Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Eventi? Può entrare chi è vaccinato...e chi si fa testare
Oltre a chi è vaccinato potrebbe partecipare ai futuri eventi anche chi accetta di fare un test rapido all'ingresso
ZURIGO
6 ore
Legge anti-burqa, ecco perché ha vinto il sì
Oltre all'elettorato dell'UDC, anche la maggioranza del PLR ha approvato l'iniziativa.
SVIZZERA
8 ore
«Non è stato un voto contro i musulmani»
Sconfessato in due temi su tre, il Consiglio federale ha commentato i risultati di questa domenica di voto.
SVIZZERA
8 ore
Le votazioni cantonali in un colpo d'occhio
Non solo federali: i cittadini di sei cantoni si sono recati alle urne anche per esprimersi su temi locali.
SVIZZERA
9 ore
Sì all'iniziativa anti-burqa e all'accordo con l'Indonesia, no all'E-ID
Gli svizzeri hanno approvato entrambi gli oggetti federali "di misura". Nettamente respinta l'identità elettronica
BERNA
9 ore
Burqa: arriva la denuncia di Amnesty
Per l'ong si tratta di discriminazione dei musulmani
SVIZZERA
10 ore
78 giornaliste scrivono alla direzione di Tamedia
Le dipendenti deplorano di essere «ostacolate, rimproverate e pagate meno».
LE REAZIONI
12 ore
Economiesuisse: «Avremmo preferito un sì più chiaro»
L'accordo di libero scambio con l'Indonesia è stato promosso dal popolo, ma di strettissima misura.
LE REAZIONI
12 ore
Il Consiglio centrale islamico: «L'islamofobia ora è ancorata nella Costituzione»
L'approvazione dell'iniziativa sul divieto di dissimulare il volto non va giù ai Verdi Liberali: «Andremo a Strasburgo»
LE REAZIONI
12 ore
«Il no alla legge E-ID è un sì all'identificazione gestita dallo stato»
Il popolo ha sonoramente bocciato la legge federale sui servizi d'identificazione elettronica.
GINEVRA
13 ore
Gli ecologisti sperano nel raddoppio a Ginevra
La verde Fabienne Fischer è ampiamente in testa oggi nel primo turno delle elezioni suppletive al Consiglio di Stato.
ZURIGO
13 ore
Verso il sì ai "detective sociali" e alla nazionalità di autori e vittime di reati
La maggioranza a sostegno dei due temi cari all'UDC è solida
GRIGIONI
14 ore
Niente diritto di voto agli stranieri a St. Moritz
La votazione odierna è stata preceduta da un vivace scambio di opinioni tra oppositori e sostenitori
SVIZZERA
15 ore
È fatta: l'iniziativa contro burqa e niqab passa “per un pelo”
"Sì" anche all'accordo con l'Indonesia (51,6%). Bocciata l'identità elettronica (64,4%).
SVIZZERA
15 ore
«La formazione sia aperta a tutti»
Il rettore dell'università di Zurigo vorrebbe aprire gli auditori anche a coloro che non dispongono di maturità.
VALLESE
16 ore
Un bimbo di otto anni muore a Saas-Fee
Il piccolo si trovava fuori dalle piste del comprensorio sciistico vallesano quando è caduto da una parete rocciosa.
SVIZZERA
16 ore
La Giornata del malato per le vittime del Covid-19
Parmelin: «Un tale flagello non lascia nessuno veramente indenne»
SVIZZERA
18 ore
I cittadini svizzeri al voto
Presto i verdetti su dissimulazione del volto, identità elettronica e accordo con l'Indonesia
SVIZZERA
19 ore
Un freno alle infrazioni senza multe né radar?
Un progetto di ricerca avviato dall'USTRA valuta delle misure alternative
GRIGIONI
1 gior
«I treni non sono luoghi dove fare i picnic»
La Ferrovia retica ha recentemente vietato le consumazioni su una delle sue linee
SAN GALLO
1 gior
«Era impulsivo e si infiammava facilmente»
La testimonianza di un ex dipendente dell'uomo accusato di aver ucciso la fidanzata a Buchs.
GRIGIONI
1 gior
In 4000 contro le misure restrittive
La dimostrazione è stata promossa dall'associazione "Stiller Protest" e si è tenuta in diverse città.
FOTO E VIDEO
ZURIGO
1 gior
Violenti scontri alla manifestazione per le donne
Disordini in occasione di un evento non autorizzato.
VALLESE
1 gior
Parapendio fatale per un 35enne
Non sono ancora chiari i motivi per cui l'uomo è precipitato
SVIZZERA
1 gior
Nelle ultime settimane c'è una certa sottomortalità, nonostante il Covid
Secondo gli esperti, le misure anti-coronavirus hanno ridotto il numero di morti per influenza
FRANCIA / SVIZZERA
1 gior
Donna uccisa a Lione, il marito arrestato in Svizzera
La 30enne era stata trovata senza vita giovedì sera in casa. Sarebbe stata colpita con un martello
SVIZZERA / BRASILE
1 gior
Lava Jato, scatta l'interrogazione sui metodi dell'MPC
Il consigliere nazionale UDC Piero Marchesi chiede chiarezza: «È nell'interesse della nostra piazza finanziaria»
SVIZZERA
07.06.2019 - 14:290
Aggiornamento : 16:58

