Ti-Press
L'UE a fine 2017 aveva stilato una "lista nera" e una "lista grigia" dei paradisi fiscali.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
8 min
Il Consiglio nazionale in breve
ZURIGO
26 min
L'intervento rarissimo che ha salvato la vita al piccolo Fabian
SVITTO
32 min
Contadino cade in una vasca di liquame e muore
SVIZZERA
34 min
Codice stradale troppo severo, si corre ai ripari
ZURIGO
49 min
Commessa da 143 milioni per Implenia
GRIGIONI
1 ora
Un colpo di sonno e lo schianto
SVIZZERA
1 ora
Allevamento intensivo, depositate oltre 100mila firme
SVIZZERA
2 ore
Rischiò un frontale con la polizia: sconfessato dal TF
SVIZZERA
2 ore
Swiss: un'estate 2019 un po' più puntuale
URI
3 ore
Ecco cosa può succedere quando ci si distrae...
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
3 ore
Finanziamento dei partiti, chiusa la procedura contro la Svizzera
ZURIGO
3 ore
PMI meno ottimistiche per il futuro
BERNA
3 ore
Tabacco, verso un giro di vite su vendita e pubblicità per minori
SVIZZERA
3 ore
Migros ritira i Chicken Nuggets dei Lillibigs: contengono pezzetti di osso
GINEVRA
3 ore
Il motore "sputa" scintille, panico in volo
SVIZZERA
10.06.2019 - 14:220

Ue: la Svizzera non viene tolta dalla lista grigia

Diversi diplomatici europei hanno indicato che è solo una questione procedurale

BERNA - Dopo il "sì" popolare al progetto Riforma fiscale e finanziamento dell'AVS (RFFA), approvato in votazione lo scorso 19 maggio, la Svizzera dovrebbe essere stralciata dalla lista grigia dei paradisi fiscali. È quanto aveva promesso l'Ue, ma la questione al momento non figura all'ordine del giorno della prossima riunione dei ministri europei delle finanze, in programma venerdì in Lussemburgo.

Lo scorso 19 maggio, in seguito all'approvazione della riforma, il presidente della Confederazione Ueli Maurer aveva chiesto la cancellazione della Svizzera dalla lista grigia, poiché Berna dispone ora di un sistema fiscale compatibile con l'OCSE e l'UE. Secondo la Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI), lo stralcio sarebbe dovuto avvenire "più in fretta possibile".

L'UE a fine 2017 aveva stilato una "lista nera" e una "lista grigia" dei paradisi fiscali: la prima riguardava i Paesi non cooperativi in materia fiscale, mentre la seconda era destinata agli Stati che avevano promesso di apportare alcune modifiche a livello fiscale, tra cui la Confederazione.

Ragioni "procedurali", non politiche - Nonostante le promesse iniziali, attualmente la Svizzera figura ancora sulla lista grigia e i ministri delle finanze dell'Unione europea non tratteranno a breve la questione.

Diversi diplomatici europei hanno indicato all'agenzia Keystone-ATS che ciò non è legato a questioni politiche - ad esempio l'accordo quadro istituzionale - ma piuttosto a ragioni puramente procedurali.

Lo stralcio dalla lista grigia deve infatti essere prima proposto dal gruppo di lavoro dell'Ue per le questioni fiscali, il quale si è riunito lo scorso 20 maggio, all'indomani della votazione sulla RFFA in Svizzera. In quell'occasione, il gruppo di lavoro si è limitato a prendere conoscenza dell'esito della votazione, ha spiegato un diplomatico. La nuova legge deve entrare in vigore nella Confederazione prima che l'Ue possa agire.

Secondo la SFI, il Consiglio federale dovrebbe fissare l'entrata in vigore della RFFA per il primo gennaio 2020. Se la data dovesse essere comunicata entro fine luglio, il gruppo di lavoro dell'Ue potrebbe chiedere l'eliminazione della Svizzera dalla lista grigia in occasione della riunione in programma il prossimo 5 luglio. A causa della pausa estiva, tuttavia, i ministri delle finanze dell'Ue non si pronunceranno prima di ottobre.

