Fotolia
SVIZZERA
22.08.2019 - 15:140

Verso il riconoscimento giuridico della lingua dei segni

Il Consiglio federale ha proposto al parlamento di approvare un postulato sul tema. In Svizzera vivono circa 10'000 persone sorde

BERNA - Apertura del Consiglio federale sul riconoscimento giuridico delle tre lingue dei segni svizzere (italiana, francese e svizzerotedesca). Il governo propone infatti al parlamento di approvare un postulato che lo incarica di presentare un rapporto sulle possibilità in tal senso.

La proposta è contenuta in tre postulati della consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi/BE) e dei colleghi Christian Lohr (PPD/TG) e Mathias Reynard (PS/VS). Ricordando che in Svizzera vivono circa 10'000 persone sorde, essi chiedono se il riconoscimento giuridico come lingua semiufficiale o come lingua di minoranza culturale sia possibile, in modo da proteggere e promuovere questa cultura.

Raccomandano inoltre l'attuazione di un piano d'azione ai sensi della Convenzione dell'ONU sui diritti delle persone con disabilità (CDPD) per raggiungere la piena partecipazione inclusiva e senza barriere delle persone sorde e audiolese.

Commenti
 
Lucadue 3 sett fa su tio
Conosco dei sordomuti che "leggono" i movimenti delle labbra di chi parla e capiscono benissimo quanto si sta dicendo e rispondono parlando anche loro. L`importante è che possano vedere bene di fronte chi parla. Questo metodo, se non erro, veniva, o viene, insegnato all'Istituto S. Eugenio di Locarno. Stranamente non se ne sente più parlare.
streciadalbüter 3 sett fa su tio
La notizia del chissenefrega
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 09:34:25 | 91.208.130.86