Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
18.08.2019 - 11:430

Il nuovo Parlamento potrebbe approvare il pensionamento a 67 anni

Se la distribuzione dei seggi sarà simile a quella della legislatura 2015-2019, direbbe "sì" nella misura del 55%

BERNA - Dal parlamento che sarà eletto il prossimo 20 ottobre potrebbe uscire una maggioranza favorevole all'innalzamento dell'età pensionabile a 67 anni.

Lo afferma il domenicale NZZ am Sonntag che ha analizzato i dati dei candidati al Consiglio nazionale attraverso la piattaforma online smartvote.ch.

Se la distribuzione dei seggi sarà simile a quella della legislatura 2015-2019, il nuovo parlamento direbbe "sì" nella misura del 55%. Anche tenendo conto della prevista crescita di sinistra e Verdi, la maggioranza dei deputati sarebbe favorevole all'innalzamento.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 11 mesi fa su tio
Un sistema efficace per risparmiare sulle assicurazioni sociali, ti spremono fino all'ultimo e vai in pensione per morire! Nel frattempo i giovani non trovano lavoro.
shooter01 11 mesi fa su tio
ecco cosa succede de a votare degli animali . Gli altri lavorano e loro si grattano gli zebedei. Così facendo chi ha lavorato una vita rischia di essere licenzaito e non arrivare alla pensione mentre i loro amici LAZZARONI godono
Janice 11 mesi fa su tio
Il problema si pone non tanto nella durata degli anni lavorativi, ma a livello del mercato del lavoro. È risapuo che i licenziamenti riguardano sempre più le persone over 50, perché al datore di lavoro questa categoria di persone costa troppo. Purtroppo questa categoria di lavoratori raramente trova un secondo impiego (sempre a causa dei costi per i datori di lavoro). Quindi in caso di innalzamento dell'età di pensionamento, le persone over 50 licenziate e poi disoccupate lo saranno per più tempo. Questa situazione non andrà sicuramente a scapito delle casse dell'AVS, ma si riperquoterà comunque sulla società, poiché sarranno sempre di più e per più tempo le persone che faranno capo alle assicurazioni sociali. In questo senso l'innalzamento dell'età di pensionamento può funzionare unicamente se la politica sarà in grado di trovare soluzioni efficaci ed efficienti al problema del mercato del lavoro. Perché in caso contrario sarebbe come se si volesse tappare un buco utilizzando la stessa pezza utilizzata per tapparne un'altro.
Corri 11 mesi fa su tio
Si e poi ? Perché non mettere a 90 anni? Già che il lavoro c’e ne per tutti, ci assumono i politici fino a quel età, dopo aver finito di svolgere il proprio lavoro.
volabas 11 mesi fa su tio
Ma andate a c....e
Clo 62 11 mesi fa su tio
Non vedo il problema, qualche decennio fa l’aspettativa di vita era 70 anni e oggi è 80 quindi due anni in più non mi sembra un grande sacrificio, resta inteso che le categorie dei lavori logoranti possano andare in pensione a 55 anni
Zarco 11 mesi fa su tio
@Clo 62 Aspettativa ? Ti ricordo che c’e Gente che vegeta da 20 anni e nelle statistiche ci sta
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-03 15:00:26 | 91.208.130.86