Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
16 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
16 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
17 ore
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
18 ore
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
18 ore
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
18 ore
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
18 ore
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
NEUCHÂTEL
19 ore
Trovato un cadavere vicino ad una scuola
SOLETTA
19 ore
La maggioranza degli svizzeri si fida delle centrali nucleari
BASILEA CITTÀ
19 ore
L’autista dello scuolabus picchia il bambino di 9 anni
ZURIGO
21 ore
Scritte contro Erdogan, la giustizia svizzera sconfessa la Turchia
SVIZZERA
21 ore
Siamo sempre più spaventati, xenofobi e un po’ omofobi
SOLETTA
21 ore
Bimba cade da cavallo e perde la vita
SVIZZERA
22 ore
«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»
SAN GALLO
22 ore
Poliziotto si spara alla gamba durante un'esercitazione
BERNA
10.09.2019 - 09:030

Lupo, sì all'uccisione anche durante le bandite di caccia

Lo ha ribadito il Consiglio degli Stati. Il Consiglio nazionale si appresta ad affrontare ancora una volta la Legge sulla caccia

BERNA - Il Consiglio nazionale dovrà affrontare una terza volta la Legge sulla caccia, rivista in modo tale da consentire un più facile abbattimento di lupi e linci. Il Consiglio degli Stati ha ribadito che intende consentire l'uccisione di lupi e stambecchi anche nelle bandite di caccia e nelle riserve per animali selvatici.

Secondo la maggioranza del plenum, che ha accolto per 24 voti a 16 una proposta della propria commissione preparatoria, negli ultimi anni i branchi di lupi sono cresciuti in maniera significativa, col rischio accresciuto di danni, specie agli animali di allevamento. «Non possiamo semplicemente stare a guardare», ha sostenuto in aula Beat Rieder (PPD/VS).

La consigliera federale Simonetta Sommaruga, sostenuta da una minoranza rosso-verde, ha chiesto invece di rimanere alla versione più restrittiva del Consiglio nazionale, che non include il lupo tra le specie cacciabili. È illogico consentire la caccia a questo canide in una zona di per sé destinata alla protezione della fauna selvatica.

La ministra dell'ambiente ha fatto notare che un branco ha bisogno di un territorio di 250 km2, ossia più del doppio della superficie delle nostre riserve. Insomma, l'occasione per abbattere certi esemplari problematici non mancano.

Nel corso della discussione, gli Stati hanno anche riposto picche a una parziale armonizzazione a livello nazionale degli esami per ottenere la patente di caccia, come auspicato dal Consiglio federale e dalla Camera del popolo. I "senatori" credono che si tratti di un'ingerenza nella sfera di competenza dei Cantoni. Anche in questo caso, la consigliera federale Sommaruga ha fatto notare che l'armonizzazione è stata voluta dal legislativo ed è pure sostenuta dagli ambienti venatori.

I due rami del Parlamento hanno già raggiunto un accordo su un aspetto centrale della revisione della legge. Non si tratterà più di uccidere animali isolati, come il lupo, quando hanno già ucciso un certo numero di pecore. I Cantoni potranno prevedere la regolamentazione di alcune specie protette previa consultazione dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), purché vengano soddisfatte determinate condizioni.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 09:35:59 | 91.208.130.86