Keystone (archivio)
La proposta è stata respinta per 145 voti a 41.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
6 min
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
31 min
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
41 min
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
1 ora
Il candidato più vecchio ha 88 anni, il più giovane... 17!
SVIZZERA
2 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
2 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
3 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
3 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
4 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
4 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
4 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
SVIZZERA
4 ore
BNS: averi a vista aumentati di 0,8 miliardi di franchi
SVIZZERA
5 ore
Salt: nessuna fretta nella realizzazione della rete 5G
SVIZZERA
5 ore
Basta con la libera circolazione? Dibattiti "accesi" a Berna
ZURIGO
5 ore
Pestati brutalmente da cinque persone «perché siete gay»
SVIZZERA
05.06.2019 - 15:380

Nessun sacrificio dai deputati: «Non tagliamo le nostre indennità»

Il Consiglio nazionale ha respinto nettamente un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Roger Köppel che richiedeva il dimezzamento delle indennnità

BERNA - Quasi sempre pronti a sforbiciare nel bilancio dello Stato, un po' meno quando si tratta di stringere la cinghia. Per 145 voti a 41, il Consiglio nazionale ha infatti respinto nettamente un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Roger Köppel (UDC/ZH) volta a dimezzare le indennità concesse ai rappresentanti del popolo.

Secondo l'editore della Weltwoche, il sistema di compensazione attuale incoraggia ad aumentare o prolungare il numero di sessioni, anche quando non è necessario, invece che attenersi a un programma rigoroso.

Riducendo l'importo delle indennità, i membri delle Camere federali fisserebbero delle priorità, garantendo così una riduzione del volume di lavoro.

Per l'Ufficio del Nazionale, invece, l'attuale sistema consente ai parlamentari di svolgere un'attività lucrativa in aggiunta al loro mandato parlamentare, preservando in questo modo lo spirito di milizia.

Una riduzione delle indennità favorirebbe coloro che hanno tempo e risorse sufficienti per impegnarsi in politica, nuocendo in questo modo alla rappresentatività del Parlamento.

Commenti
 
lo spiaggiato 3 mesi fa su tio
Di sicuro quelli che possono permettersi di fare il parlamentare aggratis (o quasi) sono quelli che stanno ben al caldo in decine di consigli di amministrazione... dubito che questi qua svolgano il loro lavoro di parlamentare a favore del popolo invece di rappresentare le aziende... :-))))
Foxdilollo78 3 mesi fa su tio
Indennità in base al reddito??
Nmemo 3 mesi fa su tio
A ogni livello si pone primariamente il dilemma: cariche politiche di milizia o professionali? A livello comunale (grandi comuni ticinesi) il problema è ancora più marcato per carenze non più giustificabili
Zico 3 mesi fa su tio
qualcunio mi può indicare un posto dove si può vedere chi sono i 41 virtuosi? rispettivamente i 145 maiacadreghe e maiasoldi al servizio di loro stassi?
marco17 3 mesi fa su tio
@Zico Proposta demagogica di un deputato infrequentabile e che non ha bisogno d'indennità essendo sul libro paga del miliardario Blocher. Tu saresti disposto a dimezzarti lo stipendio?
Zico 3 mesi fa su tio
@marco17 ce ne sono altri 40. sono tutti sul libro paga di Blocher? inoltre ho chiesto chi siano. tu lo sai o ne conosci solo uno? se sai dove si può vedere dimmelo. se no lasa sta la demagogia lasciala dov'è. NO, non mi dimezzo lo stipendio ma non vado nemmeno a Berna a gridare che siamo in crisi e che bisogna fare sacrifici, per poi farli fare agli altri!
Calotta Polare 3 mesi fa su tio
@Zico Trovi i dati su parlament.ch. La notizia e la questione andrebbero approfondite. Se capisco bene la maggioranza di quelli che definisci virtuosi e hanno votato sì sono parlamentari borghesi, con estrazione sociale elevata. Questi non hanno necessità di retribuzione in parlamento perché hanno sufficienti introiti da altre fonti. Immagino sia più difficile per chi, come parlamentare, ha un occupazione a tempo parziale "normale". In questo caso, se così fosse, l'iniziativa avrebbe favorito soprattutto i parlamentari benestanti (chiamiamoli così). Sarebbe interessante capire meglio la questione.
marco17 3 mesi fa su tio
@Zico Il problema è semplice: riducendo le indennità si impedisce a chi non è ricco al punto di non dover lavorare per vivere di accedere alle cariche politiche. Le indennità in Svizzera non sono stratosferiche: equivalgono a un salario dignitoso. La demagogia è dalla parte di coloro che pretendono che un politico (uomo o donna che sia) dovrebbe prestarsi gratuitamente.
Thor61 3 mesi fa su tio
@marco17 Quindi se fai politica la fai solo per denaro?!! La realtà dice questo!!! Poi se uno vuole fare qualcosa per il prossimo può fare politica anche nel tempo libero, cosa che dovrebbero FARE TUTTI!!! Altrimenti fai il lavoro del politicante!
Thor61 3 mesi fa su tio
@Calotta Polare Personalmente dubito che esistano parlamentari Proletari, come è chiaro che siano tutti benestanti, far politica a certi livelli costa!
curzio 3 mesi fa su tio
Qualcuno si sorprende?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 15:25:04 | 91.208.130.85