Keystone (archivio)
STATI UNITI / SVIZZERA
17.07.2019 - 20:250
Aggiornamento : 18.07.2019 - 08:34

Il Senato Usa ratifica la convenzione per evitare le doppie imposizioni con la Svizzera

In primavera il presidente della Confederazione Ueli Maurer aveva dichiarato che ci sarebbero stati sviluppi

WASHINGTON -  Il Senato degli Stati Uniti oggi ha ratificato la convenzione per evitare le doppie imposizioni (CDI) con la Svizzera, bloccata da circa un decennio. Lo ha riferito l'agenzia Reuters. Il trattato, che richiedeva due terzi dei voti, è stato accolto a stragrande maggioranza: con 95 voti contro 2.

Si tratta di un passo importante nelle relazioni fiscali tra i due paesi, in quanto questo protocollo introduce lo scambio di informazioni su richiesta in materia fiscale secondo gli standard internazionali, scrive mercoledì sera alla Segreteria di Stato per gli affari finanziari internazionali (SFI).

La CDI tra la Svizzera e gli Stati Uniti risale al 1996. Il 23 settembre 2009 i due paesi hanno firmato un protocollo di modifica. La proposta è stata approvata dall'Assemblea federale nel 2010. Negli Stati Uniti, l'approvazione è di competenza del Senato.

Per anni il senatore repubblicano Rand Paul si è opposto alla convenzione sulla doppia imposizione, che era già stata firmata nel 2009. A suo parere il testo vìola la privacy. Secondo il regolamento del Senato americano, un solo deputato può impedire che un progetto di legge sia trattato da tutta la Camera. Però, secondo la televisione svizzero tedesca SRF, Mitch McConnell, il leader della maggioranza repubblicana al Senato, ha trovato il modo di convincere i colleghi: l'accordo agevola le autorità americane nell'ottenere informazioni da quelle svizzere in caso di sospetto di evasione fiscale, ha spiegato.

La ratifica, che ha richiesto due terzi dei voti, è stata accettata a larga maggioranza, secondo il sito web del Senato degli Stati Uniti. Il presidente Ueli Maurer aveva lasciato intendere che ci sarebbero stati sviluppi in questo dossier, margine delle riunioni primaverili del Fondo monetario internazionale (FMI) e della Banca mondiale di metà aprile.

«Non vi è più distinzione tra evasione e frode fiscale», spiega l'SFI. Questo nuovo approccio è in linea con lo standard internazionale sullo scambio di informazioni su richiesta, che la Svizzera applica già con più di 100 Stati e territori, ma non ancora con gli Stati Uniti.

Formalmente, il protocollo di modifica entra in vigore alla data dello scambio degli strumenti di ratifica. Il punto principale riguarda lo scambio di informazioni: le richieste potranno essere presentate non appena il protocollo entra in vigore e devono riferirsi a fatti avvenuti il 23 settembre 2009 o in data successiva.

Il Parlamento svizzero non è più tenuto ad approvare il protocollo d'emendamento, afferma lo SFI. La ratifica da parte degli Stati Uniti apre ora la strada ad un'ulteriore revisione della CDI. L'obiettivo è quello di migliorare il testo, tenendo conto degli sviluppi dal 1996.

Oltre all'accordo con la Svizzera, mercoledì il Senato degli Stati Uniti ha ratificato accordi con il Giappone e il Lussemburgo, anch'essi bloccati da anni. Gli accordi ora approvati promuovono gli scambi con i partner commerciali, attirano investitori stranieri e combattono l'evasione fiscale attraverso lo scambio di informazioni, ha detto alla reuters il senatore democratico Ron Wyden.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-26 09:48:47 | 91.208.130.87