Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
27 min
Una truffa da quasi un milione e mezzo: andrà in carcere
Un fiduciario turgoviese è stato condannato a 36 mesi di detenzione, di cui 12 da scontare, per aver raggirato un'anziana, un asilo nido ed una società privata
ZURIGO
51 min
Esce di strada e urta un albero: morto 20enne
L'incidente è avvenuto oggi a Elgg. Inutili i tentativi di rianimazione
SVIZZERA
1 ora
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
1 ora
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
GRIGIONI
2 ore
Tampona un Suv fermo, due feriti leggeri
Il 79enne non si è accorto del blocco momentaneo volto a permettere il trasporto di legname. L'impatto è stato inevitabile
BASILEA CITTÀ
2 ore
In strada per i sans-papiers
La dimostrazione è avvenuta a un anno dalla presentazione di dieci domande per cosiddetti casi di rigore. Sei sono state approvate
SVIZZERA
3 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
GRIGIONI
3 ore
Centauro investito da un'auto
Il 27enne è stato trasportato all'ospedale di Coira con ferite di media gravità
SVIZZERA
3 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
4 ore
Cassis invita al rispetto del multiculturalismo
Il consigliere federale ha tenuto un discorso alla conferenza generale dell'Unesco
SVIZZERA
5 ore
Treni, Mister Prezzi chiede un taglio sui prezzi dei biglietti
Per Meierhans il costo dei titoli di trasporto deve calare del 2%: «Posso assicurare l'utenza che rimarrò sul pezzo»
SVIZZERA
6 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
6 ore
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SOLETTA / ARGOVIA
6 ore
Gösgen e Leibstadt, no all'imballaggio delle scorie
Le due centrali nucleari non realizzeranno sui propri siti degli impianti per l'imballaggio delle scorie radioattive
SVIZZERA
6 ore
Massimo un milione di franchi per i dirigenti
La remunerazione presso le FFS, la Ruag, la Posta, la Suva, Swisscom, Skyguide e SSR non può superare quella di un consigliere federale
SINGAPORE / SVIZZERA
7 ore
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
SVIZZERA
14.06.2019 - 11:000
Aggiornamento : 12:05

Nazionale, Marina Carobbio interrompe la seduta per scioperare

Fra la deputazione ticinese, solo Marco Chiesa si era opposto alla sospensione dei lavori

BERNA - La presidente del Consiglio nazionale Marina Carobbio ha sospeso stamane, poco prima delle 11.00, la seduta della Camera del popolo per consentire alle parlamentari che lo desiderano di partecipare brevemente alla manifestazione organizzata sull'antistante Piazza federale. I dibattiti sono poi ripresi alle 11.15.

Carobbio ha spiegato che si tratta di un segno di solidarietà verso le donne e contro le discriminazioni legate al genere. «La parità fra i sessi riguarda tutte e tutti noi: la sua realizzazione porterà dei benefici alla società intera, al mondo economico ed è nel contempo una questione di giustizia e democrazia», ha aggiunto la prima cittadina svizzera.

Alla ripresa dei lavori, la consigliera federale Viola Amherd ha fatto una breve dichiarazione per esprimere il suo sostegno alla causa. Citando Josi Meier (PPD/LU), la prima donna a presiedere il Consiglio degli Stati nel 1991-1992, la vallesana ha detto che "sì, le donne devono stare a casa: nelle case comunali, nei municipi e a Palazzo federale" ("Gemeindehaus", "Rathaus" e "Bundeshaus", in tedesco). «Abbiamo bisogno di donne a tutti i livelli; che partecipino, che lavorino, che parlino, che si esprimano, dovunque esse siano, ai fornelli o altrove», ha affermato la consigliera federale facendo riferimento al suo cognome ("am Herd" significa appunto ai fornelli).

