Depositphotos (archivio)
Altra divergenza mantenuta: gli Stati vogliono permettere alla Confederazione di acquistare partecipazioni in imprese private specializzate in materia.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
1 ora
Ecco come gli attivisti sono entrati a Palazzo Federale
ZURIGO
3 ore
Con il motorino contro un'escavatrice, 15enne si ferisce gravemente
ZURIGO
5 ore
Ferito al pene a causa di un anello contraccettivo
SVIZZERA
5 ore
Il nuovo Ceo di Axpo è Christoph Brand
SVIZZERA
5 ore
Sandoz blocca un farmaco contro l'acidità di stomaco
SVIZZERA
7 ore
Libra Association: a Ginevra i preparativi continuano nonostante le critiche
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Mucche a spasso in galleria
SVIZZERA
8 ore
Giudici federali eletti con un sorteggio, riuscita l'iniziativa
SVIZZERA
8 ore
Deragliamenti a Lucerna e Basilea dovuti a motivi simili
SVIZZERA
8 ore
Coty: fino a 350 impieghi a rischio a Ginevra
SVIZZERA
8 ore
«Il Consiglio federale è pronto a sospendere Schengen?»
SVIZZERA
8 ore
Tassi e franchigie: i sindacati accusano, casse pensioni preoccupate, banche soddisfatte
SVIZZERA
9 ore
«A che punto siamo con la lotta alla mafia?»
GRIGIONI
9 ore
2 milioni di franchi per ripensare Mulegns
SVIZZERA
10 ore
Vini in crisi, i cantoni romandi chiedono una mano a Berna
SVIZZERA
12.09.2019 - 09:460

Identità digitale, divergenze sulla gestione del sistema

Per gli Stati l'incarico dovrebbe essere affidato ad un'unità amministrativa della Confederazione. Governo e Nazionale invece preferiscono la via privata

BERNA - Rimangono delle divergenze tra i due rami del Parlamento in merito alle competenze dello Stato nel futuro sistema di identità digitale (eID). Oggi il Consiglio degli Stati ha nuovamente auspicato un ruolo più attivo della Confederazione.

I "senatori" hanno in particolare voluto dare facoltà alla Confederazione di incaricare un'unità amministrativa della gestione di un sistema eID. Governo e Consiglio nazionale vogliono invece che Berna possa occuparsene solo se nessun privato è disposto a fornire tale servizio. Altra divergenza mantenuta: gli Stati vogliono permettere alla Confederazione di acquistare partecipazioni in imprese private specializzate in materia.

Per la Camera dei cantoni, il controllo e la vigilanza sui fornitori di servizi d'identificazione elettronica non devono inoltre essere affidati all'Organo direzione informatica della Confederazione (ODIC), come previsto dal progetto di legge e dal Nazionale, bensì alla Commissione federale delle eID (EIDCOM), composta da 5-7 membri.

La nuova legge sui servizi d'identificazione elettronica torna pertanto al Nazionale.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 23:59:18 | 91.208.130.85