Niente firma all'accordo quadro, servono chiarimenti dall'UE

L'esecutivo ha inviato oggi una lettera a Juncker. «Nessuna disposizione potrà essere interpretata come un obbligo di adottare la direttiva sul diritto dei cittadini Ue e i suoi sviluppi»

BERNA - Il Consiglio federale per ora non intende firmare l'Accordo istituzionale concluso con l'Unione europea. L'esecutivo ha inviato oggi una lettera al presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, nella quale chiede chiarimenti su protezione dei lavoratori, aiuti di Stato e direttiva sulla cittadinanza europea. Nell'attesa si attende il riconoscimento dell'equivalenza della Borsa svizzera oltre la fine di giugno.

Nella missiva, firmata dal presidente della Confederazione Ueli Maurer e dal cancelliere Walter Thurnherr, il governo riafferma la sua volontà «di trovare con l'Unione europea delle soluzioni sulle questioni istituzionali e ritiene che il risultato dei negoziati sull'accordo istituzionale corrispondono in larga misura agli interessi della Svizzera».

Questo concetto è stato ribadito dal consigliere federale Ignazio Cassis in conferenza stampa. «Il Consiglio federale intende consolidare e sviluppare la via bilaterale», ha detto il ministro degli esteri.

In questo senso, i risultati della consultazione hanno permesso di evidenziare come la maggioranza di coloro che hanno preso posizione ritengano che la conclusione di un accordo con Bruxelles sia nell'interesse della Svizzera. Detto ciò, Cassis ha subito chiarito che senza una chiarificazione sui punti controversi - e solo su quelli - il governo non firmerà il trattato.

Berna vuole «sicurezza giuridica» in merito ad alcune disposizioni relative alla protezione dei salari in vigore in Svizzera. Si tratta di una esigenza fondamentale, ha spiegato Cassis, precisando che la posizione elvetica in materia sarà discussa assieme ai partner sociali e i cantoni.

La Confederazione vuole anche essere sicura che le disposizioni sugli aiuti di Stato non vengano applicate in modo orizzontale all'Accordo di libero scambio del 1972. Il diritto europeo vieta questi aiuti perché possono distorcere la concorrenza e influire sugli scambi.

Nella lettera l'esecutivo afferma inoltre esplicitamente che «nessuna disposizione dell'accordo istituzionale potrà essere interpretata come un obbligo per la Svizzera di adottare la direttiva sul diritto dei cittadini Ue e i suoi sviluppi». Un'eventuale ripresa di tale direttiva potrà avvenire solo dopo un negoziato tra le parti, precisa ancora l'esecutivo.

