Tipress (archivio)
Solo la sinistra non ha sottoscritto la proposta.
SVIZZERA
22.08.2019 - 17:440

I senatori contro l'aumento automatico delle imposte

Una mozione del consigliere agli Stati Andrea Caroni chiede una compensazione della progressione a livello federale. Il Governo però è contrario

BERNA - Le imposte non dovrebbero aumentare automaticamente più in fretta rispetto ai redditi reali. Una mozione del consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR) chiede una compensazione della progressione a livello federale. Il Governo è contrario, ma oltre la metà dei "senatori" sostiene il testo.

Solo la sinistra non ha deputati che hanno sottoscritto la proposta. Si parla di progressione reale quando, in seguito alla crescita economica, i contribuenti passano gradualmente a uno scaglione di reddito tassato maggiormente.

Ciò ha due conseguenze: l'onere fiscale cresce in misura maggiore rispetto ai redditi reali e sempre più contribuenti finiscono nello scaglione più tassato.

Dal 2011 la Confederazione compensa la progressione a freddo (basata sull'inflazione), cosa che non avviene nel caso della progressione reale. La mozione chiede al governo di legiferare in questo senso.

Nella sua risposta pubblicata oggi, il Consiglio federale ricorda di essersi già occupato degli effetti della progressione reale. Fra i motivi che spingono l'esecutivo ad opporsi a una compensazione vi è il fatto che ciò limiterebbe il margine di manovra di politica finanziaria necessario per effettuare modifiche al sistema fiscale e ai compiti dello Stato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 9 mesi fa su tio
A che serve insegnare la civica nelle scuole se poi abbiamo giornalisti ignoranti e incompetenti che scrivono di "senatori". In Svizzera non esistono né il Senato né i senatori. Così come non ci sono "ministri" (tranne nel canton Giura).
Bayron 9 mesi fa su tio
@marco17 Mai dare del proprio agli altri... hanno scritto “senatori” (virgolettato) e quindi ci sta...
Tato50 9 mesi fa su tio
@marco17 Che problema ;-(
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-02 08:51:59 | 91.208.130.87