Keystone
Il relatore di maggioranza era il ticinese Rocco Cattaneo.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14 min
Il Consiglio nazionale in breve
ZURIGO
32 min
L'intervento rarissimo che ha salvato la vita al piccolo Fabian
SVITTO
38 min
Contadino cade in una vasca di liquame e muore
SVIZZERA
40 min
Codice stradale troppo severo, si corre ai ripari
ZURIGO
55 min
Commessa da 143 milioni per Implenia
GRIGIONI
1 ora
Un colpo di sonno e lo schianto
SVIZZERA
1 ora
Allevamento intensivo, depositate oltre 100mila firme
SVIZZERA
2 ore
Rischiò un frontale con la polizia: sconfessato dal TF
SVIZZERA
2 ore
Swiss: un'estate 2019 un po' più puntuale
URI
3 ore
Ecco cosa può succedere quando ci si distrae...
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
3 ore
Finanziamento dei partiti, chiusa la procedura contro la Svizzera
ZURIGO
3 ore
PMI meno ottimistiche per il futuro
BERNA
3 ore
Tabacco, verso un giro di vite su vendita e pubblicità per minori
SVIZZERA
3 ore
Migros ritira i Chicken Nuggets dei Lillibigs: contengono pezzetti di osso
GINEVRA
3 ore
Il motore "sputa" scintille, panico in volo
SVIZZERA
06.06.2019 - 12:000

Il Nazionale sblocca due miliardi per l'esercito

Tutti i tagli sul budget proposti dalla sinistra sono stati rispediti al mittente. Cattaneo: «I crediti sono fondamentali per lo sviluppo e per aumentare l'attrattività del grigioverde»

BERNA - Il messaggio sull'esercito 2019 ha ricevuto oggi il via libera del Consiglio nazionale, che lo ha approvato con 177 voti a favore, tre astenuti e zero opposizioni. Gli investimenti ammontano a circa due miliardi di franchi: tutti i tagli proposti dalla sinistra sono stati rispediti al mittente, come già in sede di commissione.

«I crediti sono fondamentali per lo sviluppo dell'esercito, ad esempio per migliorarne equipaggiamento e istruzione, oltre che per aumentare la sua attrattiva», ha sottolineato il relatore di maggioranza Rocco Cattaneo (PLR/TI). Due gli ambiti prioritari individuati dal Consiglio federale nell'elaborazione del messaggio: perfezionare i mezzi d'esplorazione e modernizzare la logistica.

Il budget è così suddiviso: 861 milioni per il programma d'armamento, 762 milioni per il materiale e 414 milioni per il programma degli immobili del Dipartimento federale della difesa. Inoltre è stata apportata una modifica della legge militare.

Mortai controversi - Per quanto riguarda l'armamento, l'unico tesoretto (118 milioni) messo in dubbio è stato quello destinato a mandare in pensione l'attuale mortaio da 8,1 centimetri, in uso da oltre 40 anni, usato da fanteria e forze speciali. «Tale modello è obsoleto», ha dichiarato Roger Golay (MCG/GE): «Pensare che una sostituzione sia inutile è utopia».

Secondo il governo e la destra, una nuova arma di questo tipo è fondamentale, dato che può essere impiegata più rapidamente e con maggiore precisione. Stando alla consigliera federale Viola Amherd, «i recenti mortai hanno un computer balistico, che evita danni collaterali nelle zone edificate».

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 15:33:39 | 91.208.130.86