Commenti
 
Maxy70 3 mesi fa su tio
Ovviamente, fino a che la barca va, ergo: fino a quando il ricatto istituzionalizzato funziona, la Svizzera supplica inutilmente, PAGA e da lavoro ai disoccupati UE ("grazie" alla catastrofica libera circolazione), lasciala andare! Rimarremo nella lista nera, grigia, blu a stelline gialle, fino alla consumazione dei secoli, se non ci decidiamo a reagire! Swiss Exit!
Milu Bourdelande 3 mesi fa su fb
Mandate a cagare questi bastardi imparate da salvini.
Zico 3 mesi fa su tio
Ieri sera la TSI ha trasmesso il film 'i giorni più bui'. l'Inghilterra avrebbe dovuto piegarsi alla Germania di Hitler. i governanti volevano 'trattare con Hitler per il tramite di Mussolini'. Solo uno si oppose: Winston Churcill, dopo aver preso la decisione di parlare con un pò di gente qualunque nella metropolitana di Londra. sarebbe un fil da far vedere ai nostri governanti. chissà che non si sveglino e comincino a capire chei dirigenti UE usa altri metodi ma lo scopo finale da raggiungere sia il dominio su tutta l'Europa! senza libertà e senza possibilità di ricorso.
Курзио Мона 3 mesi fa su fb
... miliardi di coesione li hanno presi però...
Danny50 3 mesi fa su tio
Meritato perché siamo dei coglioni che si vogliono vendere a questa fallimentare organizzazione a delinquere. Continuiamo a chinarci a 90 gradi e poi ci lamentiamo che ci sodomizzano.
Bandito976 3 mesi fa su tio
E chi se ne fotte. Tanto stiamo meglio noi che non siamo nella fallita Europa. Da quando è stata costituita ci sono stati solo fallimenti su tutti i fronti. Basta che esce qualche altro paese oltre alla Gran Bretagna e il castello di carte crolla
Elisabetta Pezze 3 mesi fa su fb
Il resto del mondo teme la vs capacità bancaria....
Domenico Garavaglia 3 mesi fa su fb
Rimanete nella lista grigia, molto meglio per la Svizzera. L'europa, un prodotto abortivo di un concepimento mal riuscito.
Giancarlo Schraner 3 mesi fa su fb
I politicastri dell'UE. Non vogliono toglierci dalle liste liste grigie. Eppure soon ben contenti di mettere I loro sporchi soldi nelle nostre banche. Una bella banda di ipocriti.
Giancarlo Fusco 3 mesi fa su fb
Ma infatti....l'europa deve avere il controllo di tutti i suoi euro...🤔🤣😎👍🤙
Orso 3 mesi fa su tio
E fanno bene. Scusate ma la svizzera non sta ancora applicando quello che è stato votato. Ad oggi si è ancora sistema vecchio e quindi perche ora vogliamo subito la modifica? Mettetevi nei panni della ue
Wunder-Baum 3 mesi fa su tio
Però quanto la Svizzera paga per poter tenere in piedi un accordo, questo non è ul elemento per accelletare un attimino il tutto ! Signor Cassis, picchi un attimino i pugni sul tavolo, altrimenti resteremo sempre un paese bollato di grigio !
Loris Bianchi 3 mesi fa su fb
I nostri soldini fanno comodo però ! Schifosi !
Tato50 3 mesi fa su tio
Promesse da marinaio. Non hanno tempo di chinarsi sul tema? Aspettano che ci inchiniamo di nuovo noi ? Massa di farabutti ricattatori-;(((
sedelin 3 mesi fa su tio
la punizione dopo la mancata firma della svizzera :-(
tirannosaurosex 3 mesi fa su tio
Lista grigia nera o marrone? E chissenefrega! La qualità Svizzera è inimitabile da qualsiasi paese al mondo e sappiamo tutti che chi lavora bene e produce prodotti di alta qualità vende senza problemi malgrado ci siano blacklist e altre cagate!
streciadalbüter 3 mesi fa su tio
Caro Alan Al f:scritto perfettamente che condivido come spero la maggioranza degli Svizzeri.Mediante l`euro l`UE controlla l`economia di una nazione e controllando l`economia ha in manoi tutta la nazione.
streciadalbüter 3 mesi fa su tio
dxbuae:condivido pienamente quanto da lei scritto.Quando i nostri federali faranno i nostri interessi e non quelli della fallita UE le cose andranno meglio.Ci chiami o Patria?
Alan Al 3 mesi fa su fb
L ue è un organizazzione criminale...la svizzera non verrà mai tolta dalla lista grigia, fintanto che non si smantella il lavoro e i diritti sociali...non a caso l unione europea è stata ceata dalla cia di banchieri usurai che vogliono governare il mondo con la forza tramite dittatura finanziaria...la lista girgia nera o viola che si voglia rigurada le aziende quotate in borsa, in poche parole è come se si ricattasero da soli, ma lo sventolano ai quattro venti per spaventare il popolo...anzi se la svizzera finisce sulla lista nera delle borse europee è un vantaggio per i lavoratori, perchè le borse mercantili vivono di speculazioni e usura, e non di economia reale, che è fatta di investimenti reali e di lavoro reale
Thor61 3 mesi fa su tio
Per fare il bene (MAI il nostro) dell'UE si cede ad ogni richiesta, giustamente poi per ringraziamento ti si fanno anche le scarpe, o anche il lato B a seconda delle abitudini!!! W l'U.E.!!!
dxbuae 3 mesi fa su tio
La chi? L'UE? E' avvilente vedere come un branco di ladroni capeggiati da un ubriacone (Juncker) sputacchino sul nostro paese. Loro che, falliti in ogni settore, ancora ci trattano come se fossimo dei terroristi.
Walter Ghidini 3 mesi fa su fb
Ma davvero c'erano ancora dei dubbi al riguardo o si fa davvero finta di non capire?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 15:27:46 | 91.208.130.87