Keystone (archivio)
Oggi il Consiglio nazionale ha bocciato una mozione dell'UDC che contestava questa decisione.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
10 min
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
35 min
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
45 min
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
2 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
2 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
3 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
3 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
4 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
4 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
4 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
SVIZZERA
5 ore
BNS: averi a vista aumentati di 0,8 miliardi di franchi
SVIZZERA
5 ore
Salt: nessuna fretta nella realizzazione della rete 5G
SVIZZERA
5 ore
Basta con la libera circolazione? Dibattiti "accesi" a Berna
ZURIGO
5 ore
Pestati brutalmente da cinque persone «perché siete gay»
SCIAFFUSA
7 ore
Incidente mortale con un gommone sul Reno
SVIZZERA
05.06.2019 - 15:590

Anche il Nazionale si ferma per lo sciopero delle donne

In seguito a una proposta di Marina Carobbio la Camera del popolo si concederà una pausa dai lavori tra le 11.00 e le 11.15 di venerdì 14 giugno

BERNA - Il Consiglio nazionale interromperà brevemente la propria seduta venerdì 14 giugno, giorno in cui è in programma lo sciopero delle donne. Oggi ha respinto - per 114 voti contro 55 - una mozione dell'UDC, che contestava tale decisione dell'Ufficio del Nazionale.

In seguito a una proposta della presidente della Camera del popolo Marina Carobbio (PS/TI), l'ufficio ha stabilito tacitamente una pausa dei lavori parlamentari tra le 11.00 e le 11.15, ha affermato la vicepresidente del Nazionale Isabelle Moret (PLR/VD).

«Abbiamo voluto evitare una mozione d'ordine e una discussione infinita il giorno stesso», ha aggiunto la vodese. Dal canto suo, il Consiglio degli Stati ha deciso di non riunirsi il 14 giugno, preferendo anticipare gli oggetti in programma a mercoledì. La legge sul servizio civile, la cui discussione era inizialmente prevista quel giorno, non è infatti pronta e sarà trattata durante una prossima sessione.
 
 

Commenti
 
vulpus 3 mesi fa su tio
E questa vorrebbe candidarsi per gli Stati, con grande preoccupazione del pres Righini, che li vorrebbe tutti ai suoi ordini ?
beta 3 mesi fa su tio
Questi sono i grandi problemi sinistri ? Di male in peggio quando in certi posti ci istallano delle menti contorte .
Nmemo 3 mesi fa su tio
Di fatto la sospensione simbolica dei lavori è un sostegno di un’Alta istituzione nazionale a una manifestazione chiaramente di matrice politica di sinistra. Per qualche deputato(a) varrà quale pausa caffè straordinaria.
curzio 3 mesi fa su tio
Se si fermano, non fanno danni!
Joseph 3 mesi fa su tio
Lavorate, poltronare, a favore della gente (uomini e donne) anziché di voler tingere di rosa l'economia e la politica. Il migliore (uomo o donna che sia) va promosso! Dunque volate basso e fatevi valere secondo le vostre qualità. PS: di donne al volante ne abbiamo abbastanza sia in Ticino che nelle imprese pseudo elvetiche (Autopostale insegna).
marco17 3 mesi fa su tio
@Joseph Siamo ancora al livello delle "donne al volante". Decisamente sei più arretrato di un troglodita.
Tato50 3 mesi fa su tio
@marco17 E il 15 facciano 20 minuti di sospensione perché le mogli non glie l'hanno data ;-(((
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 15:29:25 | 91.208.130.87