Nella lettera inviata a Juncker, il governo afferma ancora che, sulla base di questi elementi, è pronto a intavolare un dialogo con la Commissione europea «allo scopo di giungere a una soluzione soddisfacente per entrambe le parti». Nella missiva il governo ha anche evidenziato l'importanza di rispettare le procedure interne elvetiche al fine di godere di un solido sostegno.

«Bisogna rendersi conto che il popolo è seduto al tavolo dei negoziati», ha sostenuto il consigliere federale Guy Parmelin. L'esecutivo non ha infatti nascosto che il trattato attualmente «non permetterebbe di raccogliere una maggioranza». Detto in altre parole, non supererebbe lo scoglio della votazione popolare.

Alla stampa, Cassis ha poi precisato che non sono state fissate scadenze temporali per discutere e ottenere le chiarificazioni richieste. L'importante è la qualità del risultato, ha aggiunto, precisando comunque che è nell'interesse delle due parti trovare rapidamente una intesa. Lo scopo è giungere a una soluzione sui tre punti controversi che soddisfi Berna e Bruxelles in modo da poter firmare l'accordo e trasmetterlo al Parlamento.

Cassis ha anche detto di aver parlato stamane con il commissario europeo Johannes Hahn, responsabile «per la politica di vicinato e i negoziati per l'allargamento», e di averlo messo al corrente della decisione del Consiglio federale. Questi, ha detto il ticinese, si è rallegrato di sapere quali siano esattamente i punti che la Svizzera vuole chiarire.

Nell'attesa di questi chiarimenti, l'esecutivo si aspetta una decisione favorevole da parte di Bruxelles in merito al riconoscimento dell'equivalenza della Borsa svizzera. «Ci aspettiamo un suo prolungamento visto il nostro impegno a favore della via bilaterale, così come dimostra anche la chiara opposizione del governo all'iniziativa dell'UDC che chiede la fine della libera circolazione delle persone», ha sostenuto la consigliera federale Karin Keller-Sutter.

Le reazioni:

A Bruxelles c'è ottimismo: «Evoluzione positiva» - La Commissione europea vede con occhio positivo le dichiarazioni odierne del Consiglio federale sull'accordo quadro tra Berna e Bruxelles. «Si tratta di un'evoluzione complessivamente positiva», ha affermato un portavoce dell'istituzione. La lettera inviata dal Consiglio federale a Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione, nella quale vengono chiesti una serie di chiarimenti, sarà esaminata attentamente, ha aggiunto l'addetto stampa. Per ora da Bruxelles non possono dire altro, ha concluso, promettendo una risposta «in tempi utili».

PS soddisfatto - Il PS è soddisfatto della decisione presa oggi dal Consiglio federale di non firmare, per ora, l'Accordo quadro concluso con l'Unione europea (Ue). È quanto afferma il consigliere nazionale socialista Corrado Pardini (BE). «È giusto che il governo pretenda chiarimenti», ha detto Pardini all'agenzia Keystone-ATS. «Questo permetterà di sostenere le misure d'accompagnamento e di proteggere i salari, così come delucidare gli aspetti riguardanti l'aiuto sociale, tutte priorità del PS».

PLR molto meno - Meno raggiante la reazione dei liberali-radicali: la consigliera nazionale Doris Fiala (ZH) non è soddisfatta, e si sarebbe aspettata una risposta chiara - sì o no - da parte dell'esecutivo. Un "sì", a suo dire, avrebbe permesso in seguito di fare precisazioni, e nel frattempo di portare avanti il testo alle Camere. La preoccupazione riguarda in particolare l'equivalenza della Borsa, che scade a fine mese. Secondo Fiala, non è chiaro se il Consiglio federale riuscirà a trovare un'intesa con Bruxelles in così breve tempo. Il PLR, in un comunicato, si è comunque espresso in modo positivo e ha lodato il fatto che il governo abbia preso in mano le redini della questione.

