Keystone
Eric Weber a una manifestazione del Pegida nel 2016.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
22 min
Fallimento Thomas Cook: una novantina gli svizzeri interessati
VAUD
1 ora
Pista di ghiaccio a Malley, dopo i lavori spazio all'hockey
SAN GALLO
1 ora
Duemila chilometri in tre giorni, fermato camionista-stacanovista
SVIZZERA / REGNO UNITO
1 ora
Thomas Cook, a Zermatt non piace il "piano Matterhorn"
SVIZZERA
1 ora
Credit Suisse ai dipendenti: «Concentratevi sui clienti, non su Khan»
TURGOVIA
3 ore
Tremila pazienti psichiatrici sottoposti a test con farmaci
ZURIGO
3 ore
Ora parla Swiss Life: «L'offerta di Manor era irrealistica»
SVIZZERA
3 ore
Meno morti e meno feriti sulle strade svizzere
VAUD
4 ore
Il Governo vodese sostiene l'iniziativa per una cassa malati cantonale
SVIZZERA
5 ore
Prima viaggi, poi paghi. Dall'anno prossimo lo si potrà fare
SVIZZERA / BRASILE
6 ore
Evase a Zugo nel 2010, riacciuffato in Brasile
URI
6 ore
Ubriaco, cerca di scappare dalla polizia. Nei guai un 33enne
SVIZZERA
6 ore
Il contenuto della valigia di Emeka Obi sarà trasmesso all'Italia
ZURIGO
6 ore
Trema la Bahnhofstrasse, la Manor se ne va
ZURIGO
6 ore
Manor via dalla Bahnhofstrasse: «La città è profondamente rammaricata»
BASILEA CITTÀ
22.08.2019 - 09:310

Pensionate ignare candidate sulla lista di estrema destra

L'attivista nazionalista Eric Weber correrà al nazionale con due esordienti ottuagenarie, ma almeno una di loro non ne sapeva niente

BASILEA - La lista si chiama Ausländerstopp (stop agli stranieri, ndr.) e ha tre candidati al Nazionale: Eric Weber, noto attivista di estrema destra già presidente dell'Azione nazionale contro l'inforestierimento del popolo e della patria, e... due ottuagenarie: Maria Bumann (85 anni) e Elise von Büren (88). Entrambe le donne, riporta 20 Minuten, sono al loro esordio in politica. Almeno una di loro, però, di questa cosa di candidarsi alle elezioni nazionali per Basilea non ne sapeva niente.

La signora racconta di aver incontrato Weber in un centro commerciale dove stava facendo volantinaggio, dopo uno scambio di cortesie lei gli ha scritto una lettera: «Mi piaceva quello che faceva per la Svizzera, lui dopo mi ha chiamato e mi ha chiesto un incontro. Lì mi ha fatto la proposta, io gli ho detto che ci avrei pensato ma non l'ho più sentito... Ed era un anno fa. Sono sicura di non aver firmato nulla», conferma la donna.

Per quanto riguarda l'altra candidata, 20 Minuten non è riuscita a rintracciarla. Stando a un vicino di casa si troverebbe attualmente in ospedale. La possibilità che pure lei sia ignara della cosa, quindi, sussiste.

La Cancelleria dello Stato di Basilea, che deve occuparsi delle pratiche di candidatura, si è attivata dopo l'interessamento dei media. «È chiaro che i candidati devono apporre la loro filma sulla richiesta», conferma il vicepresidente Marco Greiner.

Weber, contattato da 20 Minuten, non si è reso disponibile per un commento fino al momento di andare in stampa. Il 56enne non è nuovo a falsificazioni elettorali e ha una serie di precedenti che risalgono al 1991. Nel 1994 era stato bandito dal concorrere a cariche politiche e nel 2014 era stato condannato per frode elettorale multipla.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 18:25:04 | 91.208.130.86