 ore
Trovato un cadavere vicino ad una scuola
SOLETTA
19 ore
La maggioranza degli svizzeri si fida delle centrali nucleari
BASILEA CITTÀ
19 ore
L’autista dello scuolabus picchia il bambino di 9 anni
ZURIGO
21 ore
Scritte contro Erdogan, la giustizia svizzera sconfessa la Turchia
SVIZZERA
21 ore
Siamo sempre più spaventati, xenofobi e un po’ omofobi
SOLETTA
21 ore
Bimba cade da cavallo e perde la vita
SVIZZERA
22 ore
«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»
SAN GALLO
22 ore
Poliziotto si spara alla gamba durante un'esercitazione
SVIZZERA
12.09.2019 - 09:460

Identità digitale, divergenze sulla gestione del sistema

Per gli Stati l'incarico dovrebbe essere affidato ad un'unità amministrativa della Confederazione. Governo e Nazionale invece preferiscono la via privata

BERNA - Rimangono delle divergenze tra i due rami del Parlamento in merito alle competenze dello Stato nel futuro sistema di identità digitale (eID). Oggi il Consiglio degli Stati ha nuovamente auspicato un ruolo più attivo della Confederazione.

I "senatori" hanno in particolare voluto dare facoltà alla Confederazione di incaricare un'unità amministrativa della gestione di un sistema eID. Governo e Consiglio nazionale vogliono invece che Berna possa occuparsene solo se nessun privato è disposto a fornire tale servizio. Altra divergenza mantenuta: gli Stati vogliono permettere alla Confederazione di acquistare partecipazioni in imprese private specializzate in materia.

Per la Camera dei cantoni, il controllo e la vigilanza sui fornitori di servizi d'identificazione elettronica non devono inoltre essere affidati all'Organo direzione informatica della Confederazione (ODIC), come previsto dal progetto di legge e dal Nazionale, bensì alla Commissione federale delle eID (EIDCOM), composta da 5-7 membri.

La nuova legge sui servizi d'identificazione elettronica torna pertanto al Nazionale.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 09:38:50 | 91.208.130.87