Il PPD: «Segnale importante» - Il PPD vede nella decisione dell'esecutivo un segnale importante per consolidare e proseguire la via bilaterale con l'Ue. Il partito si felicita in particolare del fatto che il governo abbia ascoltato la sua richiesta di chiedere chiarimenti e precisazioni. Solo così è infatti possibile trovare un accordo in grado di ottenere una maggioranza.

Esulta l'UDC: «Ora è da archiviare definitivamente» - L'UDC festeggia in particolare perché l'accordo non è stato siglato, interpretando la cosa come un successo della pressione costante esercitata dal partito. I democentristi però non si accontentano di un semplice rinvio per chiarimenti, ma chiedono che il testo venga definitamente archiviato, poiché mette in pericolo l'indipendenza, la democrazia diretta e il benessere della Svizzera.

Festeggiano anche USAM, USI e Travail.Suisse - L'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) ha invece comunicato la propria soddisfazione. Parafare l'accordo quadro non è una questione urgente. Con la decisione di oggi, il governo si è schierato in favore degli interessi di tutto il Paese e non solamente degli ambiti economici. Anche Travail.Suisse accoglie positivamente la richiesta di maggiori chiarimenti decisa dall'esecutivo, in modo che l'accordo non porti a un indebolimento della protezione del lavoro. «Con la definizione di tempistiche serrate e un chiaro voto a favore dell'accordo quadro, la politica europea del Consiglio federale riprende quota», ha dal canto suo affermato l'Unione svizzera degli imprenditori (USI). Tuttavia, si legge in un comunicato, ci sono ancora diversi punti critici da risolvere.

OCST: «Soddisfatti per la politica di protezione» - L’OCST non ha mancato di esternare la propria soddisfazione per «la politica di protezione delle misure di accompagnamento alla Libera circolazione delle persone» e per la richiesta di «ulteriori incontri di trattativa con l’Unione europea». «Il tema della protezione del mercato del lavoro svizzero, già, messo sotto pressione dalla libera circolazione, specialmente nelle regioni di confine, è troppo importante per un Paese come il nostro, nel quale i livelli salariali sono superiori a quelli dei Paesi confinanti», spiega il sindacato in una breve presa si posizione. «Restano tuttavia da preservare, pur mantenendo salda la sovranità popolare, solidi e costruttivi rapporti con l’Unione europea, nostro principale partner commerciale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
El Jardinero 1 anno fa su tio
Tutti quelli che criticano l'UE, come fanno ad essere così sicuri e certi del suo fallimento? Non mi sembra che in Italia ci siano più problemi oggi di una volta ai tempi della Lira... chiediamolo alle generazioni emigrate dal sud. Saluti.
patrick28 1 anno fa su tio
Accordo va firmato. Noi Svizzeri sempre indecisi. Avanti con coraggio ! Forza UE
jo18 1 anno fa su tio
@patrick28 Visto che sei così pro Europa perchè non ti trasferisci in uno dei paesi sull'orlo del fallimento che la compongono? L' UE era un fallimento già in partenza, è composta da stati falliti e con enormi disparità economiche tra di loro, chi può credere che possa funzionare?
Zarco 1 anno fa su tio
@patrick28 Dillo a chi ci sta! Due pesi e due misure ... uno schifo
Maxy70 1 anno fa su tio
Onore al Consiglio Federale! Adesso che i Sigg. Parlamentari li appoggino!
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Finalmente hanno finito,i nostri federali,di calare le braghe di fronte all`unione europea.Leggere l`articolo di Tito Tettamenti sui burocrati che comandano a Bruxelles e poi aprite gli occhi.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-08 03:17:25 | 91.208.130.85