Keystone (archivio)
Sempre in lotta per le donne.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 min
I deputati vogliono rimanere al Bernexpo
La maggioranza del Nazionale ha bocciato una mozione dell'UDC che chiedeva di tornare a Palazzo federale già lunedì.
SVIZZERA
15 min
Introdurre il «riscatto per il terzo pilastro»
Il Nazionale ha approvato una mozione che consentirà a chi non ha ancora versato i contributi, di farlo successivamente.
SAN GALLO
30 min
Rinvenuto il cadavere del nuotatore scomparso
I sommozzatori che dragavano le acque del Walensee hanno rinvenuto il corpo del 27enne.
SVIZZERA
38 min
«L'incompetenza dell'UFSP è un pericolo per la salute e la vita»
L'app SwissCovid è scaricabile da tutti, anche da chi non fa parte del gruppo pilota. Le critiche del legale
GRIGIONI
48 min
Bimba travolta e uccisa da una scultura: «I genitori non l'hanno lasciata da sola»
Il dramma di Flim il giorno dopo, fra cordoglio e tanti dubbi. Una mamma: «Poteva succedere anche ai miei figli»
ZUGO
1 ora
Camion esce di strada: conducente ferito
L'incidente si è verificato oggi a Menzingen
VALLESE
1 ora
Un castoro prende casa vicino a un negozio
È quanto accade in Vallese. Si tratterebbe di un «evento rarissimo»
SVIZZERA / FRANCIA
1 ora
UBS, il processo d'appello in Francia è rinviato al 2021
La banca è stata condannata in primo grado al pagamento di 4,5 miliardi di euro per evasione fiscale
ZURIGO
2 ore
Rapinatore in fuga col bottino
Il malvivente ha messo a segno un colpo in una stazione di servizio a Wollishofen
EUROPA / SVIZZERA
2 ore
Nestlé dovrà cambiare nome ai suoi hamburger vegani
Secondo i giudici dell'Aja la denominazione corrente ricorda in maniera un po' sospetta quella di un prodotto rivale
SVIZZERA
06.09.2019 - 11:110
Aggiornamento : 15:54

«Lottiamo contro il sessismo»

Il Consiglio federale raccomanda al plenum di accettare una mozione di Regula Rytz che chiedeva il lancio di una campagna nazionale pluriennale per combattere questa piaga sociale

BERNA - Una campagna nazionale pluriennale contro il sessismo in collaborazione coi Cantoni, la società civile e l'economia. È quanto chiede una mozione di Regula Rytz (Verdi/BE) che il Consiglio federale raccomanda al plenum di accogliere: dimensioni e modalità di una simile azione, precisa il governo nella sua risposta, devono ancora essere definite.

A detta della consigliera nazionale ecologista, oltre alla discriminazione salariale e ai divari pensionistici, anche il sessismo è fortemente diffuso in Svizzera, ossia la discriminazione dell'individuo basata sul sesso di appartenenza. Si manifesta in diverse forme che vanno dalle molestie sessuali fino ai pregiudizi riguardanti la produttività nel lavoro.

In base a uno studio di Amnesty International, il 59% delle donne in Svizzera ha subito molestie sessuali. Una donna su cinque ha avuto atti sessuali non consensuali perseguibili penalmente e il 61% delle ragazze vengono offese sui social media per il loro aspetto fisico o subiscono umiliazioni sessuali. Secondo alcuni studi, anche il personale sanitario e le giornaliste sono spesso vittime di abusi sessuali che mettono in discussione il loro ruolo professionale.

Nel quadro della Convenzione ONU sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna, la Svizzera si è impegnata ad adottare misure per eliminare le pratiche fondate su rappresentazioni stereotipate dei ruoli di genere.

Nonostante tutti gli sforzi compiuti, la discriminazione non è diminuita negli ultimi anni. Non è quindi sufficiente che Confederazione, Cantoni e Comuni si limitino a impedire la pubblicità sessista, a istituire uffici di conciliazione o a sensibilizzare i quadri dirigenti e che, in caso contrario, intraprendano un'azione civile o penale.

Attraverso una campagna pluriennale ad ampio raggio, il sessismo deve essere presentato in tutti gli ambiti della società come un comportamento inopportuno, irrispettoso e indegno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 8 mesi fa su tio
.............61% delle ragazze vengono offese sui social media per il loro aspetto fisico o subiscono umiliazioni...................... Siamo sicuri che siano atti compiuti da soli uomini. A me risulta che in moltissimi casi sono le donne che prendono di mira altre donne !!!! Percentuali "farlocche" ;-((
Maxy70 8 mesi fa su tio
Concordo e stigmatizzo ogni discriminazione. Anche le donne però a volte ci mettono del loro nell'attirarsi i commenti. Se una ragazza gira praticamente in mutandine, non ditemi che non desidera essere notata, siate oneste!
centauro 8 mesi fa su tio
@Maxy70 Un conto è notare e fare un apprezzamento gentile e simpatico, altra cosa è farne di pesanti e provocatori, poi una si veste un po? come le pare nei limiti della decenza, tanto basta vedere in televisione in orari diurni come si presentano certe soubrette!
Galium 8 mesi fa su tio
Il problema è purtroppo reale, alla faccia dei soliti commenti reazionari e maschilisti
anndo76 8 mesi fa su tio
@Galium scusa ma fare un apprezzamento galante o cercare di instaurare un rapporto, inconto etc con l'altro sesso sarebbe" reazionario e maschilista" ??? non ho capito....un conto sono gli abusi, un altro le avance fatte in maniera galante...se no come comunichi alla controparte un eventuale interesse ? chiedere e' lecito e rispondere e' cortesia...
Galium 8 mesi fa su tio
@anndo76 Nell'articolo si allude a ben altro. Nulla a che fare con apprezzamenti galanti e atteggiamenti simili. Qui si parla di discriminazioni e abusi che sono tutt'altra cosa
Joseph 9 mesi fa su tio
E questi sono i problemi? Che palle!
Monello 9 mesi fa su tio
Che @@ ... ma attualmente sta andando di moda !!
GIGETTO 9 mesi fa su tio
Che noia.........
Bayron 9 mesi fa su tio
Esagerazioni...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-02 17:59:50 | 91.208.130.85