Keystone
SVIZZERA
30.07.2019 - 17:130

Caso UBS-Francia: giudice federale denuncia le pressioni

«Le minacce di non rielezione proferite da parlamentari dell'UDC e di altri partiti borghesi «mi preoccupano molto, perché mettono in questione la separazione dei poteri»

BERNA - Le minacce di non rielezione proferite da parlamentari dell'UDC contro il "loro" giudice federale Yves Donzallaz, ago della bilancia nella recente sentenza della suprema corte di Losanna che impone a UBS di consegnare a Parigi i dati personali di oltre 40'000 clienti francesi, sono denunciate oggi dal collega Thomas Stadelmann, che era contrario alla consegna.

Thomas Stadelmann, 60enne lucernese esponente del PPD, vede in queste pressioni una minaccia per la separazione dei poteri in Svizzera in un'intervista pubblicata sui siti online di giornali CH-Media, tra cui "Luzerner Zeitung" e "Aargauer Zeitung".

Le minacce di non rielezione proferite da parlamentari dell'UDC e di altri partiti borghesi «mi preoccupano molto, perché mettono in questione la separazione dei poteri (...). Quando si sanzionano dei magistrati perché non giudicano secondo la linea del partito, succede proprio questo, cosa che nessuno vuole», afferma Stadelmann.

Dopo le controversie sulle naturalizzazioni all'inizio del nuovo secolo - rileva il giudice federale - «la situazione si è temporaneamente calmata. Tuttavia ora sperimentiamo più tentativi di pressione. Ho già constatato che giudici si siano ricusati per paura di essere bacchettati dal loro partito».

Il 26 luglio la Seconda Corte di diritto pubblico del Tribunale federale ha deciso a maggioranza - 3 giudici contro 2 - che il numero uno bancario elvetico dovrà consegnare a Parigi i dati personali riguardanti oltre 40'000 suoi clienti francesi. Dopo che il giudice relatore Thomas Stadelmann aveva difeso la posizione contraria, si prospettava una vittoria per UBS grazie alla presenza nella corte di due giudici dell'UDC, ma uno di loro, il vallesano Donzallaz, ha fatto pendere la maggioranza a sfavore della banca.

L'UDC ha subito parlato di una «incredibile sentenza contro la piazza finanziaria», omettendo di precisare che era stato un suo giudice a determinarla, come pure il fatto che a presentare ricorso era stata l'Amministrazione federale delle contribuzioni, subordinata al ministro delle finanze dell'UDC Ueli Maurer.

Alcuni parlamentari UDC non hanno però esitato ad evidenziare questi fatti. «Dobbiamo chiederci seriamente se dobbiamo rieleggere giudici federali del nostro partito, se non rappresentano in alcun modo il nostro patrimonio intellettuale», ha dichiarato per esempio il capogruppo UDC Thomas Aeschi alla "SonntagsZeitung".

Il collega consigliere nazionale zurighese Roger Köppel, capo redattore della "Welwoche", ha dal canto suo scritto su Twitter: «Dobbiamo ringraziare l'Amministrazione federale delle contribuzioni del presidente della Confederazione Ueli Maurer per questa sentenza vergognosa per la Svizzera e distruttiva per la piazza finanziaria».

Il sistema di elezione dei giudici federali è regolarmente oggetto di pubblico dibattito. A fine agosto sarà consegnata alla Cancelleria federale una iniziativa popolare che propugna una elezione per estrazione a sorte e non più da parte del parlamento.
 
 

Commenti
 
patrick28 3 sett fa su tio
Vergogna Udc. Lasciate stare i giudici. Partito allo sbando !
MIM 3 sett fa su tio
@patrick28 L'articolo parla di UDC e altri partiti borghesi. Perché ti soffermi solo su UDC?
Bayron 3 sett fa su tio
@patrick28 Patetico!
marco17 3 sett fa su tio
Vien quasi da ridere. L'UDC insulta giorno e notte coloro che, a suo dire, "calano le braghe" di fronte all'estero e poi si scopre che in questa faccenda il ruolo determinante l'hanno da un lato l'Amministrazione federale delle finanze, diretta da un consigliere federale UDC, e un giudice federale in quota UDC che ha osato decidere con la propria testa, come dovrebbe fare ogni membro di un tribunale. Se avessero un minimo di senso della vergogna i caporioni UDC dovrebbero almeno tacere.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-26 11:53:28 | 91.208.130.86