Da notare che oggi molte parlamentari - principalmente di sinistra - e la stessa consigliera federale Amherd hanno deciso di portare un capo d'abbigliamento viola in segno di solidarietà. Anche diversi colleghi maschi si sono vestiti di viola o hanno portato un foulard di questo colore.

La decisione di sospendere la seduta è stata presa la settimana scorsa all'unanimità dall'Ufficio del Nazionale. La proposta era stata formulata da Marina Carobbio e nessuno in seno all'ufficio aveva sollevato obiezioni, aveva dichiarato in aula mercoledì di settimana scorsa la stessa presidente del Nazionale. "Abbiamo voluto evitare una mozione d'ordine e una discussione infinita il giorno stesso", aveva aggiunto la vicepresidente Isabelle Moret (PLR/VD).

Non contento di tale decisione, Andreas Glarner (UDC/AG) aveva depositato una mozione d'ordine per impedire tale sospensione. Per l'argoviese «lo sciopero è una faccenda privata per i gruppi di sinistra» al quale parteciperanno «donne frustrate». A suo avviso la «stragrande maggioranza delle donne non vuole affatto questo sciopero».

Al voto la maggioranza del Consiglio nazionale aveva però deciso di mantenere la sospensione per 114 voti contro 55 e 7 astenuti. I "no" sono venuti dai ranghi dell'UDC (53 sui 61 presenti, compreso Marco Chiesa) e del PLR (2 su 26). Quattro membri del gruppo UDC (tra cui Lorenzo Quadri) e 3 PLR si sono astenuti. Tutti gli altri (compresi Giovanni Merlini, Roberta Pantani, Fabio Regazzi e Marco Romano) avevano sostenuto l'interruzione della seduta.

 

Commenti
 
Dioneus 5 mesi fa su tio
Bravissima!
beta 5 mesi fa su tio
.... e quelli sarebbero i geni che dovrebbero governarci ? Un salame farebbe meglio !
Dioneus 5 mesi fa su tio
@beta Puoi provarci tu :)
Dioneus 5 mesi fa su tio
@beta E, comunque, Marina Carobbio non è in governo ma in parlamento, ignorante
beta 5 mesi fa su tio
@Dioneus Girala come vuoi ! Governo o parlamento dovrebbero FARE PER LA POPOLAZIONE SVIZZERA !!! NB : Senza fare pagliacciate ! PS; meglio ignorante che pirla . Saluti .
moma 5 mesi fa su tio
Giusto che le donne facciano valere i sacrosanti diritti. Ma non attraverso questo genere di scioperi istituzionali, che non fanno altro che provocare sentimenti contrari. Ripeto, scandaloso.
marco17 5 mesi fa su tio
@moma Scandalose e penose saranno le tue rampogne da disadattato sociale. Lo sciopero è un diritto costituzionale. Ignorantun!
moma 5 mesi fa su tio
Personalità istituzionali elette e stipendiate dal popolo che danno questo bell'esempio di civiltà, serietà, impegno e quant'altro? I giovani che vedono tutto questo? Mi limito a dire, scandaloso che autorità di questo livello si permettono di insultare in questo modo la Svizzera.
MIM 5 mesi fa su tio
Un'apparizione di facciata, altrimenti chiamata: ipocrisia
sedelin 5 mesi fa su tio
brava marina! il povero chiesa con i suoi alleati ha fatto una figura meschina.
marco17 5 mesi fa su tio
Alcuni maschi (si fa per dire) frustrati hanno espresso qui sotto il loro elevato pensiero, segno di grande intelligenza.
Wunder-Baum 5 mesi fa su tio
Puro simbolismo
polonord 5 mesi fa su tio
Ennesima figuraccia per il Ticino e sempre dai banchi della sinistra.
marco17 5 mesi fa su tio
@polonord La figuraccia l'ha fatta Chiesa con la sua richiesta retrograda.
seo56 5 mesi fa su tio
Sceneggiata napoletana
Danny50 5 mesi fa su tio
Che grass d’arosct
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 18:47:17 | 91.208.130.85