Keystone (archivio)
In Svizzera sono attive nel settore agricolo 152'400 persone, il 36% delle quali sono donne
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
8 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
8 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
9 ore
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
9 ore
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
9 ore
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
10 ore
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
10 ore
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
NEUCHÂTEL
10 ore
Trovato un cadavere vicino ad una scuola
SOLETTA
11 ore
La maggioranza degli svizzeri si fida delle centrali nucleari
BASILEA CITTÀ
11 ore
L’autista dello scuolabus picchia il bambino di 9 anni
ZURIGO
13 ore
Scritte contro Erdogan, la giustizia svizzera sconfessa la Turchia
SVIZZERA
13 ore
Siamo sempre più spaventati, xenofobi e un po’ omofobi
SOLETTA
13 ore
Bimba cade da cavallo e perde la vita
SVIZZERA
13 ore
«Tassare al 90% i capitali oltre i 2 miliardi»
SAN GALLO
14 ore
Poliziotto si spara alla gamba durante un'esercitazione
SVIZZERA
12.06.2019 - 12:000

Più protezione sociale per le contadine

La campagna lanciata stamattina con un'azione davanti a Palazzo Federale durerà quattro mesi e si concluderà il prossimo autunno con la consegna di un "appello" a migliorare la situazione

BERNA - In vista della prossima legislatura, l'organizzazione svizzera di cooperazione allo sviluppo Swissaid e l'Unione svizzera delle donne contadine e rurali (USDCR), hanno lanciato oggi una "campagna politica per la protezione sociale delle contadine", con un'azione davanti a Palazzo Federale.

Le donne sono la linfa vitale delle aziende agricole a conduzione familiare, che forniscono il 70% dell'approvvigionamento alimentare mondiale. Tuttavia, il loro lavoro non è ancora adeguatamente riconosciuto e non godono di sufficiente protezione sociale, sottolineano Swissaid e USDCR.

Secondo gli ultimi dati, in Svizzera sono attive nel settore agricolo 152'400 persone, il 36% delle quali sono donne. Il 30% sono famigliari del gestore. Si tratta quindi di quasi 46'000 persone.

Le chiamate di donne al telefono SOS per gli agricoltori sono nettamente aumentate dal 2013, e le loro domande si concentrano principalmente su questioni di sicurezza sociale, afferma la sua responsabile Patrizia Schwegler.

Swissaid e USDCR chiedono quindi al Consiglio federale e al Parlamento di presentare, per la prossima legislatura, un serie di misure per migliorare la situazione delle contadine. In concreto vogliono che la sicurezza sociale delle donne contadine sia inclusa nel programma di politica agricola 2022+ e che la sicurezza alimentare, compreso il lavoro delle contadine, diventi un tema prioritario del Messaggio per la cooperazione internazionale 2021-2024.

La presidente dell'USDCR Anne Challandes spiega infatti che, nonostante le differenze significative, la situazione delle agricoltrici è simile in tutto il mondo. Anche in un paese ricco come la Svizzera, la sicurezza sociale delle donne contadine non è scontata, nota Challandes.

In base ad un rapporto del Consiglio federale del 2016, fra le donne che lavorano nel settore agricolo il 15% sono annunciate all'AVS come indipendenti e un altro 15% come salariate. Solo questo 30% di donne è quindi remunerato e assicurato.

Di conseguenza il restante 70% non lo è. Si tratta di circa 32'000 donne senza paga, considerate non attive professionalmente, che non hanno copertura sociale propria e quindi nessuna rendita minima di vecchiaia (AVS) o di invalidità (AI), nessuna assicurazione maternità e, quasi sempre, nemmeno una previdenza sociale propria.

Per quanto riguarda il diritto matrimoniale e di proprietà, molto poche sono proprietarie o coproprietarie. La situazione particolare dell'agricoltura sul piano patrimoniale può comportare pesanti inconvenienti in caso di matrimonio, divorzio e problemi di salute.

La campagna lanciata stamane con un'azione davanti a Palazzo Federale durerà quattro mesi e si concluderà il prossimo autunno con la consegna di un "appello" a migliorare la situazione indirizzato al Dipartimento federale dell'interno (DFI) e al quello degli affari esteri (DFAE), guidati rispettivamente da Alain Berset e Ignazio Cassis.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 01:21:26 | 91.208.130.89